L’ira di Del Pie­ro «Il sin­da­co co­man­da e se pian­gi ti de­ri­de»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Porciaroveredo -

RO­VE­RE­DO - (m.a.) Due an­ni fa, sbat­ten­do la por­ta, Da­ni­lo Del Pie­ro si di­mi­se da as­ses­so­re ester­no ai La­vo­ri pub­bli­ci. Og­gi, fa­cen­do tro­va­re una lettera nei prin­ci­pa­li bar del pae­se, il de­ca­no del­la po­li­ti­ca ro­ve­re­da­na lan­cia un nuo­vo du­ris­si­mo at­tac­co nei con­fron­ti di Ma­ra Gia­co­mi­ni. L'oc­ca­sio­ne per tor­na­re al­lo sco­per­to è sta­ta la lettera di di­mis­sio­ni del con­si­glie­re de­le­ga­to Raf­fael­la Gar­la­to, che due set­ti­ma­ne fa ha la­scia­to la squa­dra di go­ver­no. «Il sin­da­co co­man­da - scri­ve Del Pie­ro -: i suoi or­di­ni e i suoi de­si­de­ri non si di­scu­to­no. Se pian­gi, che sia per gio­ia o per rab­bia, lei ti de­ri­de. L'ho vis­su­to per­so­nal­men­te il gior­no stes­so del­la vit­to­ria elet­to­ra­le. E nes­su­no sem­bra ca­pi­re che sen­za uma­ni­tà (che è il fon­da­men­to del­la ci­vil­tà) non c'è squa­dra, non c'è com­pren­sio­ne e, men che me­no, ci può es­se­re con­di­vi­sio­ne. Nes­su­no si fa ca­ri­co del­la ne­ces­si­tà po­li­ti­ca di es­se­re, tut­ti in­sie­me, den­tro le que­stio­ni lo­ca­li, con la te­sta, ma an­che con il cuo­re, so­prat­tut­to con il cuo­re. Nes­su­no che sia ca­pa­ce di di­re "aspet­ta un at­ti­mo, par­lia­mo­ne, di­scu­tia­mo, de­ci­dia­mo in­sie­me". Il sin­da­co pri­ma ti mal­trat­ta, poi ti sca­ri­ca e al­la fi­ne, quan­do non ne puoi più, ti rin­gra­zia per la col­la­bo­ra­zio­ne». Poi un mes­sag­gio di­ret­to a Raf­fael­la Gar­la­to: «Nes­su­no l'ha di­fe­sa e le chie­do scu­sa, per­ché l'ho coin­vol­ta in que­sta brut­ta av­ven­tu­ra. E chie­do scu­sa a tut­ti quei ro­ve­re­da­ni che han­no cre­du­to all'idea e han­no spe­so il lo­ro vo­to per cam­bia­re mag­gio­ran­za. Aver can­di­da­to que­sto sin­da­co è sta­to un er­ro­re cla­mo­ro­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.