Dui­lio Si­na: «An­dia­mo avan­ti»

Già ria­per­to il no­leg­gio: «Ora guar­dia­mo a un nuo­vo fab­bri­ca­to in po­si­zio­ne an­co­ra più stra­te­gi­ca»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Al­ber­to Co­mis­so

«La so­cie­tà non su­bi­rà al­cun dan­no. Né ral­len­ta­men­ti. An­dia­mo avan­ti. La vo­glia di fa­re c'è, il co­rag­gio non man­ca. L'au­gu­rio è quel­lo di ri­par­ti­re al più pre­sto a pie­no re­gi­me, con un nuo­vo fab­bri­ca­to, tec­no­lo­gi­ca­men­te più avan­za­to e in una po­si­zio­ne an­co­ra più stra­te­gi­ca».

Pa­ro­la di Dui­lio Si­na, pa­tron dell'omo­ni­mo grup­po, che as­si­ste, pas­so do­po pas­so, al­le ope­ra­zio­ni di mes­sa in si­cu­rez­za del­la pa­laz­zi­na dell'autosystem an­da­ta qua­si com­ple­ta­men­te di­strut­ta dall'incendio. Ot­tan­tu­no an­ni, men­ta­li­tà im­pren­di­to­ria­le al pas­so con i tem­pi ed un tem­pe­ra­men­to di fer­ro. Ne­gli oc­chi di Si­na si in­tra­ve­de il de­si­de­rio e la vo­lon­tà di ri­par­ti­re: «Gio­ve­dì po­me­rig­gio - rac­con­ta - è suc­ces­so qual­co­sa che mai avrem­mo im­ma­gi­na­to po­tes­se ca­pi­ta­re. Dan­ni a par­te, so­no fe­li­ce che nes­su­no dei di­pen­den­ti si sia fat­to ma­le».

Quan­do il ro­go è scop­pia­to, all'in­ter­no dell'edi­fi­cio c'era­no una de­ci­na di per­so­ne. No­no­stan­te di lì a po­co le fiam­me avreb­be­ro av­vol­to il pri­mo pia­no del­la pa­laz­zi­na, fa­cen­do­la col­las­sa­re su sè stes­sa e can­cel­lan­do per sem­pre me­mo­ria­li ed ar­chi­vi car­ta­cei del­la so­cie­tà, nes­su­no ha per­so la cal­ma. Le cau­se del ro­go? Al mo­men­to si fan­no sol­tan­to del­le ipo­te­si. A sta­bi­lir­le sa­ran­no gli ac­cer­ta­men­ti con­dot­ti dai vi­gi­li del fuo­co del co­man­do pro­vin­cia­le di Por­de­no­ne, ie­ri mat­ti­na sul po­sto in­sie­me all'ispet­to­re d'incendio Clau­dio Ve­ne­rus: «Pen­sia­mo si trat­ti - il pen­sie­ro di Dui­lio Si­na - di un cor­to­cir­cui­to. Mi au­gu­ro che a con­fer­ma­re que­sta te­si sia­no le pe­ri­zie. Non ab­bia­mo ra­gio­ne di pen­sa­re che si sia trat­ta­to di al­tro».

I dan­ni so­no in­gen­ti ma al mo­men­to è dif­fi­ci­le sti­mar­li. Si pen­sa co­mun­que che si ag­gi­ri­no at­tor­no ai 500mi­la eu­ro: «L'at­ti­vi­tà - con­fer­ma Si­na - non ha su­bi­to con­trac­col­pi. Già que­sta mat­ti­na (ie­ri per il let­to­re, ndr) ab­bia­mo ria­per­to con il no­leg­gio a bre­ve ter­mi­ne. Il per­so­na­le, co­sì co­me i com­pu­ter, so­no sta­ti tra­sfe­ri­ti in un'al­tra se­de. Quan­do i tem­pi sa­ran­no ma­tu­ri, ri­par­ti­re­mo con un nuo­vo fab­bri­ca­to, più evo­lu­to e an­cor più stra­te­gi­co».

Do­po l'incendio, il grup­po Si­na ha ri­ce­vu­to nu­me­ro­se at­te­sta­zio­ni di vi­ci­nan­za e sti­ma. Da ami­ci, en­ti pub­bli­ci, pri­va­ti e col­la­bo­ra­to­ri: «Que­sto ci fa mol­to pia­ce­re - ab­boz­za un sor­ri­so l'im­pren­di­to­re ot­tua­ge­na­rio - e al­tro non fa che raf­for­za­re il no­stro de­si­de­rio di ri­par­ti­re a pie­no re­gi­me. Al più pre­sto».

ORE 15.33 Da via­le Ve­ne­zia si in­nal­za una co­lon­na di fu­mo chia­ro: so­no i pri­mi se­gna­li dell’incendio che sta de­va­stan­do l’autosystem. A de­stra: il ca­pan­no­ne al­le 15.51

ORE 15.55 In so­li ven­ti mi­nu­ti la nu­vo­la

è già chia­ra­men­te

vi­si­bi­le dal cen­tro cit­tà, an­nun­cian­do co­sì la gra­vi­tà del ro­go che sta in­te­res­san­do la dit­ta del Grup­po

Si­na

IM­PREN­DI­TO­RE Dui­lio Si­na non si la­scia ab­bat­te­re dall’ac­ca­du­to: «La so­cie­tà non

su­bi­rà dan­ni o ral­len­ta­men­ti»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.