Ospe­da­le che sal­va i gio­chi "fe­ri­ti"

Tan­ti cer­ca­no chi ri­pa­ri l’ami­co d’in­fan­zia: la co­sa più bel­la il sor­ri­so quan­do lo ri­pren­do­no La mis­sio­ne di Ila­ria Pic­ci­nin di Cor­va è ri­por­ta­re a nuo­va vi­ta bam­bo­le e pu­paz­zi

Il Gazzettino (Pordenone) - - Azzanese - Eli­sa Ma­ri­ni

L'ospe­da­le dei pu­paz­zi e dei gio­chi rot­ti pren­de vi­ta quan­do Ila­ria Pic­ci­nin apre la sua cas­set­ta del pron­to soc­cor­so e co­min­cia a cer­ca­re lo stru­men­to giu­sto fra aghi, fi­li, col­la, for­bi­ci e top­pe. Ila­ria Pic­ci­nin, 33 an­ni, vi­ve a Cor­va con il suo fi­dan­za­to, Ro­ber­to Bo­ra­so, an­che lui "chi­rur­go" dei gio­chi rot­ti per quan­to ri­guar­da la lo­ro ani­ma elet­tro­ni­ca. «Ho pen­sa­to ad un ospe­da­le dei pu­paz­zi e dei gio­chi quan­do qual­che an­no fa ho mes­so pie­de per la pri­ma vol­ta in una di­sca­ri­ca - rac­con­ta Ila­ria - al­lo­ra ho sco­per­to co­me lì ci fos­se un con­tai­ner in fer­ro pie­no di gio­chi rot­ti. Uno spre­co: og­gi si tro­va­no ovun­que e co­sta­no po­co, ma è più bel­lo ag­giu­star­li piut­to­sto che but­tar­li. Io stes­sa a ca­sa ho un pu­paz­zo che ha più di trent'an­ni e al qua­le so­no af­fe­zio­na­tis­si­ma». L'idea - che si rial­lac­cia al­la tra­di­zio­ne na­po­le­ta­na dell'ospe­da­le del­le bam­bo­le, fin dall'ot­to­cen­to - si è uni­ta al­la pas­sio­ne di Ila­ria per il cu­ci­to e per le il­lu­stra­zio­ni e al mag­gio­re tem­po li­be­ro, quan­do la cri­si ha toc­ca­to an­che l'am­bi­to del­la pro­get­ta­zio­ne di ar­re­da­men­ti nel qua­le la­vo­ra. «Avrei vo­lu­to un ospe­da­le iti­ne­ran­te, ma è dif­fi­ci­le far­si co­no­sce­re, an­che se lo por­to con me in di­ver­se fie­re ita­lia­ne a cui par­te­ci­po co­me illustratrice - con­ti­nua - og­gi l'ospe­da­le è stan­zia­le: so­no le per­so­ne che mi cer­ca­no per por­tar­mi dei gio­cat­to­li da ag­giu­sta­re, spes­so con "pro­las­si" o gua­sti al si­ste­ma elet­tri­co che ri­chie­do­no al­me­no 8 ore di la­vo­ro; lo fac­cio gra­tui­ta­men­te o con of­fer­ta li­be­ra. Quan­do il pro­prie­ta­rio non li vuo­le più, li do­no ad as­so­cia­zio­ni di vo­lon­ta­ria­to che la­vo­ra­no con bam­bi­ni o al­la Ca­ri­tas. Si ri­vol­go­no a me so­prat­tut­to adul­ti che de­si­de­ra­no ri­met­te­re a nuo­vo il lo­ro pu­paz­zo d'in­fan­zia o il gio­cat­to­lo dei fi­gli, per con­ser­var­lo co­me ri­cor­do. La co­sa più bel­la? Il sor­ri­so del­le per­so­ne, quan­do se lo ven­go­no a ri­pren­de­re. Mi pia­ce poi sa­pe­re che fi­ne fa quel gio­co, e a vol­te ne do con­to nel mio blog www.ila­ria­pic­ci­nin.com». Ila­ria è le­ga­ta al­le sto­rie, che ab­bi­na a ma­te­ria­li di re­cu­pe­ro e all'ar­ti­gia­na­li­tà. «Mi di­ver­to a crea­re nuo­vi pu­paz­zi con ma­te­ria­li di re­cu­pe­ro, co­me prin­ci­pi ra­noc­chi - con­clu­de poi que­sti per­so­nag­gi di­ven­ta­no pro­ta­go­ni­sti del­le mie il­lu­stra­zio­ni».

Nuo­vi per­so­nag­gi pren­do­no vi­ta

RESUSCITA COM­PA­GNI

AMA­TI Ila­ria Pic­ci­nin è as­si­sti­ta dal fi­dan­za­to,

Ro­ber­to Bo­ra­so, che si oc­cu­pa dei

con­ge­gni elet­tro­ni­ci. Il

pron­to soc­cor­so è stan­zia­le ma par­te­ci­pa a

va­rie fie­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.