«Trop­pe tas­se, la­scio e me ne va­do a Ibi­za»

Pao­lo Mal­va­ni ha ce­du­to l’at­ti­vi­tà e ha de­ci­so di ab­ban­do­na­re l’ita­lia «Ma so­no de­lu­so an­che dal­le re­go­le con­fu­se sul di­stur­bo e sul­la mu­si­ca»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Va­len­ti­na Sil­ve­stri­ni

Il ge­sto­re dell’ex "Bar­col­lo": «Una cit­tà sen­za me­ta e gio­va­ni sen­za fu­tu­ro»

Tan­to ap­prez­za­to dai suoi clien­ti, al­tret­tan­to "odia­to" dai re­si­den­ti tan­to da es­se­re di­ve­nu­to "La pe­co­ra ne­ra". Pao­lo Mal­va­ni, il qua­ran­ta­set­ten­ne ge­sto­re dell'ori­gi­na­rio Bar­col­lo (ri­no­mi­na­to Pe­co­ra Ne­ra nel 2013) do­po do­di­ci an­ni di sod­di­sfa­zio­ni, ma an­che di lot­te di piaz­za, ha de­ci­so di la­scia­re Por­de­no­ne.

Dal pri­mo ago­sto il pub­bli­co eser­ci­zio è sta­to ce­du­to a Sa­bri­na Gar­do­nio, che da di­pen­den­te ne è di­ve­nu­ta ti­to­la­re. A me­tà gen­na­io 2017 Pao­lo pren­de­rà la sua va­li­gia, da buon emi­gran­te, e si tra­sfe­ri­rà ad Ibi­za.

«L'idea è di apri­re un lo­ca­le lì, ma non so an­co­ra co­sa, lo de­ci­de­rò una vol­ta ar­ri­va­to e ve­den­do qual è la si­tua­zio­ne» rac­con­ta Pao­lo.

Per­ché ha de­ci­so di an­dar­se­ne?

«Per due ra­gio­ni, an­zi­tut­to la pres­sio­ne fi­sca­le ita­lia­na: seb­be­ne sia un po’ ca­la­to con la cri­si, il la­vo­ro qui non man­ca, an­zi non pos­so la­men­tar­mi, ma il ca­ri­co di tas­se non è so­ste­ni­bi­le. La­vo­ra­re per man­te­ne­re que­sta clas­se po­li­ti­ca pro­prio non mi va più. E poi i rap­por­ti con il re­sto del­la piaz­za so­no dif­fi­ci­li. La si­tua­zio­ne con la pre­ce­den­te Am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le è peg­gio­ra­ta, si han­no le ma­ni le­ga­te per via del di­stur­bo e del­la mu­si­ca, an­che se cre­do sia una si­tua­zio­ne non so­lo por­de­no­ne­se».

Dal ban­co­ne del suo bar in piaz­za XX Set­tem­bre, co­me ve­de la no­stra cit­tà?

«Mi sem­bra sen­za me­ta, an­che i gio­va­ni so­no so­lo at­tac­ca­ti al cel­lu­la­re. E in ogni ca­so co­me fu­tu­ro han­no ben po­co».

Il fat­to di la­vo­ra­re nei pub­bli­ci eser­ci­zi lei ce l'ha nel san­gue... «I miei ge­ni­to­ri ave­va­no il Cial de Brent, la piz­ze­ria Al par­co, do­ve an­ch’io ho la­vo­ra­to. Mio non­no era cuo­co al Ca­val­li­ni di Sacile. E lo zio di mia ma­dre al Grit­ti di Ve­ne­zia. È un me­stie­re per il qua­le de­vi ave­re pas­sio­ne per­ché al­tri­men­ti le tan­te ore di la­vo­ro sen­za fe­sti­vi­tà di­ven­ta­no mol­to pe­san­ti».

Sua mam­ma l'aiu­ta­va in cu­ci­na. Co­me ha pre­so la sua scel­ta di ce­de­re l'at­ti­vi­tà?

«Vor­reb­be ve­ni­re an­che lei. Mi ha già det­to che se tro­vo qual­co­sa e do­ves­si ave­re bi­so­gno di lei è pron­ta a rag­giun­ger­mi».

Un bi­lan­cio di que­sti do­di­ci an­ni?

«Mi sen­to mol­to for­tu­na­to per le per­so­ne che han­no la­vo­ra­to con me e che vo­glio rin­gra­zia­re per l'aiu­to e la col­la­bo­ra­zio­ne. An­che a lo­ro è do­vu­to il suc­ces­so di que­sto lo­ca­le. Ora i re­si­den­ti del cen­tro fi­nal­men­te po­tran­no ti­ra­re un so­spi­ro di sol­lie­vo. An­che se io da an­ni non or­ga­niz­za­vo più nien­te. Pra­ti­ca­men­te da quan­do per i die­ci an­ni del lo­ca­le ho vi­sto ar­ri­va­re i vi­gi­li al­le 19.15, do­po un quar­to d'ora che era ini­zia­to il con­cer­to di un grup­po. Pur­trop­po le re­go­le do­vreb­be­ro va­le­re per tut­ti e co­sì non è. Ba­ste­reb­be ave­re re­go­le chia­re co­sì uno sa se apri­re un lo­ca­le e fa­re l'in­ve­sti­men­to o me­no».

LA PE­CO­RA NE­RA Il bar di piaz­za XX set­tem­bre, l’ex "Bar­col­lo"

BARMAN Pao­lo Mal­va­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.