Al­le­gri cam­bia la Ju­ve Man­d­zu­kic-hi­guain

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

TO­RI­NO - I tre pun­ti so­no un «ob­bli­go» sem­pre, per la Ju­ven­tus. Non ba­sta aver do­mi­na­to il cam­pio­na­to per cin­que an­ni con­se­cu­ti­vi: per az­ze­ra­re le cri­ti­che e lot­ta­re per il se­sto scu­det­to è ne­ces­sa­rio vin­ce­re ogni par­ti­ta. Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri al­la vi­gi­lia del­la sfi­da con il Pa­ler­mo sti­mo­la la fa­me di vit­to­ria dei suoi: «Non pos­sia­mo an­da­re via da Pa­ler­mo sen­za i tre pun­ti» è il mes­sag­gio espli­ci­to del tec­ni­co bian­co­ne­ro, tan­to me­no sot­to­va­lu­ta­re la squa­dra si­ci­lia­na, «re­du­ce da un pa­reg­gio e una vit­to­ria in tra­sfer­ta, vo­glio­sa e sen­za gran­di re­spon­sa­bi­li­tà».

Sem­bra es­ser­si or­mai esau­ri­ta l'on­da­ta di cri­ti­che che ha se­gui­to il ko di San Si­ro, com­pli­ce la stra­ri­pan­te vit­to­ria con il Ca­glia­ri: il ri­tor­no in cam­po di Hi­guain, an­da­to a se­gno al­la pri­ma oc­ca­sio­ne uti­le, e il sor­pas­so in vet­ta ai dan­ni del Na­po­li han­no ras­se­re­na­to gli ani­mi, re­sti­tuen­do al­la Ju­ven­tus lo smal­to che sem­bra­va ave­re per­so nel­lo 0-0 di Cop­pa con il Si­vi­glia e a S. Si­ro. «Le cri­ti­che fan­no par­te del gio­co, se vin­cia­mo a po­chi im­por­ta se Hi­guain è in cam­po» è il pen­sie­ro di Al­le­gri sulla que­stio­ne, abi­tua­to al­le con­si­de­ra­zio­ni fi­glie del ri­sul­ta­to più che del gio­co espres­so: «De­vo spe­ra­re che si vin­ca sem­pre co­sì le cri­ti­che non ci so­no: se per­dia­mo ini­zia­no le cri­ti­che, do­ve­va gio­ca­re Hi­guain (nel­la fo­to) piut­to­sto che Man­d­zu­kic o Chiel­li­ni...».

Le in­si­die del­la sfi­da del "Bar­be­ra" non man­ca­no per una Ju­ven­tus at­te­sa mar­te­dì dall'im­pe­gno in Cham­pions Lea­gue a Za­ga­bria con­tro la Di­na­mo: «Non è cer­ta­men­te il Pa­ler­mo di 20 gior­ni fa, ha cam­bia­to al­le­na­to­re ed è in un buon mo­men­to, quin­di tro­ve­re­mo del­le dif­fi­col­tà co­me è nor­ma­le che sia: dob­bia­mo da­re se­gui­to al­la vit­to­ria con il Ca­glia­ri do­po la scon­fit­ta con l'inter».

Per far­lo Al­le­gri si af­fi­de­rà al col­lau­da­to 3-5-2, an­che se per ve­de­re la ve­ra Ju­ven­tus più che il si­ste­ma di gio­co con­ta «il mo­do di gio­ca­re, il mo­do di pro­por­si», co­me fat­to con­tro il Ca­glia­ri quan­do i bian­co­ne­ri han­no «gio­ca­to me­glio tec­ni­ca­men­te, pres­sa­to, sba­glia­to po­co tec­ni­ca­men­te».

Cam­bie­ran­no in­ve­ce gli in­ter­pre­ti, con un Dy­ba­la «se­re­no, ma che può dar­si par­ta dal­la pan­chi­na» so­sti­tui­to da Man­d­zu­kic per for­ma­re la cop­pia di co­raz­zie­ri in­sie­me ad Hi­guain. «Sen­za Dy­ba­la è nor­ma­le che puoi gio­ca­re in mo­do di­ver­so: se gio­ca Pja­ca è un di­scor­so, se gio­ca­no Man­d­zu­kic e Hi­guain in­sie­me ab­bia­mo un po’ di pun­ti di ri­fe­ri­men­to in at­tac­co». In di­fe­sa, com­pli­ce il ri­po­so con­ces­so a Chiel­li­ni, sa­rà con­fer­ma­to il gio­va­ne Ru­ga­ni, re­du­ce da «una bella pre­sta­zio­ne, con gran­de au­to­re­vo­lez­za, per­so­na­li­tà», men­tre a cen­tro­cam­po, da­to per scon­ta­to il ri­tor­no di Khedira, re­sta­no in bal­lot­tag­gio Le­mi­na ed Her­na­nes nel ruo­lo di re­gi­sta da­van­ti al­la di­fe­sa.

An­co­ra pan­chi­na per Pja­ca, «ra­gaz­zo con gran­dis­si­me qua­li­tà che di­ven­te­rà uno de­gli ester­ni più for­ti in Eu­ro­pa», ma non an­co­ra pron­to: «Al­la Di­na­mo Za­ga­bria era il più bra­vo ma nel cam­pio­na­to croa­to, non ci so­no tut­te le at­ten­zio­ni tattiche che si vi­vo­no in Ita­lia», pre­ci­sa Al­le­gri.

Og­gi a Pa­ler­mo fuo­ri Dy­ba­la Ri­po­so an­che per Chiel­li­ni Per il tec­ni­co i 3 pun­ti so­no un «ob­bli­go» in ogni par­ti­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.