«Ita­li­cum, non si pro­va sul­la pel­le de­gli ita­lia­ni»

L’ex lea­der Pd a Pa­do­va: «La ri­for­ma fa re­gre­di­re la de­mo­cra­zia» Il Jobs act è da ri­ve­de­re, i vou­cher fan­no nu­me­ro ma non oc­cu­pa­zio­ne

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

in con­trat­ti a tem­po in­de­ter­mi­na­to che so­no me­no di quan­do c'era l'ar­ti­co­lo 18 e di quan­do non c'era­no gli in­cen­ti­vi». Ber­sa­ni è poi an­da­to all'at­tac­co del­la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le: «Ri­schia di in­tro­dur­re un mec­ca­ni­smo de­mo­cra­ti­co re­gres­si­vo. Serve un'ini­zia­ti­va del go­ver­no per evi­ta­re che i se­na­to­ri nuo­vi ven­ga­no fat­ti a ta­vo­li­no, che con il 25% uno pi­gli tut­to e che i de­pu­ta­ti ven­ga­no no­mi­na­ti non si sa da chi».

«Cre­do sia un er­ro­re per­so­na­liz­za­re il re­fe­ren­dum e le­gar­lo al­la du­ra­ta del go­ver­no - ha ag­giun­to l’espo­nen­te dem - Noi dob­bia­mo di­re agli ita­lia­ni che, an­che se vin­ce il no, non ca­de. Io non da­rò in­di­ca­zio­ni di vo­to. Na­tu­ral­men­te se poi Ren­zi di­ce che l'ita­li­cum è una leg­ge ot­ti­ma, io mi tac­cio. Ho sen­ti­to og­gi Jens Weid­mann, ca­po del­la Bun­de­sbank di­re "be­ne l'ita­li­cum" ha con­clu­so l'ex mi­ni­stro del go­ver­no Pro­di - Ma a lui pia­ce che l'ita­li­cum lo adot­ti l’ita­lia. Lo­ro in­ve­ce si ten­go­no il Ger­ma­ni­cum. Ec­co, non fac­cia­mo espe­ri­men­ti su­gli ita­lia­ni. Bi­so­gna as­so­lu­ta­men­te che si raf­fred­di que­sto cli­ma per­ché co­sì ci si espo­ne a in­cur­sio­ni spe­cu­la­ti­ve di ogni ge­ne­re. Noi dob­bia­mo di­re che gli ita­lia­ni sce­glie­ran­no e il go­ver­no ri­mar­rà e il gior­no do­po il vo­to sul pia­no so­cia­le ed eco­no­mi­co sa­rà co­me il gior­no pri­ma».

Sul­la stes­sa lun­ghez­za d'on­da, an­che l’eu­ro­de­pu­ta­to Fla­vio Za­no­na­to da sem­pre "ber­sa­nia­no or­to­dos­so". «Quel­lo che non mi con­vin­ce in que­sta ri­for­ma - ha det­to l'ex sin­da­co di Pa­do­va - è che un or­ga­no le­gi­sla­ti­vo co­me il Se­na­to, non sia più de­si­gna­to de­gli elet­to­ri. Quan­to al no­stro par­ti­to, in­ve­ce, mi pre­oc­cu­pa il fat­to che non ci sia più un luo­go in cui con­fron­tar­si. Pur­trop­po si è smar­ri­ta una con­sue­tu­di­ne che era par­te in­te­gran­te tan­to del­la De­mo­cra­zia cri­stia­na quan­to del Par­ti­to co­mu­ni­sta». Cri­ti­co nei con­fron­ti del go­ver­no Ren­zi an­che Pie­ro Ruz­zan­te: «Pen­sa­re di po­te­re at­tac­ca­re tut­ti i gior­ni l'an­pi e la Cgil, nel­la con­vin­zio­ne di po­ter­li so­sti­tui­re con Al­fa­no e Ver­di­ni è sta­to un gra­ve er­ro­re, so­prat­tut­to nei con­fron­ti del­la no­stra sto­ria e del­la no­stra gen­te».

«Nei Dem man­ca il luo­go di con­fron­to»

RAI Il dg An­to­nio Cam­po Dall’or­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.