Sprint d’oro di Mar­ti­na L’ita­lia ar­ri­va a quo­ta 39

La Cai­ro­ni vin­ce i 100 me­tri, Con­tra­fat­to ter­za Tri­mi d’ar­gen­to nel nuo­to. Mi­glio­ra­to il me­da­glie­re di Lon­dra

Il Gazzettino (Pordenone) - - Altri - Ge­rar­do Pin­to

Le Pa­ra­lim­pia­di di Rio de Ja­nei­ro si so­no con­clu­se con un no­te­vo­le bot­ti­no az­zur­ro, un to­ta­le di ben tren­ta­no­ve me­da­glie: 10 d'oro, 14 d'ar­gen­to, 15 di bron­zo. Un bel ri­sul­ta­to (a Lon­dra i po­di era­no sta­ti 28), tut­ta­via in­fi­cia­to dall'as­sen­za del­la Rus­sia per la que­stio­ne le­ga­ta al doping, e ma­tu­ra­to in una gior­na­ta tra­gi­ca, fu­ne­sta­ta dal­la mor­te dell'ira­nia­no Bah­man Gol­bar­ne­z­had, spe­cia­li­sta dell'hand­bi­ke, vit­ti­ma di un in­ci­den­te di ga­ra.

Con­si­de­ran­do che l'uni­co ita­lia­no iscrit­to al­la ga­ra di ma­ra­to­na, Ales­san­dro Di Lel­lo, ha ri­nun­cia­to, le ul­ti­me bel­le im­ma­gi­ni per gli az­zur­ri so­no ve­nu­te – nel­la not­ta­ta ita­lia­na dal­la pi­sta di atle­ti­ca, do­ve Mar­ti­na Cai­ro­ni e Mo­ni­ca Con­tra­fat­to han­no con­qui­sta­to, ri­spet­ti­va­men­te, l'oro e il bron­zo nei 100 (T42), in una gior­na­ta in cui si so­no po­sti in gran­de evi­den­za il lun­ghi­sta te­de­sco Mar­kus Rehm, vin­ci­to­re con 8.21 e la cu­ba­na Oma­ra Du­rand, che ha con­qui­sta­to il suc­ces­so, nei 400 (T12) con il nuo­vo re­cord mon­dia­le 51”77, una pre­sta­zio­ne che le sa­reb­be val­sa co­me mi­ni­mo per par­te­ci­pa­re al­le Olim­pia­di.

Tor­nan­do al­le due ve­lo­ci­ste az­zur­re va sot­to­li­nea­to che Mar­ti­na ha fat­to se­gna­re ai cro­no­me­tri 14”97 e Mo­ni­ca 16”30. «Sen­ti­vo che sta­vo per per­de­re la pro­te­si. Ho ral­len­ta­to per con­trol­la­re la po­si­zio­ne del­la te­de­sca Löw, (ar­gen­to con 15”17, ndr). Ec­co per­ché il tem­po è quel­lo che è - spie­ga Mar­ti­na - la vi­ta è co­me i 100 me­tri: ci si può aspet­ta­re di tut­to. Po­te­va suc­ce­de­re il pa­ta­trac. In­ve­ce mi ha aiu­ta­to un po' di for­tu­na. So­no, ov­via­men­te, mol­to con­ten­ta che ci sia sta­ta con me sul po­dio Mo­ni­ca. Non è tan­to per di­re, sol­tan­to per­ché, quat­tro an­ni fa, lei mi ha vi­sto ga­reg­gia­re a Lon­dra ed è sta­to pro­prio que­sto che l'ha spin­ta a pra­ti­ca­re l'atle­ti­ca». «Se ha fun­zio­na­to con lei – ag­giun­ge emo­zio­na­tis­si­ma – può fun­zio­na­re an­che con al­tre ra­gaz­ze». E Mo­ni­ca su­bi­to ha re­pli­ca­to, spie­gan­do di sen­tir­si co­me in un film: «Mi sem­bra un so­gno già es­se­re a Rio - con­fes­sa – es­se­re sul po­dio in­sie­me con Mar­ti­na è una co­sa bel­lis­si­ma. Ad un cer­to pun­to non ce la fa­ce­vo più, ma l'idea di ar­ri­va­re e di po­ter al­za­re una ban­die­ra in più per l'ita­lia mi han­no da­to la for­za ne­ces­sa­ria».

Dal­la pi­sci­na, in­ve­ce, l'ita­loal­ba­ne­se Ar­jo­la Tri­mi ha por­ta­to via l'ar­gen­to dei 50 sti­le li­be­ro (S4), con 40”51, nuo­vo pri­ma­to eu­ro­peo, fi­nen­do al­le spal­le dell'au­stra­lia­na Ra­chel Wa­tson, che ha fat­to se­gna­re un ec­cel­len­te 40”13. An­che lei, do­po l'even­to, par­la di un so­gno che è di­ven­ta­to real­tà. «Era la mia ga­ra pre­fe­ri­ta, il mio sti­le pre­fe­ri­to – spie­ga - so­no riu­sci­ta a ge­sti­re l'at­te­sa, vi­sto che era l'ul­ti­mo gior­no. Ero con­vin­ta che avrei po­tu­to con­ta­re su que­sta ga­ra. Ed è ar­ri­va­ta la me­da­glia, do­po un per­cor­so lun­go, du­ra­to ben quat­tro an­ni».

SPRINT DA SO­GNO La Cai­ro­ni (a de­stra) pre­ce­de la Löw e la Con­tra­fat­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.