Que­sto Parma crol­la nel se­con­do tem­po Apol­lo­ni: «Ma io non mi sen­to so­lo»

Eva­cuo-ca­laiò te­mi­bi­le cop­pia of­fen­si­va

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Mar­co Agru­sti

PARMA - Il Parma, o co­me sa­reb­be più cor­ret­to chia­mar­lo do­po la ca­du­ta e la res­su­re­zio­ne il Parma Cal­cio 1913, è una co­raz­za­ta. Na­to per vin­ce­re, ad­di­rit­tu­ra per do­mi­na­re, ma im­bri­glia­to in al­cu­ni di­fet­ti che per ora non per­met­to­no all'enor­me po­ten­zia­le a di­spo­si­zio­ne dei du­ca­li di li­be­rar­si. I pre­gi so­no lì, sot­to gli oc­chi di tut­ti: at­tac­co stel­la­re con Eva­cuo e Ca­laiò (so­lo per ci­ta­re le due pun­te di dia­man­te), qua­li­tà fuo­ri dal­la nor­ma (per la ca­te­go­ria) pra­ti­ca­men­te in ogni ruo­lo. Può far­ti ma­le in qual­sia­si mo­men­to, an­che sfrut­tan­do so­lo i sin­go­li. Non una buo­na idea, in­som­ma, fi­dar­si dell'uno con­tro uno gio­ca­to a chi la vin­ce «a pu­gni». Ma, co­me ha di­mo­stra­to que­sto ini­zio di cam­pio­na­to, an­che la gran­de no­bi­le del gi­ro­ne è bat­ti­bi­le. In­nan­zi­tut­to, se­gna po­chis­si­mo. So­lo due le re­ti all'at­ti­vo, per il mo­men­to, del club pre­sie­du­to da Ne­vio Sca­la: una al Lu­mez­za­ne, val­sa gli uni­ci tre pun­ti ot­te­nu­ti in un mat­ch sin­go­lo, e l'al­tra (inu­ti­le) al Ve­ne­zia di Pip­po In­za­ghi. Poi due 0-0, con­tro Mo­de­na e San­tar­can­ge­lo. La dif­fe­ren­za re­ti, con­tan­do le due sber­le su­bi­te in po­chi mi­nu­ti dal Ve­ne­zia al Tar­di­ni, è nul­la, ma so­prat­tut­to sin­to­ma­ti­ca. Il prin­ci­pa­le di­fet­to de­gli emi­lia­ni - se ne so­no ac­cor­ti an­che i ti­fo­si - è la po­ca pro­pen­sio­ne al ri­schio. La squa­dra a trat­ti è trop­po pru­den­te, at­tac­ca a cor­ren­te al­ter­na­ta e quan­do lo fa por­ta nel­la me­tà cam­po av­ver­sa­ria po­chi ef­fet­ti­vi. Pa­re, ap­pun­to, che ci si af­fi­di al­la ve­na dei sin­go­li «cam­pio­ni». Se la ge­stio­ne del­la par­ti­ta sem­bra buo­na (esclu­so il dram­ma spor­ti­vo vis­su­to con­tro il Ve­ne­zia), la squa­dra fa­ti­ca a da­re l'ac­ce­le­ra­ta de­ci­si­va. E ca­la, a vol­te bru­sca­men­te, nei se­con­di tem­pi. È ac­ca­du­to nell'ul­ti­mo quar­to d'ora con­tro il San­tar­can­ge­lo e il di­fet­to si è ri­pre­sen­ta­to con­tro Su­per­pip­po e il suo Ve­ne­zia. Pro­prio dal ro­ve­scio pa­ti­to con­tro i la­gu­na­ri par­te l'ana­li­si pre-par­ti­ta di Lui­gi Apol­lo­ni: «Ho vi­sto ne­gli oc­chi dei miei gio­ca­to­ri la vo­glia di ri­bal­ta­re que­sta si­tua­zio­ne - di­ce il tec­ni­co -. Dob­bia­mo pe­rò mi­glio­ra­re sot­to di­ver­si aspet­ti. Sto va­lu­tan­do, ol­tre il 3-5-2, an­che al­tre so­lu­zio­ni, per­ché ab­bia­mo gio­ca­to­ri dut­ti­li. Le cri­ti­che fan­no par­te del gioco. Non mi sen­to so­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.