L’ap­pel­lo di Pa­ri­si: «Uni­ti si vin­ce» Sal­vi­ni: io non ci sto

Il "fe­de­ra­to­re" at­tac­ca Ren­zi. E Sal­vi­ni da Pon­ti­da: la Le­ga pron­ta a fa­re da so­la

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Re­na­to Pez­zi­ni

Cam­mi­na sul­le uo­va Ste­fa­no Pa­ri­si. Per­ché lo spet­tro di Ber­lu­sco­ni in­com­be sul­la sua ar­dua im­pre­sa di ri­lan­cia­re il cen­tro­de­stra. Ar­chi­via­re il Ca­va­lie­re non si può, osan­nar­lo è im­pru­den­te, cri­ti­car­lo è le­ta­le, igno­rar­lo è im­pos­si­bi­le. Pe­rò, vi­sto che da qual­co­sa bi­so­gna pur ri­co­min­cia­re, il nuo­vo pre­scel­to az­zar­da la car­ta del “ber­lu­sco­ni­smo ri­for­ma­to”. «Il suo ma­ni­fe­sto del 1994 era un gran­de ma­ni­fe­sto li­be­ra­le, ma con gli an­ni è en­tra­to in cri­si. Bi­so­gna ri­co­min­cia­re da lì, te­nen­do con­to - che i tem­pi so­no cam­bia­ti». I tem­pi so­no cam­bia­ti, ed è cam­bia­ta an­che la pla­tea di una coa­li­zio­ne zop­pi­can­te. Com­pre­sa la pla­tea che, per il se­con­do gior­no, si ra­du­na sot­to il pal­co del­la con­ven­tion che do­vreb­be re­sti­tui­re a Pa­ri­si il ruo­lo di «uo­mo nuo­vo». Il che suo­na sto­na­to per la Le­ga. E in­fat­ti, ie­ri, Mat­teo Sal­vi­ni, dal ra­du­no pa­da­no di Pon­ti­da (si chiu­de og­gi) snob­ba l’ex di­ri­gen­te: «La Le­ga è pron­ta an­che a fa­re da so­la, con or­go­glio e con co­rag­gio, da nord a sud: ve­do trop­pi ten­ten­na­men­ti da una par­te e dall'al­tra».

Pa­ri­si non pa­re scom­por­si. An­che se a Mi­la­no, non c’è trac­cia dei fe­de­lis­si­mi pa­sda­ran d’un tem­po pron­ti a spel­lar­si le ma­ni a ogni bat­ter di ci­glio del ca­po o a in­to­na­re co­ri pro-sil­vio con le la­cri­me agli oc­chi. Ades­so so­no tut­ti più guar­din­ghi, più pru­den­ti, più so­spet­to­si, e an­che più con­fu­si: «Ste­fa­no ce la fa­rà?». Lui ci pro­va con un co­mi­zio che do­vreb­be du­ra­re mezz’ora e in­ve­ce du­ra il dop­pio. Del re­sto ci vuo­le tem­po per pro­va­re a di­se­gna­re il fu­tu­ro fa­cen­do at­ten­zio­ne a non cal­pe­sta­re il pas­sa­to. Oc­cor­re mol­ta pe­ri­zia per di­vin­co­lar­si fra le cri­ti­che a un’ita­lia «che è fer­ma da più vent’an­ni» e la con­sa­pe­vo­lez­za che per buo­na par­te di quei vent’an­ni il cen­tro­de­stra di Ber­lu­sco­ni ha oc­cu­pa­to la stan­za dei bot­to­ni. Cer­to, c’è la car­ta dell’an­ti-ren­zi­smo. E Pa­ri­si la gio­ca con in­so­li­ta vee­men­za. Sul re­fe­ren­dum: «Vo­te­rò no per­ché la ri­for­ma si po­te­va fa­re mol­to me­glio» (ma par­te del­la pla­tea, mezz’ora pri­ma, ave­va ap­plau­di­to il sì an­nun­cia­to da una re­la­tri­ce). Sull’eu­ro­pa: «Non pos­sia­mo an­da­re lì in gi­noc­chio a chie­de­re l’ele­mo­si­na». Sull’eco­no­mia: «Le ini­zia­ti­ve di Mon­ti e Ren­zi han­no ri­dot­to gli in­ve­sti­men­ti e au­men­ta­to la spe­sa cor­ren­te». Sul look: «Non si può far cre­de­re di sta­re dal­la par­te dei gio­va­ni so­lo in­dos­san­do un giub­bot­to di pel­le». E an­co­ra: «Ren­zi non è pe­ri­co­lo­so per la de­mo­cra­zia, ma per l’eco­no­mia. I suoi 80 eu­ro so­no un in­gan­no». Non ba­sta: «È un mae­stro di fur­bi­zie tat­ti­che. Ab­bia ri­spet­to per i cit­ta­di­ni, si di­ca quan­do si vo­ta per il re­fe­ren­dum». Tan­to che Re­na­to Bru­net­ta, che se­gui­ta a guar­da­re l’av­ven­to di Pa­ri­si co­me una iat­tu­ra, com­men­ta cau­sti­co: «Ben­ve­nu­to in For­za Ita­lia. Se chie­de l’iscri­zio­ne sia­mo pron­ti a dar­gli la tes­se­ra». Co­me a di­re: le co­se che og­gi di­ce Pa­ri­si noi le di­cia­mo da al­me­no due an­ni. Do­ve sta, quin­di, la no­vi­tà? La no­vi­tà, di­ce il nuo­vo pre­scel­to, sta nel ri­co­min­cia­re da ca­po, dal­la «ri­vo­lu­zio­ne li­be­ra­le e li­be­ri­sta» an­nun­cia­ta da Ber­lu­sco­ni ai tem­pi del­la sua di­sce­sa in cam­po ma poi nau­fra­ga­ta «a cau­sa dei trop­pi sban­da­men­ti del cen­tro­de­stra, di ec­ces­si­vo sta­ta­li­smo, e di mol­to con­ser­va­to­ri­smo». E an­che dall’in­ca­pa­ci­tà di ca­pi­re che «i tem­pi so­no cam­bia­ti, che i pa­ra­me­tri che an­da­va­no be­ne vent’an­ni fa og­gi non van­no più be­ne».

SU REN­ZI Pa­ri­si: è un mae­stro

di truc­chi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.