Pa­ri­si: «Noi l’al­ter­na­ti­va» Ma in pla­tea po­chi po­li­ti­ci

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - Re­na­to Pez­zi­ni-giam­pie­ro Ti­mos­si

So­lo do­po un pa­io d’ore di in­ter­ven­ti qual­cu­no osa fa­re il no­me di Ber­lu­sco­ni. Ma a vol­ge­re il pen­sie­ro al Ca­va­lie­re as­sen­te non è né il pa­dro­ne di ca­sa Ste­fa­no Pa­ri­si né un re­la­to­re, ben­sì la si­gno­ra Lau­ra Ca­pel­la che dal pubblico chie­de il mi­cro­fo­no ed esor­ta: «Dob­bia­mo ri­tro­va­re lo spi­ri­to del 1994 quan­do Lui ci por­tò al­la vit­to­ria». Poi tor­na a se­der­si e di Sil­vio non si oc­cu­pa più nes­su­no, qua­si fos­se una pre­sen­za in­gom­bran­te da te­ne­re a di­stan­za. Ma è pos­si­bi­le par­la­re di cen­tro­de­stra igno­ran­do il Cav?

In un han­gar del­la pe­ri­fe­ria sud di Mi­la­no i po­sti a se­de­re so­no due­mi­la, qua­si tut­ti oc­cu­pa­ti. Mol­ti ca­pel­li bian­chi e po­chi gio­va­ni. Sul pal­co i mi­ti­ci «rap­pre­sen­tan­ti del­la so­cie­tà ci­vi­le» che si esi­bi­sco­no in un ro­sa­rio di buo­ne in­ten­zio­ni che so­ven­te coin­ci­de con un qua­der­no di do­glian­ze sul­le co­se che non van­no. «Idee per riac­cen­de­re l’italia» è il ti­to­lo del­la con­ven­tion di due gior­ni che do­vreb­be ri­da­re ner­bo - e un nuo­vo lea­der - a una coa­li­zio­ne in cer­ca d’au­to­re e di un co­pio­ne di­gni­to­so.

So­no an­ni che For­za Italia cer­ca un pos­si­bi­le so­sti­tu­to del fon­da­to­re. La li­sta dei po­ten­zia­li del­fi­ni che si so­no bru­cia­ti le ali nel ten­ta­ti­vo di spic­ca­re il vo­lo è or­mai lun­ghis­si­ma, da Fi­ni ad Al­fa­no, da Raf­fae­le Fit­to a Gio­van­ni To­ti. Ades­so è il tur­no di Ste­fa­no Pa­ri­si, il ma­na­ger dai to­ni mo­de­ra­ti e dal vol­to cre­di­bi­le che ha con­qui­sta­to Ber­lu­sco­ni te­nen­do al­ta la ban­die­ra del cen­tro­de­stra nel­la bat­ta­glia - per­sa - per la pol­tro­na di sin­da­co di Mi­la­no. Un po­ten­zia­le lea­der frut­to di una scon­fit­ta, e già que­sto la di­ce lun­ga.

Di­co­no che Sil­vio lo ab­bia chia­ma­to ve­ner­dì se­ra pri­ma di par­ti­re per la Sar­de­gna: «In boc­ca al lu­po. Io so­no con te». Poi s’è mes­so al­la fi­ne­stra a guar­da­re quel che suc­ce­de poi­ché se è ve­ro che lo stes­so Ber­lu­sco­ni ha spin­to Pa­ri­si a pren­de­re l’ini­zia­ti­va, è an­che ve­ro che pri­ma di met­te­re il pro­prio si­gil­lo all’ope­ra­zio­ne vuo­le ac­cer­tar­si che nell’elen­co del­le per­so­ne da rot­ta­ma­re sti­la­to dal ma­na­ger non fi­gu­ri an­che il pro­prio no­me. Dun­que, pru­den­za. An­che per­ché il re­sto del par­ti­to è in sub­bu­glio.

«Sia­mo qui per co­strui­re una piat­ta­for­ma nuo­va e un nuo­vo pro­gram­ma di go­ver­no», esor­di­sce Pa­ri­si. E tut­to in ap­pa­ren­za è chia­ro. Ri­da­re di­gni­tà al cen­tro­de­stra si­gni­fi­ca tor­na­re nell’al­veo di una politica mo­de­ra­ta, che non vi­ve di con­trap­po­si­zio­ni ma di pro­po­ste, «per­ché ab­bia­mo per­so per stra­da mi­lio­ni di vo­ti» e per ri­por­ta­re la gen­te dal­la pro­pria par­te «bi­so­gna di­re ba­sta a que­sto cli­ma di odio». Il pro­ble­ma, tut­ta­via, è che an­co­ra nes­su­no a ca­pi­to qua­le ruo­lo pos­sa co­pri­re, su que­sta «piat­ta­for­ma nuo­va», il Ca­va­lie­re.

In pla­tea scar­seg­gia­no i po­li­ti­ci. C’è piut­to­sto il va­rie­ga­to mon­do che ha so­ste­nu­to Pa­ri­si al­le co­mu­na­li. L’ala an­ti­pa­pi­sta di Co­mu­nio­ne e Li­be­ra­zio­ne (For­mi­go­ni, Ce­sa­na, Lu­pi), pez­zi im­por­tan­ti del­la co­mu­ni­tà ebrai­ca, re­du­ci di Scel­ta Ci­vi­ca, la Mi­la­no dei sa­lot­ti bi­par­ti­san do­ve si è so­li­ti par­la­re più di mas­si­mi si­ste­mi che di politica. Cer­to, c’è an­che Ma­ria Stel­la Gel­mi­ni, ma so­lo «per ascol­ta­re». C’è Gian­fran­co Mic­ci­ché che ascol­ta mol­to po­co e fa ca­pan­nel­lo con al­cu­ni afi­cio­na­dos di­scu­ten­do d’al­tro. E c’è qual­che rot­ta­ma­to in cer­ca di ri­na­sci­ta, co­me Clau­dio Sca­jo­la: «L’in­ve­sti­tu­ra di Pa­ri­si è la mi­glio­re idea di Sil­vio de­gli ul­ti­mi an­ni».

IN CAM­PO Pa­ri­si pro­va ad

im­met­te­re "ener­gia" nel

mo­to­re in­cep­pa­to del cen­tro­de­stra,

pa­re con la be­ne­di­zio­ne di

Ber­lu­sco­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.