Al­lar­me am­bien­te, mo­ni­to­rag­gio dell’ar­pa

Al ci­vi­co 73 gli ope­rai guar­da­no il crol­lo del­la pa­laz­zi­na do­ve la­vo­ra­va­no L’as­ses­so­re Bol­tin da­van­ti al di­sa­stro ras­si­cu­ra sul ri­schio in­qui­na­men­to

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primopiano -

POR­DE­NO­NE - Le fiam­me che di­vo­ra­no il pri­mo pia­no dell'au­to­sy­stem. Al ci­vi­co 73 di via­le Ve­ne­zia ar­ri­va an­che Ste­fa­nia Bol­tin, as­ses­so­re all'am­bien­te del Co­mu­ne di Por­de­no­ne. Di ri­tor­no da un in­con­tro di la­vo­ro a Udi­ne si è fer­ma­ta per ve­de­re da vi­ci­no l'evol­ver­si dal­la si­tua­zio­ne e so­prat­tut­to per ca­pi­re le con­se­guen­ze che l'in­cen­dio ha pro­vo­ca­to: «Da par­te dell'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le - le pa­ro­le dell'espo­nen­te del­la giun­ta Ci­ria­ni - la so­li­da­rie­tà po­co sa­reb­be sta­ta in­va­sa dal fu­mo e le fiam­me l'avreb­be­ro av­vol­ta».

È un dram­ma per una real­tà so­li­da co­me Si­na. Una pic­co­la real­tà im­pren­di­to­ria­le di­ven­ta­ta gran­de con i suoi qua­si 4 me­tri qua­dra­ti, all'in­ter­no dei qua­li so­no pre­sen­ti ser­vi­zi di as­si­sten­za e po­st-ven­di­ta co­me mas­si­ma al­la fa­mi­glia Si­na. Un plau­so al gran­de la­vo­ro svol­to dai vi­gi­li del fuo­co che han­no la­vo­ra­to sen­za so­sta per do­ma­re l'in­cen­dio. Dan­no am­bien­ta­le? Mi sem­bra pre­ma­tu­ro par­la­re di dan­ni all'am­bien­te; è ve­ro, per più di un'ora il fu­mo, vi­si­bi­le a of­fi­ci­na, car­roz­ze­ria e ma­gaz­zi­no ri­cam­bi to­tal­men­te cen­tra­liz­za­to. Non so­lo. Vi­ci­no, qua­si co­mu­ni­can­ti tra lo­ro, ci so­no gli sho­w­room dei brand au­to Fiat, Jeep, Nis­san, Vol­vo, Kia, Su­ba­ru - com­mer­cia­liz­za­ti dal grup­po.

Mat­to­ne su mat­to­ne, nel 2013, men­tre la cri­si del set­to­re di­ver­si chi­lo­me­tri di di­stan­za, è usci­to sen­za so­sta ma le con­di­zio­ni at­mo­sfe­ri­che han­no fat­to sì che l'aria spaz­zas­se via la nu­be da Por­de­no­ne e con es­sa qual­che so­stan­za no­ci­va».

Vi­ci­no all'uni­tà Nbcr dei vi­gi­li del fuo­co, chia­ma­ta ad au­to pic­chia­va du­ro, con un in­ve­sti­men­to di cir­ca tre mi­lio­ni di eu­ro era co­min­cia­ta la rea­liz­za­zio­ne del­la cit­ta­del­la sor­ta in Via­le Ve­ne­zia.

Ora l’in­cen­dio che ri­schia di crea­re un du­ro con­trac­col­po al set­to­re dell'au­to­no­leg­gio. in­ter­ve­ni­re sem­pre quan­do esi­ste un fon­da­to pe­ri­co­lo di con­ta­gio da so­stan­ze nu­clea­ri, bio­lo­gi­che, chi­mi­che o ra­dio­lo­gi­che, è ar­ri­va­ta an­che l'ar­pa che ha av­via­to un mo­ni­to­rag­gio dell'aria. «Già da do­ma­ni - as­si­cu­ra l'as­ses­so­re Bol­tin - di con­cer­to con gli uf­fi­ci co­mu­na­li pre­po­sti ci at­ti­ve­re­mo per ca­pi­re co­me in­ter­ve­ni­re. Quel­lo che più è im­por­tan­te è che nes­su­no, al di là dei dan­ni in­gen­ti, si sia fat­to ma­le». Il ri­fe­ri­men­to è a quei di­pen­den­ti che po­te­va­no ri­ma­ne­re coin­vol­ti nel ro­go e che, con estre­ma pron­tez­za, non sol­tan­to so­no usci­ti dal­la pa­laz­zi­na, ma so­no riu­sci­ti a chia­ma­re i vi­gi­li del fuo­co del co­man­do pro­vin­cia­le di Por­de­no­ne. Gli stes­si di­pen­den­ti che, a de­bi­ta di­stan­za, os­ser­va­va­no il lo­ro luo­go di la­vo­ro ri­dur­si in un cu­mu­lo di la­mie­re.

Sguar­di fis­si, i lo­ro, che ie­ri po­me­rig­gio si com­men­ta­va­no da so­li. «È un du­ro col­po af­fer­ma uno di lo­ro - per­ché è du­ra ac­cet­ta­re che la pro­pria se­con­da ca­sa va­da a fuo­co. Pe­rò fac­cia­mo par­te di una gran­de fa­mi­glia, co­me quel­la del­la Si­na, e non ci pie­ghia­mo di fron­te a nien­te. Ser­vi­rà rim­boc­car­si le ma­ni­che per poi ri­par­ti­re. Più for­ti di pri­ma».

Una "cit­ta­del­la dell’au­to"

co­sta­ta tre mi­lio­ni

Esper­ti con­tro il pe­ri­co­lo chi­mi­co Og­gi riu­nio­ne con i tec­ni­ci

AS­SES­SO­RE Ste­fa­nia Bol­tin è giun­ta sul po­sto e ha ras­si­cu­ra­to sui ri­schi am­bien­ta­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.