UN SER­VI­TO­RE DEL­LO STA­TO NEL­LE ORE DIF­FI­CI­LI

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - DI RO­MA­NO PRO­DI

Carlo Aze­glio Ciam­pi ha spe­so la sua vi­ta a ser­vi­zio dell'italia, sem­pre chia­ma­to in cir­co­stan­ze dram­ma­ti­che e mai spin­to da per­so­na­le am­bi­zio­ne. Co­sì è sta­to quan­do è sta­to no­mi­na­to Go­ver­na­to­re del­la Ban­ca d'italia (...)

(...) nel 1979, co­sì quan­do ha ri­co­per­to il ruo­lo di Pre­si­den­te del Con­si­glio nel 1993, co­sì quan­do gli ho chie­sto (a lui che era già sta­to Pre­si­den­te del Con­si­glio) di ac­cet­ta­re di es­se­re Mi­ni­stro del Te­so­ro nel 1996, in un mo­men­to in cui l'italia ave­va bi­so­gno di una per­so­na­li­tà sin­go­lar­men­te au­to­re­vo­le, ri­spet­ta­ta e quin­di in gra­do di man­te­ner­ci fra i pae­si di ri­fe­ri­men­to dell'unio­ne Eu­ro­pea.

L'italia (even­to non fre­quen­te nel no­stro pae­se) si è ri­co­no­sciu­ta nel­le sue vir­tù: per que­sto mo­ti­vo si è stret­ta in­tor­no a lui nell'eleg­ger­lo Pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca al pri­mo scru­ti­nio, con una mag­gio­ran­za ple­bi­sci­ta­ria, ac­com­pa­gnan­do­lo poi con ap­pro­va­zio­ne ed af­fet­to du­ran­te tut­to il suo set­ten­na­to pre­si­den­zia­le.

Due so­no sta­ti i ri­fe­ri­men­ti nel­la vi­ta di Carlo Aze­glio Ciam­pi e, an­co­ra più, nel trat­to di stra­da nel qua­le ab­bia­mo cam­mi­na­to in­sie­me: Eu­ro­pa e Co­sti­tu­zio­ne. L'eu­ro­pa co­me pun­to di ri­fe­ri­men­to in­di­spen­sa­bi­le per man­te­ne­re l'italia nel­la mo­der­ni­tà e la Co­sti­tu­zio­ne co­me stru­men­to per man­te­ne­re l'italia uni­ta.

Per rag­giun­ge­re que­sti due gran­di obiet­ti­vi Ciam­pi ave­va uno sti­le suo per­so­na­le: non man­ca­va mai di ri­chia­ma­re l'obiet­ti­vo fi­na­le che l'azio­ne di go­ver­no si pro­po­ne­va ma non lo fa­ce­va con di­chia­ra­zio­ni ro­boan­ti. Lo fa­ce­va con la con­sa­pe­vo­lez­za che i gran­di obiet­ti­vi si rag­giun­go­no so­lo con la fa­ti­ca del gior­no per gior­no, mo­bi­li­tan­do tut­te le ri­sor­se di­spo­ni­bi­li a ser­vi­zio del­la cau­sa.

Non pos­so di­men­ti­car­mi le riu­nio­ni qua­si quo­ti­dia­ne a Pa­laz­zo Chi­gi, riu­nio­ni nel­le qua­li, co­me ge­sto ini­zia­le, to­glie­va dal­la ta­sca un fo­gliet­to con le ul­ti­me ci­fre dei con­ti del­lo Sta­to, ci­fre che ter­mi­na­va­no in­va­ria­bil­men­te con il da­to del­lo "spread", cioè del­la dif­fe­ren­za dei tas­si di interesse fra ti­to­li pub­bli­ci ita­lia­ni e te­de­schi, co­me se­gno del ri­sul­ta­to dell'azio­ne di go­ver­no nei con­fron­ti dell'obiet­ti­vo fi­na­le che ci era­va­mo pro­po­sti.

Que­sto era Ciam­pi: uno sta­ti­sta che sa­pe­va che la politica era fat­ta di gran­di idea­li e di gran­di obiet­ti­vi e che per­ciò te­ne­va sem­pre di­rit­to il ti­mo­ne ver­so l'eu­ro­pa e ver­so l'uni­tà d'italia ma, nel­lo stes­so tem­po con la con­sa­pe­vo­lez­za che, per rag­giun­ge­re que­sti obiet­ti­vi, bi­so­gna­va fa­ti­ca­re ogni gior­no, cam­mi­nan­do pas­so per pas­so nel­la di­re­zio­ne in­tra­pre­sa.

Il "fo­gliet­to dei nu­me­ri" era il mo­do quo­ti­dia­no di di­mo­stra­re che sen­za la fa­ti­ca quo­ti­dia­na e sen­za un'idea con­cre­ta ed ana­li­ti­ca del buon go­ver­no non si po­te­va­no rag­giun­ge­re ri­sul­ta­ti du­ra­tu­ri.

An­che nei dif­fi­ci­li con­fron­ti in­ter­na­zio­na­li Ciam­pi si com­por­ta­va al­lo stes­so mo­do: te­ne­va fer­mi i no­stri obiet­ti­vi e i no­stri di­rit­ti ma li ren­de­va cre­di­bi­li po­nen­do sul ta­vo­lo l'elen­co ana­li­ti­co del­le dif­fi­col­tà, del­le misure pre­se per su­pe­rar­le e dei pro­gres­si com­piu­ti. Una po­si­zio­ne che si pre­sen­ta­va for­te per la sin­go­la­re cre­di­bi­li­tà di chi la pro­po­ne­va. Una cre­di­bi­li­tà so­ste­nu­ta dal­la sua coe­ren­za di

vi­ta, dal­la sua se­re­ni­tà dei rap­por­ti ami­ca­li e fa­mi­glia­ri, che han­no sem­pre vi­sto al suo fian­co l'in­se­pa­ra­bi­le pre­sen­za del­la si­gno­ra Fran­ca, una pre­sen­za che ha ac­com­pa­gna­to con il suo af­fet­to e la sua vi­ci­nan­za l'in­te­ra vi­ta di Carlo. Una vi­ci­nan­za gui­da­ta dal­lo stes­so ri­go­re e dal­lo stes­so sen­so di ser­vi­zio, sen­za mai un' in­ter­fe­ren­za ne­gli af­fa­ri del­lo Sta­to. Una pre­sen­za sem­pre af­fet­tuo­sa, in­tel­li­gen­te, spi­ri­to­sa ma mai in­gom­bran­te.

Gli an­ni di re­spon­sa­bi­li­tà politica di Ciam­pi so­no sta­ti an­ni dif­fi­ci­li, nei qua­li l'italia ha di­mo­stra­to trop­po spes­so di­vi­sio­ni e ten­sio­ni. Per que­sto mo­ti­vo l'ho sem­pre sen­ti­to in­si­ste­re sul­la ne­ces­si­tà di raf­for­za­re il sen­so di ita­lia­ni­tà, ri­te­nu­to in­di­spen­sa­bi­le an­che per ri­co­pri­re un de­gno ruo­lo in Eu­ro­pa. Que­sto è il mo­ti­vo del suo con­ti­nuo ri­fe­ri­men­to all'in­no nazionale sen­ti­to e pro­po­sto co­me "un can­to di po­po­lo, un can­to che an­co­ra tra­sci­na e com­muo­ve e con­ser­va tut­to in­tat­to quell'amo­re "per un'italia li­be­ra e uni­ta". L'in­no nazionale è con­ce­pi­to co­me una bat­ta­glia per ri­da­re vo­ce al ri­tro­var­ci co­me ita­lia­ni, at­tra­ver­so l'ap­pren­di­men­to di quel "Fra­tel­li d'italia" che mol­ti ave­va­no qua­si snob­ba­to, di­men­ti­can­do che, pri­vi di sim­bo­li do­ve abi­ta­re, do­ve ri­pa­rar­si e do­ve cre­sce­re, i sen­ti­men­ti di ap­par­te­nen­za co­mu­ne so­no de­sti­na­ti a dis­sol­ver­si.

Per Ciam­pi "il fo­gliet­to dei nu­me­ri" ren­de cre­di­bi­li i prin­ci­pi ma i nu­me­ri as­su­mo­no cre­di­bi­li­tà so­lo se ac­com­pa­gna­ti da for­ti prin­ci­pi. For­ti prin­ci­pi che han­no ac­com­pa­gna­to la vi­ta di Carlo Aze­glio Ciam­pi an­che nel sem­pre com­ples­so rap­por­to fra politica e re­li­gio­ne. Ciam­pi era fer­ma­men­te re­li­gio­so e fer­ma­men­te lai­co. Lai­co, ma non lai­ci­sta: in que­sto cam­po edu­ca­to dai pa­dri ge­sui­ti, che han­no gui­da­to la sua for­ma­zio­ne gio­va­ni­le al sen­so del­la di­stin­zio­ne fra fe­de e politica, fra Sta­to e Chie­sa. Una for­ma­zio­ne che gli ha per­mes­so di es­se­re per tut­ti noi ita­lia­ni un pun­to di ri­fe­ri­men­to che ci sa­rà da gui­da an­che nel­le dif­fi­ci­li scel­te del no­stro fu­tu­ro.

IL PRE­SI­DEN­TE

Carlo Aze­glio Ciam­pi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.