Gas e lu­ce, prez­zi re­cord in Eu­ro­pa

Za­beo, coor­di­na­to­re del cen­tro stu­di: si pa­ga­no po­co i tra­spor­ti lo­ca­li ma il ser­vi­zio spes­so è pes­si­mo

Il Gazzettino (Pordenone) - - Economia Finanza -

VE­NE­ZIA - Ener­gia trop­po ca­ra, tra­spor­ti scon­ta­ti ma spes­so pes­si­mi. La Cgia di Mestre ana­liz­za l’uni­ver­so del­le ta­rif­fe ita­lia­ne e sco­pre la so­li­ta schi­zo­fre­nia di un Pae­se che non sa de­fi­ni­re una stra­te­gia sui ser­vi­zi co­me sul­lo svi­lup­po. «Ol­tre a scon­ta­re l'han­di­cap di es­se­re un pae­se im­por­ta­to­re di pro­dot­ti ener­ge­ti­ci - ri­le­va Pao­lo Za­beo, del­la Cgia - le no­stre bol­let­te del­la lu­ce e del gas so­no tra le più ca­re d'eu­ro­pa an­che per­ché il ca­ri­co fi­sca­le è pe­san­tis­si­mo. Se pen­do­la­ri e viag­gia­to­ri pos­so­no con­ta­re su bi­gliet­ti a bas­so prez­zo è an­che ve­ro che la qua­li­tà dell'of­fer­ta che ri­ce­vo­no è mol­to sca­den­te ad ec­ce­zio­ne del­le trat­te di lun­ga per­cor­ren­za, il no­stro tra­spor­to fer­ro­via­rio re­gio­na­le, ad esem­pio, ver­sa in pes­si­me con­di­zio­ni».

Per la Cgia il prez­zo dell'ener­gia elet­tri­ca per le fa­mi­glie ita­lia­ne, ri­fe­ri­to al­la clas­se me­dia dei con­su­mi do­me­sti­ci an­nui com­pre­si tra i 2.500 e i 5.000 chi­lo­watt/ora (tas­se in­clu­se), si col­lo­ca al ter­zo po­sto tra i pae­si dell'area eu­ro. Do­po la Ger­ma­nia e l'ir­lan­da, in­fat­ti, in Ita­lia il co­sto dell'ener­gia elet­tri­ca sfio­ra i 243 eu­ro ogni 1.000 chi­lo­watt/ora con­su­ma­ti. Ri­spet­to al­la me­dia dei 19 pae­si mo­ni­to­ra­ti, le fa­mi­glie ita­lia­ne pa­ga­no il 10% in più (da­ti al se­con­do se­me­stre 2015). Per il gas, an­che in que­sto ca­so il prez­zo pra­ti­ca­to al­le fa­mi­glie ita­lia­ne, ri­fe­ri­to al­la clas­se me­dia dei con­su­mi do­me­sti­ci an­nui com­pre­si tra i 20 e i 200 Gi­ga Jou­le (tas­se in­clu­se), è il ter­zo più ele­va­to. Do­po il Por­to­gal­lo e la Spa­gna, in­fat­ti, in Ita­lia si pa­ga­no 90,5 eu­ro ogni chi­lo­watt/ora con­su­ma­to. Ri­spet­to al­la me­dia dei pae­si dell'eu­ro pre­si in esa­me in que­sta comparazione l'ita­lia ha una mag­gio­ra­zio­ne di co­sto pa­ri a 18,6 pun­ti per­cen­tua­li. Per contro, se­con­do la Cgia, spo­star­si con i mez­zi pub­bli­ci in Ita­lia è mol­to con­ve­nien­te al­me­no in ter­mi­ni di prez­zo. Nel con­fron­to con le prin­ci­pa­li cit­tà eu­ro­pee, il co­sto del bi­gliet­to di bus, tram e me­tro­po­li­ta­na di so­la an­da­ta per una trat­ta di cir­ca 10 chi­lo­me­tri (o al­me­no 10 fer­ma­te) è il più bas­so in as­so­lu­to. La me­dia mi­su­ra­ta a Mi­la­no e Roma è di 1,5 eu­ro. Nien­te a che ve­de­re, per la Cgia, con il prez­zo pra­ti­ca­to, ad esem­pio, a Stoc­col­ma (3,8 eu­ro), a Lon­dra (3,6 eu­ro) e a Du­bli­no (2,8 eu­ro). Bi­gliet­ti tra i me­no ca­ri d'eu­ro­pa an­che in tre­no. Il bi­gliet­to di so­la an­da­ta in se­con­da clas­se per una trat­ta di al­me­no 200 chi­lo­me­tri ap­pli­ca­ta a par­ti­re dal­le sta­zio­ni di Mi­la­no e di Roma è me­dia­men­te di 25,1 eu­ro. So­lo la me­dia di Bar­cel­lo­na e Ma­drid è leg­ger­men­te in­fe­rio­re a quel­la ita­lia­na (24,5 eu­ro), men­tre a Lon­dra il co­sto è di 66,7 eu­ro.

TRA­SPOR­TO

PUB­BLI­CO All’este­ro co­sta mol­to di più ma è an­che spes­so

più ef­fi­cien­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.