Il Ve­ne­to del fu­tu­ro sa­rà una re­pub­bli­ca Se­re­nis­si­ma Ec­co co­me e per­ché

Il Gazzettino (Pordenone) - - Lettere & Opinioni - DI AN­TO­NIO GUADAGNINI*

Noi vo­glia­mo l'in­di­pen­den­za non per­ché no­stal­gi­ci di un pas­sa­to glo­rio­so, ma in quan­to guar­dia­mo avan­ti, guar­dia­mo al fu­tu­ro; e il fu­tu­ro sa­rà rap­pre­sen­ta­to da aree me­tro­po­li­ta­ne in­te­gra­te den­tro a una re­te so­cio-eco­no­mi­ca glo­ba­le. Ab­bia­mo vis­su­to per qual­che se­co­lo den­tro a stati na­zio­na­li so­vra­ni che han­no strut­tu­re di po­te­re pi­ra­mi­da­li; strut­tu­re po­li­ti­co-am­mi­ni­stra­ti­ve che stan­no di­mo­stran­do tut­ti i lo­ro li­mi­ti. Trop­po pic­co­le per po­ter agi­re a li­vel­lo glo­ba­le; trop­po gran­di per po­ter da­re ri­spo­ste al­le sem­pre più com­ples­se esi­gen­ze dei ter­ri­to­ri; trop­po ri­gi­de e ple­to­ri­che per po­ter te­ne­re il pas­so di una so­cie­tà che si evol­ve con sem­pre mag­gior ve­lo­ci­tà. L'UE si sta sgre­to­lan­do pro­prio per­ché è ostag­gio di ta­li stati na­zio­na­li. Le aree più di­na­mi­che del mon­do stan­no im­ple­men­tan­do il mo­del­lo re­ti­co­la­re: aree me­tro­po­li­ta­ne do­ta­te di in­fra­strut­tu­re all'avan­guar­dia, in gra­do di for­ni­re ser­vi­zi ade­gua­ti al­le azien­de più glo­ba­liz­za­te e in gra­do quin­di di at­ti­ra­re e di pro­dur­re pro­fes­sio­na­li­tà di al­tis­si­mo li­vel­lo. Aree che dan­no che crea­no an­che uno straor­di­na­rio in­dot­to nel­le aree li­mi­tro­fe. Il mon­do sta di­ven­tan­do una gi­gan­te­sca re­te, nel­la qua­le le gran­di città glo­ba­li sa­ran­no i no­di col­le­ga­ti da in­fra­strut­tu­re sia ma­te­ria­li che im­ma­te­ria­li. Gli stati na­zio­na­li eu­ro­pei Ita­lia, In­ghil­ter­ra, Fran­cia, Spa­gna, Ger­ma­nia - stan­no al­la so­cie­tà del fu­tu­ro co­me il te­le­fo­no a get­to­ni sta al­lo smart­pho­ne. Es­si so­no de­sti­na­ti a de­com­por­si e spa­ri­re; Lon­dra, Pa­ri­gi, Ber­li­no so­no or­mai ve­re e pro­prie città sta­to che gio­ca­no in pro­prio, ge­sti­sco­no ri­sor­se pro­prie, in­trat­ten­go­no tra lo­ro e col mon­do ester­no re­la­zio­ni sem­pre più for­ti (re­la­zio­ne di coo­pe­ra­zio­ne e so­prat­tut­to di com­pe­ti­zio­ne). Per non par­la­re di città qua­li Sin­ga­po­re, Honk Kong, Kua­la Lum­pur, ecc. In que­sta vi­sio­ne, an­che l'ita­lia sa­rà de­sti­na­ta a scom­por­si in aree omo­ge­nee di que­sto ti­po: il Ve­ne­to, che si può cor­re­la­re con l'area lom­bar­do-orien­ta­le (Mantova, Bre­scia, Ber­ga­mo); poi Mi­la­no, To­ri­no, Bo­lo­gna, Fi­ren­ze, Na­po­li ecc. Per­si­no Ro­ma di­ven­te­rà una città glo­ba­le di que­sto ti­po, e da que­sta pro­spet­ti­va avrà so­lo da gua­da­gna­re. Ed è so­lo con ta­li sog­get­ti che sa­rà pos­si­bi­le ri­pen­sa­re una ve­ra eu­ro­pa dei po­po­li. Noi guar­dia­mo al fu­tu­ro, vo­glia­mo sta­re al pas­so con i tem­pi, vo­glia­mo co­glie­re le op­por­tu­ni­tà che il pro­gres­so glo­ba­le ci met­te a di­spo­si­zio­ne. La bat­ta­glia per l'in­di­pen­den­za è tut­to fuor­ché una bat­ta­glia di re­tro­guar­dia: per fa­re del Ve­ne­to un'area me­tro­po­li­ta­na al pas­so coi tem­pi, ab­bia­mo bi­so­gno di eser­ci­ta­re po­te­re so­vra­no, ab­bia­mo bi­so­gno di pro­get­ta­re il Ve­ne­to di do­ma­ni con le ri­sor­se ade­gua­te; per non con­dan­na­re l'ita­lia ad un ir­ri­me­dia­bi­le de­cli­no c'è bi­so­gno che il po­te­re po­li­ti­co sia ri­con­se­gna­to ai ter­ri­to­ri e ai cit­ta­di­ni. Que­sto non vuol di­re com­bat­te­re con­tro l'ita­lia e gli ita­lia­ni, an­zi: noi vo­glia­mo il be­ne de­gli ita­lia­ni e non vo­glia­mo che sia­no co­stret­ti a vi­ve­re in un pae­se sen­za pro­spet­ti­ve de­sti­na­to a di­stri­bui­re po­ver­tà, emar­gi­na­zio­ne ed emi­gra­zio­ne. Il pro­ble­ma è il de­gra­do, la cor­ru­zio­ne, il ne­po­ti­smo, l'inef­fi­cien­za con le qua­li è ge­sti­ta l'ita­lia. Il pro­ble­ma è che l'idea di sta­to na­zio­na­le è vec­chia di due se­co­li, non fun­zio­na più. Nem­me­no l'eu­ro­pa de­gli stati fun­zio­na più. Dob­bia­mo guar­da­re ol­tre la sie­pe. Con i vec­chi pa­ra­dig­mi si re­sta in­die­tro, si vie­ne su­pe­ra­ti da chi ha co­rag­gio e vi­sio­ne. Il Ve­ne­to sa­rà una gran­de area me­tro­po­li­ta­na in­te­gra­ta nel­la co­mu­ni­tà glo­ba­le, ca­pa­ce di man­te­ne­re la pro­pria iden­ti­tà e di di­fen­de­re le pro­prie spe­ci­fi­ci­tà; ca­pa­ce di com­pe­te­re nel mon­do glo­ba­le, in gra­do di pro­dur­re con­di­zio­ni di vi­ta ot­ti­ma­li per i pro­pri cit­ta­di­ni. Nel Ve­ne­to che stia­mo co­struen­do si vi­vrà be­ne, sa­ran­no ga­ran­ti­ti i di­rit­ti fon­da­men­ta­li, ci sa­rà ri­spet­to re­ci­pro­co, sa­rà di­fe­sa la li­ber­tà in­di­vi­dua­le; il go­ver­no fa­rà ri­spet­ta­re i prin­ci­pi che ga­ran­ti­sco­no una cor­ret­ta con­vi­ven­za ci­vi­le; ci sa­rà pa­ce e pro­spe­ri­tà. Il Ve­ne­to del fu­tu­ro sa­rà una re­pub­bli­ca Se­re­nis­si­ma...

*con­si­glie­re re­gio­na­le Sia­mo­ve­ne­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.