È il mo­men­to dei gio­va­ni Jank­to: «Pec­ca­to per il ri­sul­ta­to»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport Udinese - Mar­co Agru­sti

UDI­NE - Non è più un'udi­ne­se per vec­chi: con­tro la Fio­ren­ti­na è an­da­ta in sce­na una pic­co­la ma im­por­tan­tis­si­ma ri­vo­lu­zio­ne. Bep­pe Ia­chi­ni ha da­to ascol­to al­la piaz­za, che da me­si chie­de­va l'im­pie­go di gio­va­ni per rin­fre­sca­re le idee ai bian­co­ne­ri. O, più sem­pli­ce­men­te, il tec­ni­co ha fi­nal­men­te no­ta­to la cre­sci­ta di tut­ti gli ele­men­ti che fi­no a og­gi co­sti­tui­va­no tan­ti pun­ti di do­man­da. Sta di fat­to che in una so­la par­ti­ta so­no sta­ti am­mi­ra­ti nel­lo stes­so mo­men­to Adal­ber­to Pe­na­ran­da, Ja­kub Jank­to e Ro­dri­go De Paul. Tut­ti ven­ten­ni di bel­le spe­ran­ze, che og­gi l'udi­ne­se si coc­co­la. Il pri­mo ave­va già esor­di­to con­tro la Ro­ma, sem­pre nell'ul­ti­mo spez­zo­ne di par­ti­ta, men­tre il ter­zo ha con­fer­ma­to di po­ter di­ven­ta­re uno dei pun­ti fer­mi dell'udi­ne­se di Ia­chi­ni. Il se­con­do, in­ve­ce, era il ve­ro in­ter­ro­ga­ti­vo. Rien­tra­to dal pre­sti­to all'asco­li, vo­ci di mer­ca­to lo da­va­no già in par­ten­za. In­ve­ce nel­la ri­pre­sa di Udi­ne­se-fio­ren­ti­na Ia­chi­ni lo ha get­ta­to nel­la mi­schia. E il ra­gaz­zo na­to a Ma­là Stra­na, il quar­tie­re pra­ghe­se che det­te i na­ta­li a Franz Ka­f­ka, si è pre­so la sce­na chiu­den­do al­cu­ne dia­go­na­li che fi­no a quel mo­men­to lo spae­sa­to Ali Ad­nan ave­va vi­sto con il can­noc­chia­le.

«So­no fe­li­ce, per­ché fi­nal­men­te so­no en­tra­to in cam­po - ha det­to l'un­der 21 del­la Re­pub­bli­ca Ce­ca ai mi­cro­fo­ni di Udi­ne­se Tv -. Pec­ca­to per il ri­sul­ta­to: ab­bia­mo crea­to più oc­ca­sio­ni del­la Fio­ren­ti­na, an­che se al­la fi­ne il pa­ri è giu­sto. Do­po il Chie­vo era­va­mo de­lu­si, per­ché sta­va­mo vin­cen­do e ab­bia­mo per­so la par­ti­ta al­la fi­ne. Vo­le­va­mo fa­re un buon ri­sul­ta­to con­tro la Fio­ren­ti­na e ci sia­mo riu­sci­ti». L'udi­ne­se ha tro­va­to il nuo­vo tut­to­cam­pi­sta? Per ora è pre­sto, ma i se­gna­li ci so­no. Per il ve­ro Pe­na­ran­da bi­so­gna an­co­ra at­ten­de­re: mer­co­le­dì si è vi­sta una gran­de ac­ce­le­ra­zio­ne, ma per ora man­ca l'in­ci­si­vi­tà. In­fi­ne De Paul. L'ar­gen­ti­no cre­sce: as­si­st, per­cus­sio­ni, al­cu­ne gio­ca­te il­lu­mi­nan­ti. Per­de an­co­ra trop­pi pal­lo­ni, ma og­gi l'as­se­gna­zio­ne del­la ma­glia nu­me­ro 10 sem­bra mol­to me­no un sa­cri­le­gio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.