Par­ma, dai ver­ti­ci Ue­fa all’in­fer­no

Do­po il fal­li­men­to ten­ta la re­sur­re­zio­ne con Sca­la

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Pordenone - Mar­co Agru­sti

POR­DE­NO­NE - C'è un mo­ti­vo se Por­de­no­ne-par­ma è pre­sen­ta­ta co­me la par­ti­ta più im­por­tan­te ospi­ta­ta nel­la sto­ria re­cen­te dal Bot­tec­chia. È ve­ro, in cit­tà so­no già pas­sa­ti Co­mo, Ve­ne­zia, Reg­gia­na, so­lo per ci­tar­ne al­cu­ne. Ma il Par­ma è un'al­tra co­sa, è dav­ve­ro la gran­de de­ca­du­ta del cal­cio ita­lia­no. Ba­sta tor­na­re in­die­tro al­la me­tà de­gli an­ni '90. En­ri­co Chie­sa, Her­nan Cre­spo, Juan Se­ba­stian Ve­ròn: con que­sti uo­mi­ni il Par­ma sfio­ra­va più vol­te lo scu­det­to e vin­ce­va due vol­te la Cop­pa Ue­fa (ul­ti­mo club ita­lia­no a es­se­re riu­sci­to ad ag­giu­di­car­se­la) e tre vol­te la Cop­pa Ita­lia. Il Tar­di­ni era uno sta­dio in cui tre­ma­va­no tut­ti. Gio­ca­re con­tro i gial­lo­blù era du­ris­si­ma. Ma nel 2004 ar­ri­vò il pri­mo col­po sot­to la cin­tu­ra: in quell'an­no esplo­se il crac Par­ma­lat e il pa­tròn del Par­ma, Cal­li­sto Tan­zi, fu ar­re­sta­to. Co­sì, a fi­ne an­no, per evi­ta­re la re­tro­ces­sio­ne tra i di­let­tan­ti nac­que il Par­ma Foot­ball Club, so­cie­tà nuo­va, ma ere­di­tie­ra dei di­rit­ti del vec­chio so­da­li­zio. Fu la fi­ne dei so­gni di glo­ria: scat­tò la fre­ne­ti­ca ri­cer­ca di un ac­qui­ren­te (nel frat­tem­po a ge­sti­re il club si tro­vò il com­mis­sa­rio En­ri­co Bon­di) e le ri­sor­se ca­la­ro­no bru­sca­men­te. No­no­stan­te ciò ar­ri­vò - nel 2006 - l'ul­ti­ma qua­li­fi­ca­zio­ne al­la Cop­pa Ue­fa. Con­ten­ti­no, per­ché da quel mo­men­to ini­ziò una di­sce­sa sen­za fi­ne. Una re­tro­ces­sio­ne, mi­ti­ga­ta dal­la suc­ces­si­va pro­mo­zio­ne in A, ma so­prat­tut­to la ven­di­ta all'asta del club (4 mi­lio­ni di eu­ro nel 2007) all'im­pren­di­to­re bre­scia­no Tom­ma­so Ghi­rar­di. Se­gui­ro­no an­ni fat­ti di cam­pio­na­ti da me­tà clas­si­fi­ca, fi­no al tri­ste epi­lo­go del 2015. Un an­no e mez­zo fa il Par­ma è de­fi­ni­ti­va­men­te fal­li­to: la squa­dra, ri­ma­sta per­si­no sen­za le doc­ce cal­de du­ran­te gli al­le­na­men­ti, fi­ni­sce pre­da di ac­qui­ren­ti po­co cre­di­bi­li, co­me il ber­ga­ma­sco Giam­pie­ro Ma­nen­ti (pro­met­te­va in­ve­sti­men­ti, non ver­sò un eu­ro). Nell'esta­te del 2015 l'asta per la ven­di­ta del club fi­ni­sce de­ser­ta, si rom­pe il fi­lo del­la sto­ria. Lo rial­lac­cia la Ssd Par­ma Cal­cio 1913, che ri­par­te dal­la D e che og­gi rien­tra nel pro­fes­sio­ni­smo in Legapro, per­den­do la de­no­mi­na­zio­ne "Ssd". Il pre­si­den­te at­tua­le è Ne­vio Sca­la, pro­prio l'al­le­na­to­re che a me­tà an­ni '90 sfio­rò lo scu­det­to. La sto­ria, cir­co­la­re, è tor­na­ta al suo po­sto.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.