Il Co­mu­ne ci ri­pro­va e ven­de la ca­sa ros­sa al­lo stes­so prez­zo

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cordenons -

COR­DE­NONS - (m.a.) Il te­so­ret­to è lì, in­tat­to, ma qua­si inac­ces­si­bi­le. Ora pe­rò il Co­mu­ne ci ri­pro­va, nel­la spe­ran­za di po­ter di­spor­re - un gior­no - di quei 400 mi­la eu­ro (cir­ca) che fa­reb­be­ro mol­to co­mo­do a stra­de, mar­cia­pie­di e al­tre ope­re pub­bli­che or­di­na­rie di cui la cit­ta­di­na ha bi­so­gno da tem­po. Non si trat­ta di un te­so­ro na­sco­sto. An­zi, è ben vi­si­bi­le in via Ro­mans. Si chia­ma "Ca­sa ros­sa" ed è un im­mo­bi­le fa­ti­scen­te che in pas­sa­to ha ospi­ta­to as­so­cia­zio­ni co­me Avis, Ai­do e Al­pi­ni, ma og­gi tri­ste­men­te vuo­to. Il Co­mu­ne cer­ca di li­be­rar­se­ne da an­ni, sen­za suc­ces­so. Do­ma­ni il prov­ve­di­men­to, in­se­ri­to tra le alie­na­zio­ni di be­ni co­mu­na­li, tor­ne­rà nuo­va­men­te in au­la con­si­lia­re. Lo fa­rà con una quo­ta­zio­ne che ne­gli an­ni non è sce­sa e che fi­no ad og­gi ha spa­ven­ta­to qual­sia­si po­ten­zia­le ac­qui­ren­te. An­che in que­sto ca­so, co­sì co­me per il ter­zo lot­to del­la zo­na in­du­stria­le, le op­po­si­zio­ni han­no par­la­to spes­so di va­lo­ri fuo­ri mer­ca­to. Si ve­drà, cer­ta­men­te il po­ten­zia­le in­cas­so fa go­la. E sem­pre sul te­ma del­le alie­na­zio­ni è in­ter­ve­nu­to ie­ri il Mo­vi­men­to 5 Stel­le, cri­ti­can­do l'ap­proc­cio del Co­mu­ne. «Si vo­glio­no alie­na­re al­cu­ni ter­re­ni agri­co­li - scri­ve il con­si­glie­re Gian­pao­lo Bia­son -. Il pro­ble­ma che noi sol­le­via­mo è re­la­ti­vo al­la mo­da­li­tà di ven­di­ta. In­fat­ti nel do­cu­men­to si leg­ge che il Co­mu­ne vuo­le pro­ce­de­re tra­mi­te trat­ta­ti­va pri­va­ta. Ora, secondo le nor­me ge­ne­ra­li, la via mae­stra è l'asta pub­bli­ca che rap­pre­sen­ta il si­ste­ma che me­glio ga­ran­ti­sce la con­cor­ren­zia­li­tà e quin­di la scel­ta eco­no­mi­ca­men­te più van­tag­gio­sa per il Co­mu­ne. Inol­tre ta­le pro­ce­du­ra rap­pre­sen­ta un in­di­spen­sa­bi­le pre­si­dio a tu­te­la del cor­ret­to di­spie­gar­si del­la li­ber­tà di con­cor­ren­za, del­la tra­spa­ren­za, dell'im­par­zia­li­tà e del buon an­da­men­to del­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne. Per­tan­to noi chie­dia­mo che sia cam­bia­ta la pro­ce­du­ra ed ab­ban­do­na­ta la trat­ta­ti­va pri­va­ta che ha ca­rat­te­re ec­ce­zio­na­le ed è in de­ro­ga al­la re­go­la or­di­na­ria. Al­tra co­sa stra­na in que­sto pia­no è l'in­se­ri­men­to del lo­ca­le al pri­mo pia­no dell'im­mo­bi­le in via Goet­ta. Ta­le in­se­ri­men­to non è com­pren­si­bi­le».

MU­NI­CI­PIO L’am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le ci ri­pro­va a ven­de­re la ca­sa ros­sa Ma non ab­bas­sa il prez­zo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.