LO SGAR­BO DI VIR­GI­NIA SAL­TA L’IN­CON­TRO E VA IN TRAT­TO­RIA

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - DI MA­RIO AJELLO

«Il mag­gior pro­ble­ma del­la co­mu­ni­ca­zio­ne se­con­do Geor­ge Ber­nard Shaw - è l’il­lu­sio­ne che sia av­ve­nu­ta». Ec­co, que­sto pro­ble­ma, al­me­no que­sto, ie­ri non si è ve­ri­fi­ca­to.

Per­ché il sin­da­co Rag­gi, nel suo sgar­bo che non è so­lo isti­tu­zio­na­le ma è an­che ri­vol­to in ge­ne­ra­le con­tro la cit­tà di Ro­ma e con­tro la Ca­pi­ta­le d’ita­lia, ha ri­fiu­ta­to di par­la­re con Gio­van­ni Ma­la­gò. Pro­prio lei che vi­ce­ver­sa, men­tre ha in­flit­to 40 mi­nu­ti di an­ti­ca­me­ra al pre­si­den­te del Co­ni per poi non pre­sen­tar­si all’ap­pun­ta­men­to, ap­pe­na qual­che gior­no fa ha ac­col­to in ma­nie­ra prin­ci­pe­sca nel suo stu­dio sul Cam­pi­do­glio il pa­tron del­la Ro­ma, Ja­mes Pal­lot­ta. Con­ce­den­do­gli an­che il pri­vi­le­gio dell’af­fac­cia­ta dal bal­co­ne su vi­sta Fo­ri. Una di­ver­si­tà di trat­ta­men­to pla­tea­le e pro­ba­bil­men­te ri­con­du­ci­bi­le al fat­to che la Rag­gi, in­ten­ta ad af­fos­sa­re la chan­ce olim­pi­ca, sem­bra ascol­ta­re le si­re­ne del­la lob­by del nuo­vo sta­dio del­la Ro­ma a Tor di Val­le. Spon­so­riz­za­to an­zi­tut­to da quell’as­ses­so­re Ber­di­ni che è no­to or­mai co­me «lo sta­di­sta» e che il sin­da­co non può per­met­ter­si il lus­so di per­de­re vi­sta la pre­co­ce, ed epi­de­mi­ca, mo­ria in giun­ta.

E che di­re in­tan­to del­la man­can­za di ri­spet­to, da par­te del sin­da­co, nei con­fron­ti di Lu­ca Pan­cal­li, del Co­mi­ta­to ita­lia­no pa­ra­lim­pi­co, che è di­sa­bi­le in se­dia a ro­tel­le? An­che a lui, in­sie­me a Ma­la­gò, so­no sta­te in­flit­te l’inu­ti­le at­te­sa e l’umi­lia­zio­ne, do­po la fa­ti­ca di es­se­re por­ta­to las­sù nell’an­ti­ca­me­ra del­la Rag­gi, di non es­se­re ri­ce­vu­to. E co­mun­que per vo­le­re o per ca­pric­cio dell’in­qui­li­no del Cam­pi­do­glio la Rag­gi si è of­fe­sa per la pre­ven­ti­va ri­chie­sta di strea­ming da par­te di Ma­la­gò, sde­gno­sa­men­te ri­fiu­ta­ta in no­me di una tra­spa­ren­za che non è più la su­pre­ma vir­tù del­la neo-po­li­ti­ca gril­li­na? - ie­ri è an­da­to in sce­na il tea­tro dell’in­co­mu­ni­ca­bi­li­tà. Tra due per­so­nag­gi, il pre­si­den­te del Co­ni e il sin­da­co di Ro­ma, che ap­par­ten­go­no a due mondi di­ver­si, ma tra di­ver­si ci si par­la se si vuo­le, e che in­car­na­no due sti­li an­ti­te­ti­ci: uno è uo­mo di mon­do, l’al­tra al mon­do si è ap­pe­na af­fac­cia­ta. Lui è prag­ma­ti­co e tes­si­to­re, lei è ideo­lo­gi­ca e pau­pe­ri­sta, ir­ri­du­ci­bi­le al­lo scam­bio di ve­du­te per mo­stra­re fedeltà al­la li­nea det­ta­ta dal suo par­ti­to. E co­sì, co­me se Ro­ma fos­se un pal­co­sce­ni­co per pan­to­mi­me, uno en­tra - per­ché in­vi­ta­to: «Ho an­che do­vu­to cam­bia­re l’agen­da pur di es­ser­ci» - nel pa­laz­zo se­na­to­rio e l’al­tra, l’ospi­tan­te, non si fa tro­va­re. Lui esce dall’an­ti­ca­me­ra del sin­da­co do­po ave­re aspet­ta­to tan­to, e se ne va de­lu­so per la «scor­te­sia» ri­ce­vu­ta ov­ve­ro per il

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.