Di­ret­to­rio al ca­po­li­nea per evi­ta­re "l’esplo­sio­ne"

Il lea­der pre­oc­cu­pa­to per il cli­ma che si è crea­to a Roma e per i con­ti­nui li­ti­gi in­ter­ni. Ora an­che Di Ma­io pron­to ad az­ze­ra­re il grup­po dei cin­que

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - Ste­fa­nia Pi­ras

Al­lar­ga­men­to, az­ze­ra­men­to, rim­pa­sto, fi­nan­che com­mis­sa­ria­men­to. So­no cir­co­la­te tut­te le ipo­te­si pos­si­bi­li ne­gli ul­ti­mi set­te gior­ni per ri­da­re nuo­va lin­fa al di­ret­to­rio del M5S. Al pun­to che l’az­ze­ra­men­to non è più uno spau­rac­chio e an­zi vie­ne in­vo­ca­to a più ri­pre­se dall’espo­nen­te più mo­de­ra­to del­lo stes­so di­ret­to­rio: Lui­gi Di Ma­io. Il ra­gio­na­men­to che sta al­la ba­se di que­sta op­zio­ne è: se bi­so­gna far­si la guer­ra tut­ti i gior­ni tan­to va­le scio­glie­re qual­sia­si vin­co­lo e ri­par­ti­re ognu­no sin­go­lar­men­te per la pro­pria strada. Il che vor­reb­be di­re mi­su­rar­si in po­po­la­ri­tà e il duo Di Ma­io-di Bat­ti­sta sa be­ne che su que­sto non c’è par­ti­ta.

La pie­tra tom­ba­le sul­la strut­tu­ra po­li­ti­ca crea­ta da Bep­pe Gril­lo nel 2014, su pro­po­sta di Ales­san­dro Di Bat­ti­sta, è sta­ta ca­la­ta da una mos­sa istin­ti­va, e pe­rò mol­to con­di­vi­sa da lar­ga par­te dei co­lon­nel­li pen­ta­stel­la­ti. Ov­ve­ro il po­st di ap­pog­gio al­le ac­cu­se di Ro­ber­ta Lom­bar­di ver­ga­to da Car­la Ruoc­co, la de­pu­ta­ta ro­ma­na, uni­co espo­nen­te don­na del di­ret­to­rio. Quell’at­to di sfida contro Vir­gi­nia Rag­gi non è pas­sa­to inos­ser­va­to e ha mo­stra­to in chia­ro il cli­ma di pe­san­te dif­fi­den­za nei con­fron­ti del Cam­pi­do­glio. C’é da di­re che Ro­ber­ta Lom­bar­di ha in­cas­sa­to un muc­chio di cri­ti­che per quel po­st du­ris­si­mo, scrit­to sen­za con­sul­tar­si, contro gli uo­mi­ni chia­ve di Rag­gi: Raf­fae­le Mar­ra e Sal­va­to­re Ro­meo. Ma la de­pu­ta­ta ro­ma­na ri­ma­ne pu­re con­vin­ta del­la ne­ces­si­tà po­li­ti­ca di ester­na­re i suoi dub­bi: nel­la sua ba­che­ca so­cial pri­va­ta ha in­fat­ti po­sta­to una ci­ta­zio­ne in cui in sin­te­si fa ca­pi­re che an­che se ri­sul­ta sco­mo­da quel­la pre­sa di po­si­zio­ne an­da­va cri­stal­liz­za­ta pub­bli­ca­men­te per il be­ne del Mo­vi­men­to 5 Stel­le.

Per­si­no un mo­de­ra­to co­me Da­ni­lo To­ni­nel­li, vi­ci­nis­si­mo a Di Ma­io, l’al­tro gior­no ha am­mes­so: “È ov­vio che un cer­to qua­dro che gli sta at­tor­no (al­la sin­da­ca, ndr) pos­sa es­se­re non pia­ce­vo­le e pos­sa ri­sul­ta­re gri­gio. Io non ero con­ten­to di Raf­fea­le Mar­ra, co­me pro­ba­bil­men­te nem­me­no Bep­pe. Ma noi di Vir­gi­nia ab­bia­mo il do­ve­re di fi­dar­ci”. E se la dif­fi­den­za nei con­fron­ti di Mar­ra lam­bi­sce an­che le spon­de dia­lo­gan­ti del M5S, non è più stra­no che Ruoc­co e Lom­bar­di si sia­no tro­va­te d’ac­cor­do. E se­con­do fon­ti qua­li­fi­ca­te del M5S sa­reb­be la pro­va che il di­ret­to­rio sia ar­ri­va­to a un bi­na­rio mor­to. Si­tua­zio­ne, que­sta, che sta apren­do la strada a ten­sio­ni no­te­vo­li. Al cen­tro del di­bat­ti­to ci so­no le due de­le­ghe po­li­ti­che più im­por­tan­ti: quel­la agli en­ti lo­ca­li e quel­la ai meet up, le cel­lu­le ter­ri­to­ria­li a cui fa ri­fe­ri­men­to la ba­se de­gli iscrit­ti al M5S. Se­con­do i da­ti pub­bli­ca­ti sul blog di Bep­pe Gril­lo par­lia­mo di 1.275 grup­pi in 1.017 cit­tà sud­di­vi­si in 19 Pae­si con 167mi­la mem­bri. Que­ste de­le­ghe era­no in ma­no a Lui­gi Di Ma­io (en­ti lo­ca­li) e a Ro­ber­to Fi­co e Ales­san­dro Di Bat­ti­sta (mee­tup). Era­no per­chè nel rim­pal­lo fra­stor­na­to del­le re­spon­sa­bi­li­tà po­li­ti­che sul ca­so Roma ora so­no sta­te di fat­to tol­te. Il per­no su cui sta gi­ran­do vor­ti­co­sa­men­te la cen­tri­fu­ga pen­ta­stel­la­ta è Bep­pe Gril­lo de­scrit­to co­me de­lu­so e pre­oc­cu­pa­to per il cli­ma che si è crea­to su Roma e per i li­ti­gi in­ter­ni. E i suoi co­mu­ni­ca­ti po­li­ti­ci espri­mo­no be­ne il suo ten­ta­ti­vo di re­sta­re fred­di. Tra il pri­mo e il se­con­do po­st c’é una li­nea di de­mar­ca­zio­ne evi­den­te. A dir­lo è un espo­nen­te del M5S ro­ma­no: “Bep­pe è pas­sa­to da “Nes­su­no toc­chi Vir­gi­nia” a “Vir­gi­nia a gen­na­io fac­cia­mo il ta­glian­do” “. Ora che so­no sal­ta­ti i de­bo­lis­si­mi ca­na­li di me­dia­zio­ne tra di­ret­to­rio e sin­da­ca é in­fat­ti Bep­pe Gril­lo che si è pre­so l’in­ca­ri­co di vi­gi­la­re su Roma. É lui che ha il po­te­re di to­glie­re even­tual­men­te il sim­bo­lo del M5S all’am­mi­ni­stra­zio­ne ca­pi­to­li­na.

Il co­mi­co non la di­fen­de più ad ol­tran­za e apre ad un "ta­glian­do" sul­la giun­ta in gen­na­io

5 STEL­LE Il sin­da­co Vir­gi­nia Rag­gi è sot­to ti­ro da una par­te del mo­vi­men­to. Tra lei e il di­ret­to­rio so­no sal­ta­ti i ca­na­li di me­dia­zio­ne. Il suo "ga­ran­te" ora è Bep­pe Gril­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.