«La vi­ta è fat­ta di passioni»

La se­ra­ta con­clu­si­va con Mo­gol

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

POR­DE­NO­NE - (ro.vi.) Gia­co­mo Leo­par­di, nel­lo Zi­bal­do­ne, scris­se che quan­do mu­si­ca e pa­ro­le si uni­sco­no, co­sti­tui­sco­no un ma­tri­mo­nio in­dis­so­lu­bi­le. Lo ri­cor­da be­ne Giu­lio Ra­pet­ti Mo­gol (ades­so il co­gno­me è for­mal­men­te dop­pio), che ora ha più mo­ti­vi di do­ler­se­ne che per ral­le­grar­se­ne. «Il pro­ble­ma è la cul­tu­ra po­po­la­re - ana­liz­za in con­fe­ren­za stam­pa - ora­mai com­pro­mes­sa e per la qua­le nes­su­no rea­gi­sce».

A Por­de­no­ne­leg­ge ha pre­sen­ta­to ie­ri se­ra il li­bro "Il mio me­stie­re è vi­ve­re la vi­ta". Gi­ran­do la do­man­da pa­ra­fra­san­do il ti­to­lo, per un gio­va­ne co­sa di­reb­be: che me­stie­re è la vi­ta? «È una ric­chez­za di­pen­den­te dal nu­me­ro di passioni che una per­so­na può col­ti­va­re. Per­chè le passioni so­no il mo­to­re evo­lu­ti­vo. Tut­ti na­sco­no con dei ta­len­ti la­ten­ti, che van­no col­ti­va­ti. Me­dia­men­te, sfrut­tia­mo il due per cen­to del­le no­stre ca­pa­ci­tà crea­ti­ve. Bi­so­gna sa­per­si crea­re au­to­ma­ti­smi an­che per fa­re co­se che sem­bra­no im­pos­si­bi­li».

Co­mun­que? «Con­si­glie­rei di col­ti­va­re il mag­gior nu­me­ro di passioni e pren­de­re tut­to con gran­de in­te­res­se. I pri­mi pas­si so­no i più dif­fi­col­to­si, poi la stra­da va in di­sce­sa».

Se fra tut­ti i ruo­li e no­mi­gno­li, la chia­mas­se­ro crea­ti­vo? «A vol­te mi so­no in­ven­ta­to del­le pa­ro­le. Co­me il ver­bo "ru­scel­la­re", per­chè non c'era­no al­tri si­no­ni­mi che ren­des­se­ro co­sì be­ne il sen­so. Uso le pa­ro­le co­me cre­ta, di­fen­den­do la mia li­ber­tà, che è un gran­de pa­tri­mo­nio del­la vi­ta».

Vi­ta che vi­ve co­me? «La mu­si­ca non è mai sta­ta to­ta­liz­zan­te per me. Amo il cal­cio, le bar­che, i ca­val­li, l'ar­chi­tet­tu­ra. La mu­si­ca oc­cu­pa nean­che il cin­que per cen­to del mio tem­po».

Co­sa vuol fa­re an­co­ra? «Vor­rei il de­but­to dell’ope­ra li­ri­ca di Gian­ni Bel­la. L'ha fat­ta ascol­ta­re ai me­lo­ma­ni di Par­ma, che l'han­no giu­di­ca­ta mol­to po­si­ti­va­men­te. So­lo che c'è una leg­ge del 1976 per cui gli en­ti li­ri­ci non pos­so­no fi­nan­zia­re nuo­ve ope­re». Que­ste, mi­ca so­no emo­zio­ni.

PAROLIERE Giu­lio Ra­pet­ti Mo­gol

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.