Ma­ran: «Ac­cu­sa­to in­giu­sta­men­te»

Lo sfo­go del tec­ni­co squa­li­fi­ca­to per be­stem­mia

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

VE­RO­NA - (m.a.) Rolando Ma­ran è ar­rab­bia­to. A Udi­ne non po­trà se­der­si in pan­chi­na a cau­sa di una be­stem­mia - pro­nun­cia­ta in cam­po e an­no­ta­ta dall'ar­bi­tro - che gli è co­sta­ta la squa­li­fi­ca do­po Chie­vo-la­zio. Il tec­ni­co cli­ven­se non fa nul­la per na­scon­de­re la sua fru­stra­zio­ne e in con­fe­ren­za stam­pa pre-par­ti­ta pro­va a di­fen­der­si: «La squa­li­fi­ca mi ha fat­to mol­to ar­rab­bia­re e mi ha mor­ti­fi­ca­to co­me uo­mo. So­no de­lu­so - di­ce Ma­ran a Ve­ro­nel­lo -. So­no sta­to in­giu­sta­men­te ac­cu­sa­to di aver pro­nun­cia­to qual­co­sa che in­ve­ce non ho as­so­lu­ta­men­te det­to. Per aver­ne la con­fer­ma ba­ste­reb­be sen­ti­re i miei gio­ca­to­ri e i di­ri­gen­ti, chie­den­do lo­ro se qual­che vol­ta ho be­stem­mia­to. Vo­le­vo es­se­re chia­ro, per me è im­por­tan­te. So­no con­ten­to del­le ma­ni­fe­sta­zio­ni di so­li­da­rie­tà ri­ce­vu­te in que­sti gior­ni da par­te di chi mi co­no­sce e sa che cer­te co­se io non le di­co. È sta­to un la­bia­le in­te­pre­ta­to ma­le. Contro l'udi­ne­se non sa­rò in pan­ca e mi spia­ce mol­to, per­ché a me pia­ce es­se­re sem­pre là co­ni ra­gaz­zi e sof­fri­re con lo­ro. Sta­rò in tri­bu­na, cer­can­do di spin­ger­li da là».

Poi l'ana­li­si del­la ga­ra, che si di­spu­te­rà all'ora di pran­zo. «In­con­tre­re­mo una squa­dra che sta be­ne os­ser­va il tec­ni­co ve­ne­to -. Lo di­mo­stra­no i ri­sul­ta­ti. Han­no tro­va­to una qua­dra­tu­ra no­te­vo­le, han­no qua­li­tà e fi­si­ci­tà. So­no te­mi­bi­li: sa­rà un bel te­st, per­ché af­fron­te­re­mo una com­pa­gi­ne dav­ve­ro in sa­lu­te. Co­me noi ten­go­no il cam­po in ma­nie­ra equi­li­bra­ta e gio­ca­re con lo stes­so mo­du­lo fa sì che ci sia­no più osta­co­li. Sa­rà dif­fi­ci­le, ma sia­mo con­sa­pe­vo­li che an­che noi pos­sia­mo ren­de­re la vi­ta com­pli­ca­ta agli al­tri. Vo­glia­mo con­ti­nua­re a far be­ne e ci pro­ve­re­mo». Un pri­mo bi­lan­cio? «La squa­dra fi­no­ra ha fat­to il suo do­ve­re, pur aven­do di fronte del­le av­ver­sa­rie bla­so­na­te e ric­che di ta­len­ti. La strada giu­sta è sta­ta in­tra­pre­sa, ma è pos­si­bi­le cre­sce­re an­co­ra. Bep­pe Ia­chi­ni è riu­sci­to a da­re la sua im­pron­ta al­la squa­dra bian­co­ne­ra in po­co tem­po. La sua ma­no si è vi­sta no­te­vol­men­te. Il mio grup­po sta be­ne - con­clu­de Ma­ran - an­che se in set­ti­ma­na ab­bia­mo re­gi­stra­to qual­che ac­ciac­co».

«È sta­to un la­bia­le in­ter­pre­ta­to ma­le»

AR­RAB­BIA­TO Il tren­ti­no Rolando Ma­ran, tec­ni­co cli­ven­se, è

sta­to squa­li­fi­ca­to

per una be­stem­mia e non sa­rà in pan­chi­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.