Dra­ghi sfi­da i fal­chi: ri­spar­mia­ti 28 mi­liar­di

Il pre­si­den­te del­la Bce al Par­la­men­to di Ber­li­no: i tas­si bas­si non mi­nac­cia­no le ban­che

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

BER­LI­NO - Ma­rio Dra­ghi è tor­na­to nel­la ta­na dei lu­pi, nel­la com­mis­sio­ne Af­fa­ri eu­ro­pei di un Bun­de­stag che rin­ghia con­tro la sua po­li­ti­ca dei bas­si tas­si di in­te­res­se mi­ra­ta a sti­mo­la­re la cre­sci­ta nell'eu­ro­zo­na an­che a co­sto di evi­den­zia­re la cri­si di red­di­ti­vi­tà di gran­di ban­che co­me la Deu­tsche Bank. E, con ac­cen­ti e da­ti, il pre­si­den­te del­la Bce ha cer­ca­to di am­man­si­re i cri­ti­ci pur sen­za ce­de­re al­le lo­ro ri­chie­ste di por­re fi­ne ad una po­li­ti­ca mo­ne­ta­ria che sa­reb­be un «sal­va­tag­gio oc­cul­to» di pae­si me­ri­dio­na­li re­stii al­le ri­for­me. La «riu­nio­ne» a por­te chiu­se è sta­ta la pri­ma cui Dra­ghi si è pre­sta­to do­po quel­la - ro­ven­te dell'au­tun­no del 2012 per sal­va­re l'eu­ro. «L'at­mo­sfe­ra ge­ne­ra­le» dell'in­con­tro è sta­ta «mol­to mi­glio­re», co­me mi­glio­re è la «si­tua­zio­ne eco­no­mi­ca» ri­spet­to a quat­tro an­ni fa, ha det­to in una con­fe­ren­za stam­pa in cui ha espres­so «gra­ti­tu­di­ne per l'ap­prez­za­men­to nei con­fron­ti dell'azio­ne del­la Bce». La frase è sta­ta ac­com­pa­gna­ta da un sor­ri­so che, vi­sto il fuo­co di fi­la del­le cri­ti­che rim­bal­za­te sui me­dia, è par­so qua­si iro­ni­co. In ogni ca­so, ri­vol­gen­do­si ai de­pu­ta­ti, il pre­si­den­te del­la Bce ha ri­cor­da­to che le mi­su­re del­la Bce, a par­ti­re dal quan­ti­ta­ti­ve ea­sing, han­no «fat­to ri­spar­mia­re so­lo nel 2015 cir­ca 28 mi­liar­di di eu­ro sot­to for­ma di mi­no­ri tas­si d'in­te­res­se» an­che al­la Ger­ma­nia. Con to­ni mor­bi­di Dra­ghi ha ri­cor­da­to che le sue mi­su­re «stan­no fun­zio­nan­do» an­che a be­ne­fi­cio dei ri­spar­mia­to­ri te­de­schi. Dra­ghi pe­rò ha te­nu­to fer­ma la stret­ta: «Ap­prez­zo le oc­ca­sio­ni di di­bat­ti­to - ha det­to per­ché spin­go­no a ri­flet­te­re sui no­stri pun­ti di vi­sta, pur - ha ag­giun­to - sen­za cam­biar­li, ov­via­men­te». Il ca­po del­la Bce, nel dir­si con­tra­rio a una «spe­sa ir­re­spon­sa­bi­le», ha ri­ba­di­to che «la Ger­ma­nia ha mar­gi­ni di bi­lan­cio» per spin­ge­re sul­la cre­sci­ta. Dra­ghi inol­tre ha re­spin­to l'ac­cu­sa che sia­no i tas­si ze­ro a met­te­re in dif­fi­col­tà le ban­che: «Se una ban­ca rap­pre­sen­ta una mi­nac­cia si­ste­mi­ca per l'eu­ro­zo­na, non può es­se­re per i tas­si bas­si. Ciò de­ve ave­re al­tre re­gio­ni», ha det­to con ri­fe­ri­men­to im­pli­ci­to a Deu­tsche Bank, di cui non ha vo­lu­to com­men­ta­re il ca­so.

BCE Ma­rio Dra­ghi ie­ri al Bun­de­stag

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.