Ra­mar­ri con il mo­du­lo 4-3-3 Te­di­no: «Ser­vi­rà in­tel­li­gen­za»

Il tec­ni­co: «As­sur­di i giu­di­zi emes­si do­po 4 gior­na­te»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

POR­DE­NO­NE - (da.pe.) L'ir­ru­zio­ne di Mau­ro Lo­vi­sa spiaz­za un po’ Bru­no Te­di­no, che at­ten­de l'usci­ta del pre­si­den­te per ri­tro­va­re il fi­lo del suo di­scor­so. «Mi aspet­to - af­fer­ma - un Parma teso co­me una mol­la, pron­to a scat­ta­re su­bi­to all'at­tac­co. Noi do­vre­mo es­se­re bra­vi a di­spu­ta­re una ga­ra in­tel­li­gen­te e ac­cor­ta, per­ché sul­la car­ta non c'è dub­bio: i più for­ti so­no lo­ro. Ba­sta scor­re­re i no­mi in li­sta, tut­ta gen­te che ha fat­to serie Ae B».

GIU­DI­ZI AF­FRET­TA­TI - Già, ma gen­te che ha la me­tà dei pun­ti del Por­de­no­ne, che ha vin­to una so­la vol­ta, ar­ri­va dal­la scon­fit­ta al Tar­di­ni con il Ve­ne­zia e ha in pan­ca un Apol­lo­ni già con­te­sta­tis­si­mo e a ri­schio. «Que­sta - scuo­te la te­sta Te­di­no - è ve­ra­men­te una co­sa che non ca­pi­sco: co­me si fa a emet­te­re giu­di­zi do­po ap­pe­na 4 gior­na­te? Ca­pi­rei for­se se fos­si­mo a 4 dal­la fi­ne. Co­sì co­me ca­pi­rei me­glio chi, do­po nem­me­no un me­se di cam­pio­na­to, de­fi­ni­sce noi una co­raz­za­ta. Io so che do­vre­mo af­fron­ta­re uno squa­dro­ne che mar­te­dì all'89' sta­va vin­cen­do 1-0 con il Ve­ne­zia. Se la par­ti­ta fos­se fi­ni­ta lì, ora sta­rem­mo par­lan­do di un Parma già pa­dro­ne del cam­pio­na­to e di un Ve­ne­zia in cri­si». Apol­lo­ni non è l'uni­co tec­ni­co in di­scus­sio­ne. Zau­li a Te­ra­mo è già sta­to si­lu­ra­to e Bre­vi a Padova, do­ve Za­mu­ner ha ri­cor­da­to che la sua pri­ma scel­ta era pro­prio Te­di­no, è a for­te ri­schio. «È una del­le as­sur­di­tà del cal­cio - ri­spon­de Bru­no -: met­te­re in di­scus­sio­ne gli al­le­na­to­ri sen­za dar lo­ro il tem­po di ri­sol­ve­re pro­ble­mi dei qua­li spes­so non so­no nem­me­no cau­sa».

FOR­MA­ZIO­NE - Per la pri­ma vol­ta Te­di­no non dà trop­pi in­di­zi sul­la for­ma­zio­ne che al­le­sti­rà. L'in­di­spo­ni­bi­li­tà di Pie­tri­bia­si sug­ge­ri­sce pe­rò ra­mar­ri schie­ra­ti, al­me­no ini­zial­men­te, con il 4-3-3. Pro­via­mo a in­do­vi­nar­lo: Da­van­ti a To­mei do­vreb­be­ro es­se­re con­fer­ma­ti Se­men­za­to, Ste­fa­ni, In­ge­gne­ri e De Ago­sti­ni. In mez­zo Su­ciu, Bur­rai e Mi­su­ra­ca. In pri­ma li­nea, ai fian­chi di Ar­ma pun­ta cen­tra­le, Ber­ret­to­ni e uno fra Az­zi e Cat­ta­neo. Ar­bi­tre­rà Lu­ca Mas­si­mi di Ter­mo­li, as­si­sti­to da Trin­chie­ri e Ca­ta­mo.

"BERRE", UN PUN­TO FER­MO PER L’AT­TAC­CO Ema­nue­le Ber­ret­to­ni si pre­pa­ra a con­clu­de­re al vo­lo (Pres­spho­to)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.