«Edu­chia­mo i no­stri gio­va­ni all’im­por­tan­za dei va­lo­ri mo­ra­li»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primopiano -

POR­DE­NO­NE - (n.na.) Una le­zio­ne ap­pas­sio­na­ta per in­vi­ta­re in pri­mo luo­go gli edu­ca­to­ri, ma in de­fi­ni­ti­va tut­ti noi, a «edu­ca­re» i gio­va­ni a vi­ve­re con con­sa­pe­vo­lez­za e se­con­do va­lo­ri con­di­vi­si, non per­ché im­po­sti, ma per­ché ac­cet­ta­ti con la lu­ce del cuo­re. È sta­to que­sto il mes­sag­gio del­la filosofa Ro­ber­ta De Mon­ti­cel­li nel pre­sen­ta­re il suo li­bro "Al di qua del be­ne e del ma­le. Per una teo­ria dei va­lo­ri", ie­ri se­ra da­van­ti a un pubblico nu­me­ro­so. È an­che una le­zio­ne di politica al­ta quel­la del­la do­cen­te, che par­te da due fat­ti at­tua­li per far ca­pi­re il suo pen­sie­ro: uno ri­guar­da l'eu­ro­pa, na­ta per co­sti­tui­re una de­mo­cra­zia, una cit­ta­di­nan­za so­vra­na­zio­na­le e che in­ve­ce sta vi­ven­do un ri­tor­no agli in­te­res­si na­zio­na­li. L'al­tro ri­guar­da il di­bat­ti­to in cor­so sul­la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le. I due esem­pi so­no le­ga­ti per­ché in en­tram­bi c'è un ele­men­to idea­le che va cam­bia­to - si di­ce - per ren­de­re più rea­li­sti­co il qua­dro del­le leg­gi fon­da­men­ta­li. «Sia­mo in pre­sen­za di un fe­no­me­no di ero­sio­ne dell'idea­li­tà, quan­do di­ven­ta nor­ma­le il vio­la­re le nor­me». Per la De Mon­ti­cel­li bi­so­gna ri­flet­te­re sul­la gran­dez­za del­le co­se av­ve­nu­te dal­la fi­ne del­la Se­con­da guer­ra mon­dia­le, epo­ca di gran­di do­cu­men­ti nor­ma­ti­vi. Ma co­sa c'è die­tro quei do­cu­men­ti? Una for­te af­fer­ma­zio­ne di va­lo­ri fon­da­men­ta­li che han­no cam­bia­to il va­lo­re del­la politica: la co­sti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne dei di­rit­ti e la ne­ces­si­tà di una real­tà politica so­vra­na­zio­na­le. «Non è, so­stie­ne, pro­ble­ma di so­cie­tà li­qui­da: è pro­ble­ma di re­cu­pe­ra­re quel­la idea­li­tà che ci spin­ge al­le gran­di scel­te, ai va­lo­ri. I qua­li non so­no qual­co­sa di sor­pas­sa­to, ma qual­co­sa di rea­le che fa del no­stro sen­ti­re qual­co­sa di gio­io­so o di do­lo­ro­so. Se ab­bia­mo smar­ri­to la stra­da, la col­pa è di tut­ti noi che non dia­mo cor­so al "do­ver es­se­re", ap­piat­ten­do la so­cie­tà nel suo com­ples­so».

NA­TA A LA MEC­CA La scrit­tri­ce Ra­ja Alem a Por­de­no­ne­leg­ge

(ph.nai­tza)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.