Trump du­ro, Hil­la­ry di­plo­ma­ti­ca

Il ma­gna­te: «La fa­re­mo fi­ni­re, que­sta sto­ria» L’ex sot­to­se­gre­ta­ria: «Aspet­tia­mo l’in­chie­sta»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pri­mo Pia­no - An­na Guai­ta

I De­mo­cra­ti­ci tre­ma­no

e la Clin­ton fa gaf­fes

Se vo­glia­mo rias­su­me­re la dif­fe­ren­za es­sen­zia­le fra Do­nald Trump e Hil­la­ry Clin­ton, ba­sta stu­dia­re le lo­ro rea­zio­ni al­la no­ti­zia dell’esplo­sio­ne nel cuo­re di Ma­n­hat­tan e del­la bom­ba in una lo­ca­li­tà del New Jer­sey.

Do­nald Trump non ha nean­che aspet­ta­to che le au­to­ri­tà con­fer­mas­se­ro che quel­la di Chel­sea era dav­ve­ro un or­di­gno e non una qual­che per­di­ta di gas per annunciare al pub­bli­co riu­ni­to per un co­mi­zio: «Po­co pri­ma che io scen­des­si dall’ae­reo una bom­ba è esplo­sa a New York». Hil­la­ry Clin­ton ha rea­gi­to con la pru­den­za del di­plo­ma­ti­co: «So­no sta­ta in­for­ma­ta del­le esplo­sio­ni nel New Jer­sey e di New York», ha det­to, ri­cor­dan­do an­che che nel­la gior­na­ta c’era sta­to un at­tac­co di un fa­na­ti­co ji­ha­di­sta in Min­ne­so­ta che ave­va fe­ri­to ot­to per­so­ne. «Stia­mo se­guen­do il la­vo­ro de­gli in­ve­sti­ga­to­ri e pre­ghia­mo per co­lo­ro che so­no sta­ti fe­ri­ti. Non pos­sia­mo pe­rò espri­me­re giu­di­zi pri­ma che l’in­chie­sta fac­cia i suoi pas­si. Quan­do avre­mo da­ti più cer­ti po­tre­mo com­men­ta­re a fon­do».

VI­SCE­RA­LE - Trump era ar­ri­va­to in ae­reo a Co­lo­ra­do Springs, e c’era­no va­rie cen­ti­na­ia di per­so­ne ad aspet­tar­lo. Sce­so fra il pub­bli­co, non si è trat­te­nu­to: «Fa­rem­mo me­glio a es­se­re mol­to du­ri, gen­te. Fa­rem­mo me­glio a es­se­re mol­to mol­to du­ri. Sta suc­ce­den­do una co­sa ter­ri­bi­le nel no­stro mon­do, nel no­stro Pae­se, e dob­bia­mo es­se­re du­ri, in­tel­li­gen­ti e vi­gi­li. E la fa­re­mo fi­ni­re».

La rea­zio­ne di Trump è più vi­sce­ra­le e di si­cu­ro pia­ce di più al­la gen­te, al­me­no nell’im­me­dia­to. La pau­ra del ter­ro­ri­smo, so­prat­tut­to do­po gli at­tac­chi in Eu­ro­pa, è di nuo­vo mol­to al­ta ne­gli Usa e Trump non si fa scru­po­lo di uti­liz­zar­la. Hil­la­ry Clin­ton che ha la­vo­ra­to co­me se­gre­ta­ria di Sta­to, e che non si con­so­la di aver ap­pro­va­to la guer­ra in Iraq nel 2003, ten­de a es­se­re più cau­ta nel­la rea­zio­ne, con l’ef­fet­to con­tra­rio: nell’im­me­dia­to non pia­ce, ma al­la lun­ga con­vin­ce di più. Il gua­io per Hil­la­ry è che le ul­ti­me due set­ti­ma­ne so­no sta­te pes­si­me per lei, e il gran­de van­tag­gio che ave­va sul ri­va­le re­pub­bli­ca­no si è as­sot­ti­glia­to al pun­to che il si­to Fi­ve­thir­tyeight di Na­te Sil­ver, il ge­nio del­le ana­li­si elet­to­ra­li, ie­ri ti­to­la­va: «I de­mo­cra­ti­ci do­vran­no an­da­re nel pa­ni­co, se i son­dag­gi con­ti­nua­no co­sì un’al­tra set­ti­ma­na». Di­fat­ti, men­tre Hil­la­ry ha fat­to gaf­fe of­fen­den­do gli elet­to­ri di Trump (li ha de­fi­ni­ti “de­plo­ra­bles”) e na­scon­den­do di ave­re la pol­mo­ni­te, sen­ten­do­si poi ma­le in pub­bli­co, Trump in­ve­ce ha cam­bia­to com­por­ta­men­to, al­me­no in par­te. La nuo­va squa­dra che ge­sti­sce la sua cam­pa­gna l’ha con­vin­to a leg­ge­re i di­scor­si in­ve­ce che im­prov­vi­sar­li, e a pren­de­re po­si­zio­ni più mo­de­ra­te ver­so le mi­no­ran­ze e i di­rit­ti del­le don­ne.

TO­NI VIO­LEN­TI - I son­dag­gi pro­va­no che la scom­mes­sa è vin­cen­te. Cer­to, ad­dol­cir­lo per dav­ve­ro non è fa­ci­le, tant’è che ne­gli ul­ti­mi gior­ni Do­nald ne ha fat­ta un’al­tra gra­ve: ha sug­ge­ri­to che le guar­die del cor­po di Hil­la­ry Clin­ton ri­nun­ci­no al­le ar­mi, vi­sto che lei è con­tro le ar­mi (bu­gia, non è ve­ro), e ha con­clu­so «ve­dia­mo co­sa suc­ce­de». Dun­que per la se­con­da vol­ta in que­sta cam­pa­gna, Trump ha ipo­tiz­za­to vio­len­za con­tro Hil­la­ry. Lo scor­so me­se, ave­va ipo­tiz­za­to che for­se i so­ste­ni­to­ri del se­con­do emen­da­men­to (cioè per­so­ne ar­ma­te) ave­va­no «una so­lu­zio­ne» con­tro di lei.

I to­ni im­pli­ci­ta­men­te vio­len­ti di Trump, che po­chi gior­ni fa ha det­to di es­se­re pron­to ad at­tac­ca­re l’iran an­che so­lo se le na­vi Usa nel Gol­fo ver­ran­no fat­te og­get­to di ge­sti vol­ga­ri da par­te de­gli sca­fi­sti ira­nia­ni, pre­oc­cu­pa­no mol­ti esper­ti, an­che per­ché il suo vi­ce Mi­ke Pen­ce ha det­to di pro­va­re «gran­de am­mi­ra­zio­ne» per Dick Che­ney, che fu il vi­ce di Geor­ge Bu­sh ju­nior e con­si­gliò e fa­vo­rì a spada trat­ta le rea­zio­ni mi­li­ta­ri e la re­pres­sio­ne du­ra do­po gli at­ten­ta­ti del 2001, sia l’in­va­sio­ne dell’af­gha­ni­stan che poi la guer­ra in Iraq e l’uso del­la tor­tu­ra.

DI­VER­SI Do­nald Trump e Hil­la­ry Clin­ton rea­gi­sco­no in ma­nie­ra op­po­sta agli at­ten­ta­ti di New York, del New Jer­sey e del Min­ne­so­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.