Qui­ri­co: i mi­gran­ti so­no un po­po­lo nuo­vo

«Non pos­sia­mo pre­ten­de­re che di­ven­ti­no co­me noi». E Ro­vel­li af­fron­ta la real­tà dei cur­di che si so­no vi­sti ne­ga­re l’iden­ti­tà

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Società - Ni­co Nan­ni

Mi­gra­zio­ne e re­si­sten­za: due di­men­sio­ni che po­co han­no in co­mu­ne, ma che Por­de­no­ne­leg­ge - con­clu­sa ie­ri se­ra con gran­de suc­ces­so - ha riu­ni­to nel­la pre­sen­ta­zio­ne, as­sie­me a Vi­ci­no Lon­ta­no di Udi­ne, di due li­bri: "Eso­do, sto­ria del nuo­vo mil­len­nio" (ed. Ne­ri Poz­za) di Do­me­ni­co Qui­ri­co e "La guer­rie­ra da­gli oc­chi ver­di" (ed. Giun­ti) di Mar­co Ro­vel­li. A cer­ca­re di te­ne­re in­sie­me i due te­mi, il gior­na­li­sta de Il Gaz­zet­ti­no, Lo­ren­zo Mar­chio­ri: «Quel­la di Ro­vel­li è la sto­ria ro­man­za­ta di una ra­gaz­za cur­da com­bat­ten­te con­tro i ne­mi­ci del suo po­po­lo. Qui­ri­co, in­ve­ce, in­da­ga l'emi­gra­zio­ne che non è un'emer­gen­za, ma un fe­no­me­no col qua­le noi oc­ci­den­ta­li sa­re­mo chia­ma­ti a fa­re i con­ti per di­ver­si an­ni».

Ro­vel­li ri­tie­ne che «con la nar­ra­zio­ne si com­pren­de me­glio la real­tà. E la real­tà dei Cur­di è quel­la di un po­po­lo che si è vi­sto ne­ga­re l'iden­ti­tà e al­lo­ra il Pkk lot­ta per po­ter es­se­re po­po­lo e na­zio­ne».

Per Qui­ri­co «l'emi­gra­zio­ne che og­gi co­no­scia­mo è cer­ta­men­te de­ter­mi­na­ta an­che da guer­re, ma il fe­no­me­no è mol­to più com­ples­so, in con­ti­nuo mu­ta­men­to e ogni mi­gran­te ha una sto­ria a sè. L'uni­co pun­to di con­tat­to è che il "viag­gio" è per tut­ti un pas­sag­gio at­tra­ver­so il do­lo­re». I due au­to­ri si tro­va­no in sin­to­nia quan­do de­nun­cia­no che spes­so quel­lo dei mi­gran­ti è di­ven­ta­to un af­fa­re per qual­cu­no e che bi­so­gna cam­bia­re l'ot­ti­ca dell'ap­proc­cio con chi ar­ri­va: dob­bia­mo ri­tro­va­re le no­stre ra­di­ci cul­tu­ra­li dell'ac­co­glien­za del­lo «stra­nie­ro», che per i gre­ci era «ospi­te».

Ci so­no in­te­res­si eco­no­mi­ci so­vra­na­zio­na­li al­la ba­se del­le mi­gra­zio­ni, ma an­che mo­ti­va­zio­ni geo­po­li­ti­che: ba­sti ri­cor­da­re (Ro­vel­li) ciò che la Tur­chia fa e non da og­gi con­tro le po­po­la­zio­ni cur­de; o la cre­den­za (Qui­ri­co) che il pro­ble­ma dei mi­gran­ti si ri­sol­va aiu­tan­do i pae­si di pro­ve­nien­za: im­pos­si­bi­le, per­ché l'unio­ne Eu­ro­pea ha stan­zia­to cen­ti­na­ia di mi­lio­ni di eu­ro per pro­get­ti e non uno so­lo è sta­to rea­liz­za­to, a cau­sa del­la cor­ru­zio­ne del­le di­ver­se clas­si di­ri­gen­ti di quei Pae­si. E al­lo­ra che fa­re? Da un la­to c'è la lot­ta dei cur­di per dar vi­ta a una so­cie­tà con una de­mo­cra­zia dal bas­so che con­sen­ta uno svi­lup­po non ca­pi­ta­li­sti­co, ma so­li­da­le e do­ve le don­ne ab­bia­no un ruo­lo im­por­tan­te. Dall'al­tro - se­con­do Qui­ri­co - non pos­sia­mo con­ti­nua­re a gri­da­re «al lu­po» ogni vol­ta che ve­dia­mo un mi­gran­te nel­le no­stre cit­tà, né pre­ten­de­re che di­ven­ti co­me noi. Non è que­sta l'in­te­gra­zio­ne. Dob­bia­mo ca­pi­re che quan­do ar­ri­va­no i mi­gran­ti non han­no più un pas­sa­to, so­no un «po­po­lo nuo­vo» che va ri­co­no­sciu­to co­me ta­le.

Con que­sto in­con­tro si è con­clu­so un per­cor­so che Por­de­no­ne­leg­ge ha pro­mos­so pre­sen­tan­do au­to­ri di­ver­si, ma tut­ti le­ga­ti al­le te­ma­ti­che dell'islam e del­le mi­gra­zio­ni. Ba­sti ri­cor­da­re Fran­ce­sca Cor­rao e Da­rio Fab­bri, che han­no pre­sen­ta­to l'islam sot­to il pro­fi­lo re­li­gio­so e geo­po­li­ti­co; o la sau­di­ta Ra­ja Alem e suor Ro­se­ma­ry Ny­i­rum­be: la pri­ma in­ci­ta le ra­gaz­ze a un ruo­lo so­cia­le at­ti­vo, la se­con­da cer­ca di sal­var­le dal­la vio­len­za. Il tur­co Bu­rhan Sön­mez, per­se­gui­ta­to per la sua bat­ta­glia per i di­rit­ti ci­vi­li dei cur­di; Cor­ra­do Au­gias, che rac­con­tan­do Istan­bul fa i con­ti con la sto­ria del­la cit­tà; Lil­li Gru­ber, che in­vi­ta gli ita­lia­ni a su­pe­ra­re pau­re e odi con­tro l'islam, co­me fa an­che lo sto­ri­co Fran­co Car­di­ni cer­can­do di spie­gar­lo.

IL DI­BAT­TI­TO

Da si­ni­stra: Do­me­ni­co Qui­ri­co, Mar­co Ro­vel­li e Lo­ren­zo Mar­chio­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.