Pre­mier, tre­ma­no al­tri 8 ma­na­ger

An­che il pro­cu­ra­to­re "ve­ne­zia­no" Pi­no Pa­glia­ra è tra gli in­vo­lon­ta­ri ac­cu­sa­to­ri Il cal­cio in­gle­se nel­la bu­fe­ra: non so­lo l’ex ct Al­lar­dy­ce, era­no in mol­ti a in­ta­sca­re bu­sta­rel­le

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

LON­DRA - Il cal­cio in­gle­se sem­pre più nel­la bu­fe­ra, si al­lar­ga­no a mac­chi­na d'olio i so­spet­ti di cor­ru­zio­ne, do­po l'ex ct Sam Al­lar­dy­ce, al­tri ot­to ma­na­ger so­no sta­ti ac­cu­sa­ti di in­ta­sca­re bu­sta­rel­le. Per il mo­men­to man­ca­no an­co­ra i no­mi, il Dai­ly Te­le­gra­ph - che sta con­du­cen­do l'in­chie­sta gior­na­li­sti­ca co­sta­ta la pan­chi­na ad Al­lar­dy­ce - si è li­mi­ta­to a far sa­pe­re che gli in­te­res­sa­ti gui­da­no, o han­no gui­da­to, club di Pre­mier Lea­gue. Tra gli "in­vo­lon­ta­ri" ac­cu­sa­to­ri del­le di­sin­vol­te abi­tu­di­ne dei tec­ni­ci d'ol­tre­ma­ni­ca, c'è an­che Pi­no Pa­glia­ra, pro­cu­ra­to­re ita­lia­no sa­li­to agli ono­ri del­le cro­na­che quan­do nel 2005 era sta­to squa­li­fi­ca­to per il suo coin­vol­gi­men­to nel­la com­bi­ne tra Ge­noa e Venezia. Av­vi­ci­na­to dai cro­ni­sti, che an­che con lui si so­no fin­ti uo­mi­ni d'af­fa­ri dell'estre­mo Orien­te, Pa­glia­ra ha rac­con­ta­to sen­za fil­tri il mal­co­stu­me del cal­cio in­gle­se. «Pen­sa­vo che gli ita­lia­ni fos­se­ro cor­rot­ti, ma qui in Inghilterra va an­co­ra peg­gio. Si na­scon­de tut­to sot­to il ta­vo­lo», le pa­ro­le del pro­cu­ra­to­re nel cor­so di una ce­na or­ga­niz­za­ta al ri­sto­ran­te "San Car­lo" di Man­che­ster, ri­tro­vo abi­tua­le di cal­cia­to­ri, al­le­na­to­ri e di­ri­gen­ti. Pa­glia­ra ha con­fes­sa­to di aver pa­ga­to di ta­sca pro­pria cin­que dei sud­det­ti ma­na­ger in cam­bio dell'in­gag­gio di un suo as­si­sti­to. Una pra­ti­ca fa­vo­ri­ta dal fat­to che in Inghilterra il ma­na­ger ri­co­pre il ruo­lo di di­ret­to­re spor­ti­vo ol­tre­ché di al­le­na­to­re.

In at­te­sa del­le nuo­ve ri­ve­la­zio­ni del quo­ti­dia­no, è riap­par­so da­van­ti al­le te­le­ca­me­re Al­lar­dy­ce do­po es­se­re sta­to di­mis­sio­na­to dal­la Fe­der­cal­cio in cam­bio di una buo­nu­sci­ta di cir­ca mez­zo mi­lio­ne di ster­li­ne. Da­van­ti al­la sua abi­ta­zio­ne a Bol­ton, il tec­ni­co in­gle­se si è nuo­va­men­te scu­sa­to con la Fe­der­cal­cio per il suo «stu­pi­do» com­por­ta­men­to, de­fi­nen­do «ami­che­vo­le» la re­scis­sio­ne con­sen­sua­le del con­trat­to. «La gen­te de­ve sa­pe­re che ho so­lo cer­ca­to di aiu­ta­re una per­so­na che co­no­sco da 30 an­ni e sfor­tu­na­ta­men­te ho com­mes­so un er­ro­re di va­lu­ta­zio­ne per il qua­le ho pa­ga­to le con­se­guen­ze - le pa­ro­le di Al­lar­dy­ce - Que­sta vol­ta la trap­po­la ha vin­to e de­vo ac­cet­tar­lo». Al­lar­dy­ce ha spie­ga­to che do­po la bu­fe­ra me­dia­ti­ca si con­ce­de­rà una va­can­za all'este­ro, ma a chi gli chie­de­va se la pan­chi­na in­gle­se fos­se l'ul­ti­ma del­la sua car­rie­ra, ha ri­spo­sto: «Chi può dir­lo? Aspet­tia­mo e ve­dia­mo».

Nel frat­tem­po, pri­ma di no­mi­na­re il nuo­vo ct, la Fa ha pro­mos­so tem­po­ra­nea­men­te Ga­re­th Sou­th­ga­te, già ct dell'un­der 21, al­la gui­da del­la na­zio­na­le mag­gio­re per le pros­si­me quat­tro ga­re: le qua­li­fi­ca­zio­ni mon­dia­li con­tro Mal­ta (8 ot­to­bre), Slo­ve­nia (11 ot­to­bre) e Sco­zia (11 no­vem­bre) e l'ami­che­vo­le con­tro la Spa­gna (15 no­vem­bre). In ca­so di ri­sul­ta­ti sod­di­sfa­cen­ti è scon­ta­ta la sua con­fer­ma, al­me­no fi­no al mon­dia­le in Rus­sia, vi­ce­ver­sa le al­ter­na­ti­ve più get­to­na­te so­no Ste­ve Bru­ce, Alan Par­dew ed Ed­die Ho­we.

NEL MI­RI­NO

Sam Al­lar­dy­ce, ex ct in­gle­se,

mi­ni­miz­za: «Ho so­lo cer­ca­to di aiu­ta­re una per­so­na che co­no­sco da 30 an­ni...», ma lo scan­da­lo è or­mai esplo­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.