Viag­gio sul­la ter­za vet­ta più al­ta del mon­do

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

POR­DE­NO­NE - (lz) L'al­pi­ni­smo è un gio­co, ma fat­to mol­to se­ria­men­te. Con quel­la stes­sa se­rie­tà che met­to­no i bam­bi­ni nell'af­fron­ta­re i gio­chi. Lo rac­con­ta­no co­sì Ni­ves Meroi e Ro­ma­no Benet, nel li­bro il cui ti­to­lo - ri­ve­la la Meroi - è sta­to scel­to dall'ami­co Er­ri De Lu­ca, "Non ti fa­rò aspet­ta­re". «Io e Ro­ma­no ab­bia­mo in­co­min­cia­to sul­le mon­ta­gne di ca­sa rac­con­ta Meroi - e non ci sa­reb­be mai pas­sa­to per la te­sta di ar­ri­va­re fi­no agli ot­to­mi­la. Poi ab­bia­mo cer­ca­to di af­fron­ta­re an­che quel­li con lo sti­le che ci ave­va­no in­se­gna­to le mon­ta­gne di ca­sa, os­sia nel­la ma­nie­ra più leg­ge­ra e au­to­suf­fi­cien­te pos­si­bi­le. La mon­ta­gna ci met­te da­van­ti al ri­schio, pe­rò ci in­se­gna a es­se­re an­che con­sa­pe­vo­li: ogni passo che fai all'in­sù de­vi sa­pe­re che lo de­vi com­pie­re an­che all'in­giù. Li ab­bia­mo af­fron­ta­ti sen­za bom­bo­le di os­si­ge­no e sen­za av­va­ler­ci dei clim­bing sher­pa: l'aiu­to di que­ste per­so­ne è fon­da­men­ta­le, ma non vo­glia­mo che nel­la lo­ro pa­ga sia com­pre­so an­che il ri­schio del­la vi­ta. In ef­fet­ti spie­ga­no - più che dei con­qui­sta­to­ri di mon­ta­gne, ci de­fi­nia­mo de­gli esper­ti nell'ar­te del­la fu­ga, per­ché la na­tu­ra è im­men­sa­men­te più po­ten­te di noi, e quan­do ti sbat­te in fac­cia la sua su­pe­rio­ri­tà, la fu­ga è una me­ta a cui de­vi pun­ta­re con de­ter­mi­na­zio­ne. Poi le mon­ta­gne so­no co­mun­que lì, e ca­so­mai ri­tor­ni. Noi sia­mo le tre­di­ci ci­me che ab­bia­mo sa­li­to, ma sia­mo an­che quel­le che non ab­bia­mo sa­li­to». E fra le co­me non rag­giun­te c'è an­che il Kan­g­chen­d­zon­ga, la ter­za vet­ta più al­ta del­la Ter­ra, do­ve nel 2009 la spe­di­zio­ne si in­ter­rom­pe per un pro­ble­ma di sa­lu­te di Ro­ma­no: «Quel gior­no rac­con­ta que­st'ul­ti­mo - non ave­vo più la for­za di an­da­re avan­ti e Ni­ves ha avu­to la sag­gez­za di de­ci­de­re di fer­mar­si: ha vi­sto più avan­ti e mi ha sal­va­to la vi­ta». Se­guo­no an­ni di cu­re, in un let­to d'ospe­da­le, poi il ri­tor­no in mon­ta­gna. «Sia­mo par­ti­ti sen­za sa­pe­re co­sa sa­reb­be suc­ces­so - rac­con­ta que­sta vol­ta Ni­ves - met­ten­do un passo do­po l'al­tro, in con­di­zio­ni dif­fi­ci­li. E quan­do io, do­po aver ar­ran­ca­to, mi fer­mo a ti­ra­re il fia­to, mi guar­da e mi di­ce: "Non sei mi­ca più quel­la di pri­ma"».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.