Ca­si­ni: «Ha ri­da­to al Pae­se l’or­go­glio di es­se­re ita­lia­ni»

«Dal con­flit­to "mor­bi­do" sul­la leg­ge Ga­spar­ri all’ap­pel­lo all’uni­tà na­zio­na­le do­po Nas­si­riya»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - Mo­men­ti di­sac­cor­do? Per esem­pio?

Fu con Ciampi al Quirinale che en­trò nel ger­go del­la po­li­ti­ca l’espres­sio­ne "bi­par­ti­san"? Pier Fer­di­nan­do Ca­si­ni, pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne Este­ri al Se­na­to e all’epo­ca pre­si­den­te del­la Ca­me­ra, in­vi­ta a «ca­pi­re il con­te­sto in cui Ciampi fu elet­to nel 1999: si ve­ni­va da una pre­si­den­za Scal­fa­ro in al­cu­ni pas­sag­gi mol­to di­vi­si­va, il cli­ma po­li­ti­co era in­can­de­scen­te. C’era l’esi­gen­za di un vo­to am­pio per evi­ta­re la so­li­ta ba­gar­re dei fran­chi ti­ra­to­ri e del­le vo­ta­zio­ni in­ter­mi­na­bi­li». Cin­que dei suoi 7 an­ni fu­ro­no poi se­gna­ti dal­la coa­bi­ta­zio­ne con Ber­lu­sco­ni. «Non fu­ro­no an­ni fa­ci­li e al net­to del­la cor­te­sia, Ciampi non ha mai ama­to Ber­lu­sco­ni. Pe­rò lo ha sem­pre ri­spet­ta­to, ri­spet­tan­do con lui il ri­sul­ta­to del­le ur­ne. Chi ha la­vo­ra­to mol­to, e mol­to be­ne, per smus­sa­re gli an­go­li, è sta­to Gian­ni Let­ta, nel qua­le Ciampi ave­va una fi­du­cia to­ta­le. È sta­to un gio­co di pe­si e con­trap­pe­si, di mo­ral sua­sion eser­ci­ta­ta con in­tel­li­gen­za dal Pre­si­den­te».

di

mag­gior «Il cam­mi­no del­la leg­ge Ga­spar­ri fu co­stel­la­to da una sor­ve­glian­za stret­ta del ca­po del­lo Sta­to che non ne con­di­vi­de­va l’im­pian­to. Fu un con­ti­nuo la­vo­ro di cor­re­zio­ne, eser­ci­ta­to pe­rò in mo­do mor­bi­do, sot­to­trac­cia ma con de­ter­mi­na­zio­ne». «Ri­cor­do il suo straor­di­na­rio spes­so­re uma­no la not­te in cui rien­tra­ro­no i ca­du­ti di Nas­si­riya. Dal­le fa­mi­glie era vi­sto co­me un non­no che non li la­scia­va so­li. Ciampi si schie­rò su­bi­to per l’uni­tà na­zio­na­le e non die­de spa­zio ad al­cu­na pos­si­bi­le po­le­mi­ca. Per que­sto su­bì con­te­sta­zio­ni dal­la si­ni­stra, che lo ac­cu­sa­va di non es­se­re suf­fi­cien­te­men­te as­ser­ti­vo contro Ber­lu­sco­ni. Il che di­ce quan­to il suo at­teg­gia­men­to sia sta­to equi­li­bra­to e ispi­ra­to al sen­so del­lo Sta­to». Ciampi an­dò fi­no a El Ala­mein. Bi­par­ti­san po­li­ti­ca­men­te e cul­tu­ral­men­te? «Qui sta il suo la­sci­to più im­por­tan­te. Le pre­si­den­ze del­la Re­pub­bli­ca so­no chia­ma­te a te­ne­re vi­vo e rin­vi­go­ri­re il sen­so del­la Pa­tria. In Ita­lia era­va­mo al pun­to che par­la­re di Pa­tria si­gni­fi­ca­va di­re qual­co­sa di de­stra. Ciampi spie­gò a tut­ti che la Pa­tria, il suo sim­bo­lo, il suo va­lo­re, era­no ele­men­ti di cui an­da­re or­go­glio­si, di cui non ver­go­gnar­si. Un sen­so di pa­triot­ti­smo co­sti­tu­zio­na­le e na­zio­na­le che non ha a che ve­de­re col na­zio­na­li­smo co­me lo in­ten­dia­mo og­gi, per­ché an­da­va de­cli­na­to in­sie­me al suo eu­ro­pei­smo».

La Le­ga non lo vo­tò... «Ma an­che con lo­ro si sfor­zò sem­pre di non rom­pe­re i rap­por­ti. Al di là di qual­che epi­so­dio, tro­vò nel­la Le­ga di Bos­si una di­spo­ni­bi­li­tà a reg­ge­re un fi­lo co­mu­ne pu­re nel pie­no del­la di­scor­dia. Ben lon­ta­no da­gli in­sul­ti di Sal­vi­ni che di­mo­stra­no l’im­bar­ba­ri­men­to nel­la po­li­ti­ca ita­lia­na. Ciampi ave­va con Ma­ro­ni, mi­ni­stro dell’in­ter­no, un rap­por­to di pro­fon­da cor­ret­tez­za isti­tu­zio­na­le». «Era un at­ti­vi­sta lai­co a tut­to ton­do, mai pe­rò lai­ci­sta. Lo ri­cor­do in chie­sa tan­te vol­te an­che pri­ma che aves­se in­ca­ri­chi di re­spon­sa­bi­li­tà. Era mol­to at­ten­to a non com­pie­re at­ti este­rio­ri sbilanciati. Ma era pro­fon­da­men­te cre­den­te e ave­va un rap­por­to straor­di­na­rio con Gio­van­ni Pao­lo II e col car­di­nal Rui­ni». Ciampi era gran­de ami­co del­la Ger­ma­nia? «Gran­de ami­co dei te­de­schi, e ami­co per­so­na­le di Hel­mut Ko­hl. È sem­pre sta­to con­vin­to che la Ger­ma­nia aves­se una par­ti­co­la­re re­spon­sa­bi­li­tà in Eu­ro­pa e che l’ita­lia do­ves­se svi­lup­pa­re un dia­lo­go ita­lo-te­de­sco». Al­la fi­ne di­ce­va che que­sta non è l’ita­lia che ave­va so­gna­to... «Pe­rò non ha mai per­so una ve­na di ot­ti­mi­smo, con­vin­to com’era che il de­sti­no è nel­le no­stre ma­ni».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.