Ad­dio al co­man­dan­te Fal­cio­ni Una vi­ta nell’ar­ma dei ca­ra­bi­nie­ri

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cordenons -

pre­sen­za dei suoi ca­ri. Ha la­scia­to la mo­glie An­na Ma­ria, i fi­gli Ales­san­dro e Mas­si­mi­lia­no e i ni­po­ti che ado­ra­va e con cui pas­sa­va la mag­gior par­te del suo tem­po. Pro­prio a cau­sa del­la ma­lat­tia, l'an­no scor­so ave­va do­vu­to la­scia­re la pre­si­den­za dell'as­so­cia­zio­ne na­zio­na­le ca­ra­bi­nie­ri (se­zio­ne cor­de­no­ne­se). L'ave­va as­sun­ta nel 2005, do­po la pen­sio­ne. Di­ven­ta­to co­man­dan­te dei ca­ra­bi­nie­ri di Cor­de­nons il 5 mag­gio del 1971, Fal­cio­ni era en­tra­to nel Ra­dio­mo­bi­le di Por­de­no­ne nel gen­na­io del 1983. Suc­ces­si­va­men­te ne era di­ve­nu­to il co­man­dan­te. Il 15 no­vem­bre del 2014 ave­va inau­gu­ra­to - com­mos­so - il mo­nu­men­to che og­gi tro­va po­sto in piaz­zet­ta San Pie­tro. Rea­liz­za­to da­gli stu­den­ti dell'isti­tu­to d'ar­te, ri­cor­da­va il bi­cen­te­na­rio dell'ar­ma. È sta­ta l'ul­ti­ma ve­ra ce­ri­mo­nia pub­bli­ca che lo ha vi­sto pro­ta­go­ni­sta, pri­ma di ve­ni­re a co­no­scen­za del­la gra­ve ma­lat­tia che ne avreb­be con­di­zio­na­to il la­vo­ro in se­no all'as­so­cia­zio­ne na­zio­na­le ca­ra­bi­nie­ri. «La sua fi­gu­ra - ha det­to l'at­tua­le pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne, Ste­fa­no Pe­rot­ti - è sta­ta una co­lon­na por­tan­te». I fu­ne­ra­li so­no sta­ti ce­le­bra­ti ie­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.