«La di­ver­si­tà per­du­ta del Me­dio Orien­te»

In Re­gni di­men­ti­ca­ti gli an­ti­chi cul­ti an­co­ra esi­sten­ti mi­nac­cia­ti dal­le guer­re

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - La­ra Za­ni

POR­DE­NO­NE - Ci so­no gli ya­zi­di, che ve­ne­ra­no il so­le e la lu­na e che si so­no sal­va­ti a lun­go gra­zie al­le col­li­ne che han­no re­so dif­fi­ci­le la con­qui­sta del lo­ro ter­ri­to­rio da par­te di qual­sia­si eser­ci­to e che ne han­no fat­to una cul­tu­ra qua­si di­men­ti­ca­ta. E poi ci so­no i man­dei, so­prav­vis­su­ti per 1.800 an­ni nel­le pa­lu­di ira­che­ne, con i lo­ro scon­giu­ri ma­gi­ci e una pre­sun­ta di­scen­den­za dai se­gua­ci di Gio­van­ni Bat­ti­sta. Enor­mi im­pe­ri nel pas­sa­to, ri­dot­ti og­gi a pic­co­lis­si­mi vil­lag­gi. So­no al­cu­ni dei "re­gni di­men­ti­ca­ti" pro­ta­go­ni­sti del viag­gio di Ge­rard Rus­sell at­tra­ver­so un mo­sai­co di fe­di mil­le­na­rie che ri­schia­no ora di es­se­re spaz­za­te via da un Medioriente che ha per­so l'aper­tu­ra e la tol­le­ran­za per la qua­le si è di­stin­to fi­no a po­chi de­cen­ni fa. «La gran­de tra­ge­dia - spie­ga Rus­sell - è la scom­par­sa del­le re­li­gio­ni dai luo­ghi nei qua­li han­no avu­to un ruo­lo pre­do­mi­nan­te. È ve­ro che dob­bia­mo oc­cu­par­ci di tu­te­la­re quel­lo che è il pa­tri­mo­nio fi­si­co, ma a vol­te di­men­ti­chia­mo lo sfor­zo che sa­reb­be ne­ces­sa­rio per pre­ser­va­re an­che la cul­tu­ra uma­na. È que­sto il mo­ti­vo per cui ero co­sì de­si­de­ro­so di scri­ve­re que­sto li­bro, per­ché vor­rei che la gen­te di­ven­tas­se con­sa­pe­vo­le del­la sua cul­tu­ra».

Il ti­mo­re ri­guar­da pro­prio quel Medioriente che è sta­to a lun­go una cul­la di cul­ti di­ver­si e di scam­bi fe­con­di fra l'uno e l'al­tro, che ri­schia­no ora di es­se­re can­cel­la­ti dal Dae­sh: «La scom­par­sa di que­sti cul­ti sa­reb­be una gran­de per­di­ta non so­lo per l'uma­ni­tà in­te­ra, ma so­prat­tut­to per il Medioriente, che per­de­reb­be la sua ca­rat­te­ri­sti­ca di­ver­si­tà. Ma pen­so che non ci sia as­so­lu­ta­men­te nien­te di ine­vi­ta­bi­le, che una per­so­na di fe­de isla­mi­ca non deb­ba per for­za es­se­re in­tol­le­ran­te nei con­fron­ti del­le al­tre fe­di. C'è sta­to un tem­po, due­cen­to an­ni fa, in cui il Medioriente era mol­to più avan­ti an­che dell'eu­ro­pa in ter­mi­ni di aper­tu­ra. Con que­sto li­bro mi au­gu­ro non so­lo di crea­re mag­gio­re con­sa­pe­vo­lez­za, ma an­che di riu­sci­re a ri­tor­na­re in­die­tro di qua­ran­ta, cin­quant'an­ni e di di­ven­ta­re nuo­va­men­te gli uni più aper­ti nei con­fron­ti de­gli al­tri».

«Con le gen­ti si per­de la cul­tu­ra»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.