Il ds Bo­na­to lun­go il via­le dei ri­cor­di

«Ma il pro­get­to ne­ro­ver­de lo sen­to an­co­ra un po’ mio»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sanvitese - Mar­co Agru­sti

UDI­NE - Una pas­seg­gia­ta lun­go il via­le dei ri­cor­di, nel­lo sta­dio che fi­no a due an­ni fa era la sua ca­sa. Non sa­rà una par­ti­ta co­me le al­tre, quel­la di do­ma­ni, per il di­ret­to­re spor­ti­vo udi­ne­se Ne­reo Bo­na­to. Pro­ta­go­ni­sta del­la sca­la­ta dal­la C2 al­la A con il Sas­suo­lo, il nuo­vo uo­mo­mer­ca­to bian­co­ne­ro af­fron­te­rà per la pri­ma vol­ta - nel­la mas­si­ma se­rie - la so­cie­tà che lo ha lan­cia­to nel gran­de cal­cio.

«Il Sas­suo­lo - di­ce il re­spon­sa­bi­le del­la cam­pa­gna ac­qui­sti che ha por­ta­to a Udi­ne gen­te co­me il nuo­vo ido­lo Ro­dri­go De Paul - è im­mer­so in una se­rie di par­ti­te rav­vi­ci­na­te (com­pre­sa l'eu­ro­pa Lea­gue, ndr) e spe­ria­mo di tro­var­lo leg­ger­men­te più stan­co ri­spet­to a noi». Poi Bo­na­to "af­fron­ta" il suo pas­sa­to: «A Sas­suo­lo - ri­cor­da - ho fat­to la mia par­te. Si è co­strui­to un pro­get­to im­por­tan­te, pez­zo do­po pez­zo. E pro­prio quel pro­get­to lo sen­to an­co­ra un po’ mio. Qui a Udi­ne in­ve­ce è tut­to di­ver­so». Non tan­to il mo­del­lo, che dif­fe­ri­sce so­prat­tut­to per quan­to ri­guar­da l'in­te­res­se per i cal­cia­to­ri di na­zio­na­li­tà ita­la­ia, quan­to per la fa­se che at­tra­ver­sa il club friu­la­no.

«A Udi­ne - spie­ga Bo­na­to sia­mo all'ini­zio di un nuo­vo ci­clo. È an­co­ra tut­to da fa­re e pun­tia­mo a con­so­li­dar­ci. Al Ma­pei pro­ve­rò ov­via­men­te un piz­zi­co di emo­zio­ne, ma sa­rà un pia­ce­re ri­tro­va­re il Sas­suo­lo». E ma­ga­ri in­cro­cia­re in tri­bu­na Gior­gio Squin­zi, il pa­tròn ne­ro­ver­de che lo vol­le al­la gui­da del pro­get­to spor­ti­vo emi­lia­no. «Con il Sas­suo­lo - ri­cor­da il ds dell'udi­ne­se - mi so­no la­scia­to più che be­ne. Quan­do ci sia­mo se­pa­ra­ti lo ab­bia­mo fat­to in­sie­me. Ri­schia­vo di per­de­re la mia au­to­no­mia e ci sia­mo sa­lu­ta­ti. Ora an­che il Sas­suo­lo è cre­sciu­to, ma è par­ti­to da lon­ta­no, co­me de­ve fa­re og­gi l'udi­ne­se. Ne­gli an­ni so­no riu­sci­to a por­ta­re a ter­mi­ne di­ver­se buo­ne ope­ra­zio­ni e spe­ro di riu­scir­ci an­che in Friu­li. Squin­zi è un gran­de im­pren­di­to­re e vuo­le cre­sce­re an­co­ra con la sua squa­dra. Dà gran­di mo­ti­va­zio­ni ed è giu­sto cre­der­gli, quan­do di­ce di vo­ler ar­ri­va­re an­co­ra più in al­to». Bo­na­to, in­ve­ce, do­vrà pen­sa­re a por­ta­re in al­to l'udi­ne­se.

EX DI TUR­NO Il ds udi­ne­se Ne­reo Bo­na­to èu­nex por­tie­re Ha la­vo­ra­to a lun­go an­che al­la cor­te del Sas­suo­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.