De Gre­go­ri tra pa­ro­le e scio­gli­lin­gua

Il can­tau­to­re: «Non im­por­ta se le can­zo­ni non si ca­pi­sco­no, pre­fe­ri­sco che dia­no emo­zio­ni»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - Ro­ber­to Vi­cen­zot­to

«Sta­se­ra so­no un li­bro aper­to mi puoi leg­ge­re fi­no a tar­di» Fran­ce­sco De Gre­go­ri lo can­ta già dal 2012, in Fal­so mo­vi­men­to. L'al­bum è Sul­la strada (omag­gio a Ke­rouac), lo stes­so in cui c’è Passo d'uo­mo. Ti­to­lo ora af­fib­bia­to pu­re al li­bro scrit­to con An­to­nio Gno­li, sag­gi­sta e gior­na­li­sta di Re­pub­bli­ca. Nel­la ve­ste di nar­ra­to­re era già pas­sa­to per Man­to­va e To­ri­no, con to­mi car­ta­cei e pu­re au­dio­li­bri (Con­rad spe­cial­men­te). Sta­vol­ta a por­de­no­ne­leg­ge, pe­rò, gli si ad­di­ce in spe­cial mo­do la bat­tu­ta di Ar­ba­si­no su­gli scrit­to­ri: fi­no a qua­rant'an­ni so­no «la bril­lan­te pro­mes­sa», dai qua­ran­ta ai ses­san­ta «il so­li­to str...», so­pra i ses­san­ta «il ve­ne­ra­bi­le mae­stro». Per­ché pu­re lui, non mol­ti lu­stri fa, di si­cu­ro non si pro­po­ne­va co­sì a cuo­re aper­to pub­bli­ca­men­te. Quan­do an­che le fo­to ai con­cer­ti lo in­fa­sti­di­va­no: ma­les­se­re re­tag­gio di con­te­sta­zio­ni e pro­ces­si pub­bli­ci che fu­ro­no. In­ve­ce, in­ter­val­la­to dal coau­to­re, am­be­due spi­ri­to­sa­men­te spro­na­ti da Mas­si­mo Cir­ri, vo­len­tie­ri si rac­con­ta. Sa­ran­no pu­re sta­ti i ver­si di Tri­lus­sa, che il pa­dre gli leg­ge­va da pic­co­lo, che l'han­no aiu­ta­to a non pren­der­si trop­po sul se­rio, per una ca­no­ni­ca oret­ta nel­la fe­sta del li­bro s'ac­cen­tra su co­sa sia un uo­mo, se non «la mi­su­ra di se stes­so e de­gli al­tri». La dif­fe­ren­za ri­spet­to agli scrit­ti che lo han­no ri­guar­da­to in pre­ce­den­za sta pro­prio nel­la va­lu­ta­zio­ne di al­cu­ni te­mi del­la sto­ria, non so­lo del mon­do del­la can­zo­ne, ol­tre che dei li­bri: il suo gran­de re­tro­ter­ra. Che Fran­ce­sco De Gre­go­ri si tro­vi be­ne fra te­sti, li­brai e let­to­ri, co­mun­que, è un fat­to na­tu­ra­le. Sua mam­ma, Ri­ta Gre­chi, era in­se­gnan­te di let­te­re al­le me­die. Il pa­dre Gior­gio un im­por­tan­te di­ri­gen­te bi­blio­te­ca­rio, co­me il non­no. Me­stie­re che an­che il fra­tel­lo Lui­gi ha fat­to per mol­ti an­ni, co­me lo stan­no fa­cen­do tre zii. Se non è ge­ne­ti­ca que­sta, dav­ve­ro po­co ci man­ca. Al­la fi­ne, il suo de­si­de­rio nu­me­ro uno sa­reb­be: «riu­sci­re a scri­ve­re una can­zo­ne co­me Sa­po­re di sa­le». «A for­za di at­tac­ca­re pa­ro­le - spie­ga - com­pon­go co­se che so­no scio­gli­lin­gua an­che per me che le de­vo can­ta­re. So­no più con­ten­to se uno mi di­ce che si emo­zio­na per una mia can­zo­ne, piut­to­sto che di­ca di aver­la ca­pi­ta». Tan­to per ri­cor­da­re... non c'è nien­te da ca­pi­re.

TEA­TRO Uno scor­cio de­gli spet­ta­to­ri all’in­con­tro con Fran­ce­sco De Gre­go­ri (Fo­to Lan­cia)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.