«Il mio Fran­ce­sco non si ar­ren­de mai»

L’ap­pren­sio­ne, la spe­ran­za e l’or­go­glio di una fa­mi­glia che ha cre­du­to nel fi­glio Par­la Mau­ri­zio Po­le­sel­lo, il pa­dre del ra­gaz­zo do­wn che ha con­se­gui­to di­plo­ma e pa­ten­te

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sacilese - Mau­ro Fa­va­ro

«Mol­tis­si­me per­so­ne ci di­ce­va­no che era una mis­sio­ne im­pos­si­bi­le, che non ce l'avreb­be mai fat­ta. Al­tre, in­ve­ce, han­no cre­du­to in lui e nel­le sue po­ten­zia­li­tà. Gli han­no per­mes­so di pro­va­re a cen­tra­re gli obiet­ti­vi, sen­za ar­ren­der­si». È co­sì che Fran­ce­sco Po­le­sel­lo, 20en­ne con sin­dro­me di Do­wn, ha pri­ma con­qui­sta­to il di­plo­ma all'al­ber­ghie­ro Bel­tra­me di Vit­to­rio Ve­ne­to, con un vo­to di 82 su cen­to, e poi si è mes­so in ta­sca an­che la pa­ten­te per l'au­to. Il pa­dre, Mau­ri­zio, lo rac­con­ta pro­van­do a te­ne­re a ba­da l'emo­zio­ne. Non è sem­pli­ce. Pri­ma del­la na­sci­ta, a Fran­ce­sco non era sta­to dia­gno­sti­ca­to al­cun pro­ble­ma par­ti­co­la­re. I ge­ni­to­ri han­no rea­liz­za­to so­lo nel­la sua pri­ma set­ti­ma­na di vi­ta che ave­va la for­ma di sin­dro­me di Do­wn a Mo­sai­co (so­lo al­cu­ne cel­lu­le con un cro­mo­so­ma in più). Da quel mo­men­to, pe­rò, han­no fat­to di tut­to per­ché po­tes­se vi­ve­re nor­mal­men­te. «A qua­si due an­ni an­co­ra non cam­mi­na­va - ri­cor­da Mau­ri­zio - ades­so, in­ve­ce, rie­sce a fa­re il sal­to mor­ta­le». Que­sto non per­ché sia un fe­no­me­no, ma per­ché da an­ni pra­ti­ca gin­na­sti­ca ar­ti­sti­ca acro­ba­ti­ca. Che po­treb­be an­che di­ven­ta­re un la­vo­ro. «Co­me tut­ti i ven­ten­ni è an­co­ra in­de­ci­so - ri­ve­la il pa­dre - sta pen­san­do all'uni­ver­si­tà. Sa­reb­be in gra­do. Ci è sem­pre sta­to det­to che può far tut­to: ci met­te più di al­tre per­so­ne, ma poi non di­men­ti­ca nul­la». In­tan­to si è iscrit­to a un cor­so per di­ven­ta­re pre­pa­ra­to­re atle­ti­co nell'am­bi­to del­la gin­na­sti­ca. Si ve­drà. Con la pa­ten­te in ta­sca, do­po­tut­to, può an­da­re do­ve vuo­le. «Non è sta­to fa­ci­le. Ha do­vu­to fa­re di­ver­se vi­si­te e te­st. Ho sen­ti­to tan­te di quel­le do­man­de: non so se io avrei su­pe­ra­to tut­te quel­le pro­ve - con­clu­de Mau­ri­zio al­la fi­ne è ri­sul­ta­to ido­neo. È sta­to pro­mos­so al­la teo­ria e poi al­la pra­ti­ca. Ades­so ha la pa­ten­te. Noi sia­mo ap­pren­si­vi, co­me tut­ti i ge­ni­to­ri. Gli di­cia­mo di an­da­re pia­no e di non al­lon­ta­nar­si trop­po. C'è più il ti­mo­re che al­tri pos­sa­no an­dar­gli ad­dos­so. Non al­tro. La sua sto­ria de­ve es­se­re fon­te di spe­ran­za per tut­ti: bi­so­gna pro­va­re sen­za mai ar­ren­der­si. Poi si po­trà an­che non riu­sci­re, ma non bi­so­gna mai smet­te­re di pro­va­re».

«Non so se io avrei su­pe­ra­to tut­te quel­le pro­ve

ana­li­si e te­st»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.