NASCITE IN PIC­CHIA­TA, ALI­BI DI FAC­CIA­TA

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - DI GIOR­GIO CODEN

Se non al­tri, un me­ri­to lo scom­bic­che­ra­to ma­ni­fe­sto sul Fer­ti­li­ty Day ce l'ha: quel­lo di aver ri­sve­glia­to l'at­ten­zio­ne sul ca­lo del­le nascite. Il pro­ble­ma ri­guar­da l'eu­ro­pa, l'ita­lia e, po­ten­za del fe­no­me­no, an­che il fu pro­li­fi­co Friu­li. Oc­cor­re chie­der­si, in­nan­zi­tut­to, per­ché mai un governo sen­ta il do­ve­re di in­cen­ti­va­re la na­ta­li­tà. Non cer­to per il pia­ce­re di ve­de­re frot­te di par­go­let­ti sgam­bet­ta­re nei par­chi e nem­me­no per la di­chia­ra­ta in­ten­zio­ne di pre­ser­va­re i giovani dal pa­pil­lo­ma, que­sti so­no ali­bi di fac­cia­ta. La ra­gio­ne, an­cor­ché le­git­ti­ma, è più ter­ra ter­ra: ser­vo­no og­gi for­ze nuo­ve per pa­ga­re do­ma­ni le pen­sio­ni vec­chie. Co­sì van­no le co­se quan­do un po­po­lo di la­vo­ra­to­ri de­ca­de a po­po­lo di pen­sio­na­ti e i con­tri­bu­ti in cas­sa so­no pre­ca­ri. Se è per que­sto, pe­rò, ci so­no gli im­mi­gra­ti che fi­glia­no an­che per noi. Dun­que? For­se c'en­tra la pau­ra di es­se­re so­sti­tui­ti dal­lo stra­nie­ro, ma al­lo­ra non è tan­to una fac­cen­da da mi­ni­ste­ri quan­to da cit­ta­di­ni, qual­co­sa che in­te­res­sa prin­ci­pal­men­te i giovani adul­ti vi­sto che noi an­zia­ni, quan­do ar­ri­ve­rà il cam­bio, non ci sa­re­mo. Che di­co­no in pro­po­si­to le giovani fem­mi­ne? Im­pe­gna­te co­me so­no a pen­sa­re al­le quo­te ro­sa, al­le pa­ri op­por­tu­ni­tà, al­la car­rie­ra, al pan­ci­no sen­za sma­glia­tu­re, ai no­ve me­si e al­le fa­ti­che da pan­no­li­no, non pa­io­no par­ti­co­lar­men­te at­trat­te dal­la ma­ter­ni­tà. D'al­tro can­to, nean­che i giovani ma­schi sem­bra­no gran­ché pro­pen­si a ri­nun­cia­re al­la cuc­ca­gna di re­sta­re fi­gli a tem­po in­de­ter­mi­na­to per di­ven­ta­re pa­dri. Sì, ci so­no le pre­oc­cu­pa­zio­ni per il fu­tu­ro in­cer­to, la pe­nu­ria di la­vo­ro, la ca­ren­za di asi­li, ma so­no ali­bi au­toas­so­lu­to­ri se è ve­ro che, nel­la mi­se­ria più ne­ra, si fa­ce­va­no e si fan­no fi­gli a car­ret­ta­te. Il fat­to è che un fi­glio si­gni­fi­ca me­no co­mo­di­tà e più re­spon­sa­bi­li­tà, co­se che nel­la so­cie­tà del be­nes­se­re e dell'ap­pa­ren­za non van­no più di mo­da. Tut­to qui. Pre­pa­ria­mo­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.