«Re­ga­la­ti 45 mi­nu­ti agli av­ver­sa­ri»

Il ram­ma­ri­co di ca­pi­tan Da­ni­lo: non ba­sta­no i 10’ fi­na­li

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Mar­co Agru­sti

La fac­cia la met­te Da­ni­lo La­ran­gei­ra. Il ca­pi­ta­no, cer­to, ma an­che uno dei po­chi in gra­do di usci­re dal co­pio­ne stu­dia­to da ogni cal­cia­to­re sin da bam­bi­no. L'udi­ne­se gio­ca so­lo die­ci mi­nu­ti e per­de per­ché il Sas­suo­lo oc­cu­pa gli al­tri ot­tan­ta. Arit­me­ti­ca per prin­ci­pian­ti. E Da­ni­lo non sbo­bi­na la so­li­ta pap­par­del­la, pren­de in­ve­ce la si­tua­zio­ne di pet­to. «C'è ram­ma­ri­co - di­ce il ca­pi­ta­no a Udi­ne­se Tv - ma do­ve­va­mo al­za­re il rit­mo pri­ma e sta­re con­cen­tra­ti 90 mi­nu­ti. Non va be­ne, ab­bia­mo re­ga­la­to un tem­po a una squa­dra che sa­pe­va­mo es­se­re for­te. Non ba­sta il for­cing dei 10 mi­nu­ti fi­na­li. Un gio­ca­to­re in A non può es­se­re de­mo­ti­va­to, non esi­ste, so­no pa­ro­le al ven­to. Se gio­chia­mo a rit­mi co­sì bas­si per­dia­mo. Con la Fio­ren­ti­na ave­va­mo gio­ca­to 90 mi­nu­ti con gran ve­lo­ci­tà, dob­bia­mo fa­re co­sì per sta­re nel­la par­te si­ni­stra del­la clas­si­fi­ca. Quan­do le co­se non van­no be­ne, la col­pa è di tut­ti. A Milano ab­bia­mo gio­ca­to di squa­dra, con il Chie­vo ab­bia­mo per­so di squa­dra, og­gi è lo stes­so. I gio­va­ni de­vo­no an­co­ra ad­dat­tar­si al cal­cio ita­lia­no: noi più vec­chi dob­bia­mo sta­re ad­dos­so agli al­tri». Poi nel­la zo­na mi­sta del Ma­pei ar­ri­va Fe­li­pe Dal Bel­lo, au­to­re del­la tra­ver­sa che po­te­va re­ga­la­re il pa­ri nel fi­na­le: «Sia­mo sta­ti ri­nun­cia­ta­ri - ha esor­di­to Fe­li­pe a Udi­ne­se Tv bi­so­gna ave­re il giu­sto equi­li­brio, il giu­sto at­teg­gia­men­to fin dall'ini­zio del­la ga­ra. Nel se­con­do tem­po ab­bia­mo avu­to più co­rag­gio, più pos­ses­so pal­la, la squa­dra c'è, ha qua­li­tà ma bi­so­gna di­mo­strar­lo fin da su­bi­to. L'udi­ne­se è com­pat­ta, sa quel­lo che de­ve fa­re, la­vo­ria­mo tan­to du­ran­te la set­ti­ma­na, ma non pos­sia­mo sve­gliar­ci so­lo nel se­con­do tem­po, ci de­ve far pen­sa­re. Con la La­zio sa­rà dif­fi­ci­le, ma noi dob­bia­mo es­se­re squa­dra e cer­ca­re di fa­re il nostro gio­co dall'ini­zio al­la fi­ne del­la par­ti­ta». In­fi­ne le pa­ro­le di Ja­kub Jank­to. Il gio­va­ne cen­tro­cam­pi­sta ce­ko ha di­spu­ta­to e be­ne - la sua pri­ma ga­ra dall'ini­zio in se­rie A, do­po l'esor­dio con­tro la Fio­ren­ti­na: «So­no con­ten­to di es­se­re sce­so in cam­po dall'ini­zio ha det­to il 20en­ne - ma non so­no fe­li­ce per il ri­sul­ta­to. Vo­glio rin­gra­zia­re il mi­ster per la fi­du­cia, con­ti­nue­rò a di­mo­stra­re di me­ri­tar­la. Par­lan­do del­la ga­ra, nel pri­mo tem­po non sia­mo riu­sci­ti a fa­re quel­lo che vo­le­va­mo, era­va­mo trop­po bas­si, non pos­sia­mo gio­ca­re co­sì».

BIAN­CO­NE­RI Pres­sing sul­la fa­scia (Fo­to Ansa)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.