Ta­glio Ir­pef in ma­no­vra ma ef­fi­ca­ce nel 2018

È l’ipo­te­si del go­ver­no, ma c’è il pro­ble­ma del­le co­per­tu­re. Leg­ge di sta­bi­li­tà tra i 23 e i 27 mi­liar­di

Il Gazzettino (Pordenone) - - Attualità -

RO­MA - Scri­ve­re su­bi­to che ci sa­rà il ta­glio dell'ir­pef an­che se la ri­du­zio­ne, nel­le ta­sche de­gli ita­lia­ni, si sen­ti­rà so­lo dal 2018, quan­do la mi­su­ra en­tre­rà in vi­go­re. È una del­le car­te che il go­ver­no pun­ta a gio­car­si con la nuo­va leg­ge di Bi­lan­cio. So­lo una ipo­te­si, per ora, che con­sen­ti­reb­be pe­rò di di­mo­stra­re che l'ese­cu­ti­vo man­tie­ne le sue pro­mes­se, co­me con­ti­nua a ri­pe­te­re il pre­mier Mat­teo Ren­zi, sen­za ri­schia­re di "sbal­la­re" i con­ti del pros­si­mo an­no, che già de­vo­no scon­ta­re l'im­pat­to di una cre­sci­ta sot­to le aspet­ta­ti­ve. Il mec­ca­ni­smo è quel­lo spe­ri­men­ta­to con la ri­du­zio­ne dal 27,5% al 24% dell'ires, mi­su­ra in­se­ri­ta nel 2015 nell'ul­ti­ma leg­ge di Sta­bi­li­tà e già scon­ta­ta nei sal­di di fi­nan­za pub­bli­ca, an­che se ini­zie­rà a fun­zio­na­re so­lo dal 1 gen­na­io 2017. I tec­ni­ci so­no al la­vo­ro pro­prio per ca­pi­re co­me su­pe­ra­re lo sco­glio del­le co­per­tu­re - al­me­no 3 mi­liar­di - che van­no ap­pun­to in­di­ca­te su­bi­to, an­che se il ta­glio diventa ope­ra­ti­vo dall'an­no do­po: si par­la di un in­ter­ven­to mi­ni­mo (un pun­to in me­no so­lo sul­le ali­quo­te in­ter­me­die del 27% e al 38%) op­pu­re del­la ri­du­zio­ne del­le at­tua­li cin­que fa­sce Ir­pef. Ma una ri­mo­du­la­zio­ne co­sì ra­di­ca­le avreb­be co­sti non so­ste­ni­bi­li per le cas­se del­lo Sta­to, a me­no di una ri­pre­sa so­ste­nu­ta del­la cre­sci­ta, non an­co­ra all'oriz­zon­te. Una via po­treb­be es­se­re quel­la di «rom­pe­re» con gli schemi eu­ro­pei, co­me sug­ge­ri­sce il pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne Bi­lan­cio Fran­ce­sco Boc­cia, che in­vi­ta Ren­zi a da­re con­cre­tez­za al­la ne­ces­si­tà, più vol­te ri­ven­di­ca­ta, di an­da­re ol­tre «vin­co­li e al­go­rit­mi», per­ché «non è con qual­che de­ci­ma­le di fles­si­bi­li­tà che pos­sia­mo fa­re una ma­no­vra di svol­ta». Cer­to è che la pros­si­ma ma­no­vra oscil­la tra i 23 e i 27 mi­liar­di (com­pre­si i 15 ne­ces­sa­ri per ste­ri­liz­za­re le clau­so­le di sal­va­guar­dia) e la co­per­ta del­le ri­sor­se è sem­pre più cor­ta. La leg­ge di bi­lan­cio lie­vi­te­rà, o me­no, an­che in ba­se a quan­ta fles­si­bi­li­tà si riu­sci­rà a spun­ta­re a Bru­xel­les (si pun­ta a cir­ca 8-9 mi­liar­di). In­tan­to al­la vo­ce en­tra­te spun­ta­no le "fre­quen­ze tv! (1 mi­liar­do) men­tre pro­se­gui­rà la po­li­ti­ca dei ri­spar­mi di spe­sa: si va dai 2-3 mi­liar­di di ta­gli ai mi­ni­ste­ri, al­le ri­sor­se at­te­se dal­la spen­ding re­view ve­ra e pro­pria su­gli ac­qui­sti del­la P.a. (al­me­no 1 mi­liar­do, dif­fi­ci­le spin­ge­re mol­to ol­tre l'asti­cel­la) fi­no al­la li­ma­tu­ra del Fon­do sa­ni­ta­rio. An­che la lot­ta all'eva­sio­ne sa­rà chia­ma­ta a da­re un con­tri­bu­to, co­sì co­me la se­con­da fi­ne­stra per il rien­tro dei ca­pi­ta­li (da 2,5 a 4 mi­liar­di).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.