Gli ita­lia­ni, ri­spar­mia­to­ri ir­ra­zio­na­li

Mer­cal­li de­nun­cia in­ve­ce l’in­sen­si­bi­li­tà am­bien­ta­le Le­gren­zi: «In­ve­stia­mo co­me chi gui­da sen­za guar­da­re avan­ti»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primopiano - La­ra Za­ni

POR­DE­NO­NE - In­trap­po­la­ti, da un la­to, nei mec­ca­ni­smi men­ta­li che han­no por­ta­to a com­met­te­re gra­vi er­ro­ri nel­la ge­stio­ne del ri­spar­mio e a man­ca­re l'oc­ca­sio­ne del­la cre­sci­ta. In­ca­pa­ci, dall'al­tro, di ma­tu­ra­re in ter­mi­ni di sen­si­bi­li­tà eco­lo­gi­ca. Per gli ita­lia­ni, due giu­di­zi im­pie­to­si dal­lo psi­co­lo­go Pao­lo Le­gren­zi e dal me­teo­ro­lo­go e di­vul­ga­to­re scien­ti­fi­co Lu­ca Mer­cal­li, che nei ri­spet­ti­vi cam­pi de­li­nea­no un fu­tu­ro se­gna­to da que­ste ca­ren­ze. «Quel­lo che mi pre­oc­cu­pa - spie­ga il pri­mo, au­to­re de "La buo­na lo­gi­ca" pri­ma e "L'eco­no­mia nel­la men­te" ora non è il fat­to che i ri­spar­mi sia­no sta­ti in­ve­sti­ti ma­le, ma l'igno­ran­za dei si­ste­mi di ba­se del fun­zio­na­men­to del­la men­te uma­na. Que­sta pre­va­len­za del "fai da te" nel­la ge­stio­ne dei ri­spar­mi è un fal­li­men­to del­le scien­ze co­gni­ti­ve e del­la buo­na lo­gi­ca. Quel­lo che col­pi­sce è la to­ta­le tra­scu­ra­tez­za nell'in­ve­sti­re i sol­di, tan­to più gra­ve ora che quei ri­spar­mi po­treb­be­ro es­se­re tra­sfe­ri­ti a fi­gli e ni­po­ti de­ci­sa­men­te me­no for­tu­na­ti».

Nel vo­lu­me, scrit­to a quat­tro ma­ni con Ar­man­do Mas­sa­ren­ti, Le­gren­zi sve­la pro­prio i prin­ci­pa­li mec­ca­ni­smi che stan­no die­tro gli er­ro­ri nel­la ge­stio­ne dei ri­spar­mi: «Il pri­mo - spie­ga - è che si de­ci­de il mo­do di in­ve­sti­re i ri­spar­mi co­me se si gui­das­se una mac­chi­na, guar­dan­do sem­pre lo spec­chiet­to re­tro­vi­so­re». Ma c'è an­che la ten­den­za a pri­vi­le­gia­re ciò che si co­no­sce da vi­ci­no, a con­fon­de­re ciò che è pau­ro­so - le azio­ni, per esem­pio - con ciò che è pe­ri­co­lo­so o a ve­de­re le co­se in un ci­clo tem­po­ra­le bre­ve. Il ri­sul­ta­to è che gli 8.400 mi­liar­di com­ples­si­vi dei ri­spar­mi de­gli ita­lia­ni so­no per i due ter­zi in­ve­sti­ti in im­mo­bi­li e per la par­te ri­ma­nen­te in ob­bli­ga­zio­ni ban­ca­rie, ti­to­li di Sta­to e, per 1.300 mi­liar­di, in li­qui­di­tà. «L'in­ca­pa­ci­tà che ab­bia­mo avu­to, di spie­ga­re que­ste co­se è sta­ta un gran­de fal­li­men­to» - ri­co­no­sce Le­gren­zi, che spie­ga an­che i tan­ti ri­spar­mi per­du­ti nei re­cen­ti scan­da­li ban­ca­ri: «Le per­so­ne si so­no fi­da­te com­ple­ta­men­te de­gli im­pie­ga­ti che ave­va­no da­van­ti, che a lo­ro vol­ta ave­va­no ef­fet­tua­to gli stes­si in­ve­sti­men­ti. An­che per que­sto i ri­spar­mi de­gli ita­lia­ni so­no al­lo­ca­ti in ma­nie­ra to­tal­men­te ir­ra­zio­na­le».

Non van­no me­glio le co­se sul fron­te del­la con­sa­pe­vo­lez­za eco­lo­gi­sta: «In que­sti an­ni spie­ga Mer­cal­li, che dal suo nuo­vo li­bro "Il mio or­to tra cie­lo e ter­ra" pren­de le mos­se per par­la­re di cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci: «Ho col­to un mi­glio­ra­men­to del­la nic­chia di co­lo­ro che era­no già sen­si­bi­li, ma non si è este­sa di nu­me­ro. An­zi, ri­spet­to a cer­te bat­ta­glie si è più in­die­tro. Sul­le al­lu­vio­ni non sap­pia­mo quan­ta par­te è do­vu­ta all'au­men­to del­le piog­ge e quan­to all'uso scri­te­ria­to del ter­ri­to­rio. Sul­la tem­pe­ra­tu­ra, in­ve­ce, non ci so­no dub­bi. All'ini­zio pos­sia­mo ri­spon­de­re po­nen­do­ci dei limiti, ma più aspet­tia­mo, più quei limiti di­ven­te­ran­no ri­nun­ce. Più si in­du­gia e più do­vre­mo ri­spon­de­re al­le emer­gen­ze con una sor­ta di eco­dit­ta­tu­ra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.