In­za­ghi, in pan­chi­na co­me in cam­po

Sa­ba­to in Le­ga Pro a Nor­de­st su­per­der­by con il Por­de­no­ne per la vet­ta L’ex bom­ber del Mi­lan: «Vi­vo la par­ti­ta con in­ten­si­tà e con il tra­spor­to di chi vor­reb­be gio­ca­re»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Lu­ca Mia­ni

Sì, in que­sto ge­sto fer­ma­to dal­lo scat­to di Fo­toat­tua­li­tà c’è tut­ta la sua vo­glia di es­se­re an­co­ra in cam­po, di cer­ca­re la re­te, di po­ter esul­ta­re an­co­ra per una pro­pria mar­ca­tu­ra.

Co­sì Pip­po In­za­ghi vi­ve a bor­do cam­po le par­ti­te del suo Ve­ne­zia ca­po­li­sta in Le­ga Pro.

In que­sto mo­men­to pro­ba­bil­men­te sta mi­man­do a fa­vo­re di un suo at­tac­can­te la sem­pli­ci­tà del toc­co ne­ces­sa­rio per se­gna­re, di si­cu­ro la sua ca­ri­ca tra­spa­re tut­ta. Co­me la sua vo­glia di vin­ce­re in la­gu­na, di ri­lan­cia­re la squa­dra e se stes­so ver­so nuo­ve ca­te­go­rie, tra­guar­di più am­bi­zio­si.

«Cre­do che que­st’im­ma­gi­ne spie­ghi be­ne co­me vi­vo la par­ti­ta - af­fer­ma l’ex bom­ber ros­so­ne­ro con in­ten­si­tà e con il tra­spor­to di chi in cam­po vor­reb­be es­ser­ci».

Eh già, uno che di gol ne ha se­gna­ti più di tre­cen­to non per­de di cer­to l’amo­re per la pal­la che gon­fia la re­te, per quei gol di ra­pi­na che gli han­no per­mes­so di di­ven­ta­re uno dei più gran­di mar­ca­to­ri del­la sto­ria del cal­cio ita­lia­no.

«Ma ades­so fac­cio un al­tro me­stie­re, che amo par­ti­co­lar­men­te. Du­ran­te la set­ti­ma­na e in pan­chi­na vi­vo con gran­de in­ten­si­tà ogni mo­men­to e so­no vi­ci­nis­si­mo nel­la ma­nie­ra mas­si­ma ai miei gio­ca­to­ri».

Tan­to vi­ci­no che ad An­co­na è sta­to espul­so per aver su­pe­ra­to i li­mi­ti dell’area tec­ni­ca e sa­ba­to scor­so con­tro il Lu­mez­za­ne ha ri­pe­tu­to gli ec­ces­si di vi­ci­nan­za ai gio­ca­to­ri, ri­schian­do un al­tro al­lon­ta­men­to.

Ma a giu­sti­fi­ca­re il suo com­por­ta­men­to ci ha pen­sa­to la re­te di Fer­ra­ri - for­se lo stes­so al qua­le Pip­po si ri­vol­ge nel­la fo­to, ma­ga­ri per chie­der­gli il rad­dop­pio? rea­liz­za­ta pro­prio co­me pia­ce­va far­le a In­za­ghi: una de­via­zio­ne di pun­ta su un ra­so­ter­ra di Ben­ti­vo­glio. Un toc­co leg­ge­ro ma de­ter­mi­nan­te.

Scel­ta Ve­ne­zia co­me piaz­za che ga­ran­ti­sce tran­quil­li­tà nel la­vo­ro - la pres­sio­ne del­le gran­di piaz­ze del­la se­rie A è lon­ta­nis­si­ma, ma an­che quel­la di al­tri cam­pi di Le­ga Pro do­ve le at­te­se so­no sem­pre ele­va­tis­si­me - Su­per­pip­po ha por­ta­to il suo la­vo­ro me­ti­co­lo­so, la sua pas­sio­ne per il cal­cio e la sua vi­ta che è una ve­ra e pro­pria full im­mer­sion di pal­lo­ne.

Tan­ta ca­ri­ca da tra­smet­te­re al suo grup­po, mas­si­mo pun­ti­glio nel se­gui­re ogni par­ti­co­la­re, gran­di pre­te­se ma sem­pre tan­ti con­si­gli ai suoi: an­che du­ran­te il ri­scal­da­men­to pre-par­ti­ta, si­no all’ul­ti­mo mo­men­to pri­ma del fi­schio d’av­vio.

E poi i bal­let­ti in pan­chi­na, la vo­glia ir­re­fre­na­bi­le di se­gui­re ogni pal­la, di so­spin­ger­la in avan­ti, di aiu­ta­re a met­ter­la den­tro.

Gio­ca con i nu­me­ri per spie­ga­re la ver­sa­ti­li­tà dei suoi gio­ca­to­ri: par­la di 4-3-3, 3-5-2, ma al­la fi­ne quel che più gli im­por­ta è che può di­ri­ge­re un grup­po che cre­de nel suo la­vo­ro e che non mol­la mai.

Ca­pa­ce di ri­sa­li­re due re­ti in due mi­nu­ti ed espu­gna­re il Tar­di­ni, la­scian­do il Par­ma di sas­so. Ma an­che di chiu­de­re ga­re all’ap­pa­ren­za sem­pli­ci ma che in que­sta ca­te­go­ria non lo so­no mai.

E sa­ba­to ci sa­rà una nuo­va pro­va di ma­tu­ri­tà a Por­de­no­ne, con­tro i ne­ro­ver­di che in­se­guo­no i la­gu­na­ri a una so­la lun­ghez­za: un in­so­li­to su­per­der­by del Nor­de­st che Pip­po vuo­le vi­ve­re in­ten­sa­men­te e... vin­ce­re.

Sem­pre con la vo­glia di es­se­re lì, in area, a met­te­re il suo pie­de per de­ci­de­re il mat­ch, per av­vi­ci­na­re quel­la Se­rie B che il suo pre­si­den­te Ta­co­pi­na gli ha chie­sto.

ISTIN­TO Su­per­pip­po an­che in pan­ca non di­men­ti­ca di es­se­re sta­to

un cal­cia­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.