Il ta­len­to del­le don­ne sve­la­to da Pe­ter Høeg

L’au­to­re da­ne­se pre­sen­te­rà og­gi il nuo­vo th­ril­ler "L’ef­fet­to Su­san" «Mi pia­ce sco­pri­re l’uni­ver­so ro­sa»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primopiano - Mau­ro Ros­sa­to

Gran­de at­te­sa og­gi (11.30, al Con­ven­to di San Fran­ce­sco) per l’in­con­tro con lo scrit­to­re Pe­ter Høeg, che an­co­ra una vol­ta con­dur­rà i let­to­ri nel suo mon­do po­po­la­to di eroi­ne fem­mi­ni­li che com­bat­to­no gran­di co­spi­ra­zio­ni, do­ta­te di abi­li­tà e talenti uni­ci e par­ti­co­la­ri. Se per il personaggio prin­ci­pa­le de "Il sen­so di Smil­la per la ne­ve" (ope­ra che lo re­se fa­mo­so nel 1992) si trat­ta­va di riu­sci­re a in­ter­pre­ta­re i se­gna­li re­sti­tui­ti da ghiac­cio e ne­ve, la pro­ta­go­ni­sta de "L'ef­fet­to Su­san" (Mon­da­do­ri), ha spie­ga­to Høeg nel cor­so del­la con­fe­ren­za stam­pa, ha la ca­pa­ci­tà di far apri­re le per­so­ne e far­si rac­con­ta­re, con one­stà, le sto­rie più in­ti­me. Il tut­to all'in­ter­no di una co­spi­ra­zio­ne politica nel­la qua­le si tro­va in­trap­po­la­ta suo mal­gra­do, ri­cal­ca­ta sul mo­del­lo dei fa­mo­si "Pa­na­ma Pa­pers". Ma per lo scrit­to­re da­ne­se «non si scri­ve se­guen­do un'agen­da politica. Io - ha det­to - ve­do i pro­ble­mi so­cia­li, la po­ver­tà dif­fu­sa, le cru­del­tà su­gli ani­ma­li e i pro­ble­mi del­le mi­no­ran­ze e li ri­por­to nei miei li­bri. Ma que­sto è un at­to spon­ta­neo. Ho vis­su­to in Afri­ca e Ame­ri­ca La­ti­na e ho af­fron­ta­to di per­so­na que­sti pro­ble­mi, ma non vo­glio in­fluen­za­re la so­cie­tà». Su­san na­sce sul mo­del­lo di due per­so­ne real­men­te esi­sten­ti e il li­bro di­ven­ta stru­men­to d'in­da­gi­ne pri­vi­le­gia­to per esplo­ra­re la lo­ro ca­pa­ci­tà di em­pa­tia. «Il mio scri­ve­re di per­so­nag­gi fem­mi­ni­li è un mo­do per av­vi­ci­nar­mi, da uo­mo, al lo­ro uni­ver­so e a com­pren­de­re me­glio le fi­gu­re di ma­dri, fi­glie e com­pa­gne. E il lo­ro ta­len­to non è so­pran­na­tu­ra­le, ma per­met­te di co­glie­re nuo­ve op­por­tu­ni­tà». In un'epo­ca che ha per­so la sag­gez­za, la gen­te la cer­ca nel­le ope­re dei pic­co­li ar­ti­sti «Ma - di­ce Høeg - nel­la vi­ta ho im­pa­ra­to due co­se: la crea­ti­vi­tà è un do­no e noi non ab­bia­mo al­cun con­trol­lo su di es­sa». Per que­sto il lavoro del­lo scrit­to­re de­ve es­se­re ri­fles­si­vo, me­to­di­co, ba­sa­to sul­la con­sa­pe­vo­lez­za «che sia­mo tut­ti nel­la stes­sa bar­ca e i pro­ble­mi ri­guar­da­no tut­ti, al­di­là di ogni ric­chez­za. La fe­li­ci­tà è col­let­ti­va e non in­di­vi­dua­le e va con­di­vi­sa». Pe­ter Høeg ci pro­va at­tra­ver­so le sue eroi­ne nel ten­ta­ti­vo di apri­re una por­ta nel cuo­re del let­to­re.

DA­NE­SE Pe­ter Høeg

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.