Il pa­ni­no da ca­sa crea il caos a scuo­la

Ser­vo­no spa­zi e per­so­na­le: l’as­ses­so­re Spa­gnol spe­ra che de­ci­da il mi­ni­ste­ro Pro­ble­ma: do­ve man­gia­no i bam­bi­ni che non van­no in men­sa e chi li sor­ve­glia

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sacile - Fran­ce­sco Sca­ra­bel­lot­to

Sul­la que­stio­ne del pran­zo por­ta­to da ca­sa, che sia un pa­ni­no o al­tro, è l'as­ses­so­re all'istru­zio­ne Car­lo Spa­gnol ad in­ter­ve­ni­re per chia­ri­re qual è la si­tua­zio­ne in cit­tà, ma so­prat­tut­to per spie­ga­re qual è la po­si­zio­ne dell'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le, do­po le po­le­mi­che de­gli ul­ti­mi gior­ni. «Il di­rit­to di por­tar­si il pa­sto da ca­sa - pre­ci­sa - è cer­ta­men­te ri­co­no­sciu­to, ma al tem­po stes­so c'è la ne­ces­si­tà di ga­ran­ti­re tut­ti i sog­get­ti prin­ci­pa­li, quin­di scuo­la, ope­ra­to­ri del ser­vi­zio ri­sto­ra­zio­ne, Azien­da sa­ni­ta­ria e ge­ni­to­ri che han­no ma­ni­fe­sta­to l'in­ten­zio­ne di far por­ta­re ai fi­gli il pa­sto da ca­sa». Da quan­to ri­sul­ta a Spa­gnol so­no un grup­po di fa­mi­glie i cui fi­gli fre­quen­ta­no la Vit­to­ri­no da Fel­tre, men­tre nel­le al­tre scuo­le nes­su­no ha ma­ni­fe­sta­to que­sta in­ten­zio­ne. «Una si­tua­zio­ne - ag­giun­ge l’as­ses­so­re - che ri­guar­da la no­stra cit­tà, co­me an­che al­tre real­tà e che de­ve es­se­re svi­sce­ra­ta ai li­vel­li su­pe­rio­ri e cre­do che il Miur deb­ba espri­mer­si quan­to pri­ma. Nel frat­tem­po l'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le sta va­lu­tan­do le varie so­lu­zio­ni da adot­ta­re, in con­cer­to con la scuo­la e la so­cie­tà che ge­sti­sce il ser­vi­zio men­sa, per­ché il nodo es­sen­zia­le è in­di­vi­dua­re gli spa­zi do­ve far man­gia­re chi uti­liz­za la men­sa e chi in­ve­ce si por­ta il ci­bo da ca­sa. Poi in se­con­da bat­tu­ta en­tra­no in gio­co gli in­se­gnan­ti che de­vo­no con­trol­la­re i ra­gaz­zi e quin­di la scuo­la che de­ve as­si­cu­ra­re la lo­ro di­spo­ni­bi­li­tà an­che per chi non man­gia in men­sa. Una si­tua­zio­ne che è di­ver­sa da ples­so a ples­so da­te le dif­fe­ren­ze de­gli spa­zi che ci so­no, con­si­de­ran­do quel­li re­la­ti­vi al­la men­sa per ogni scuo­la. D'al­tro can­to è giu­sto che tut­te le re­spon­sa­bi­li­tà

Per­ve­nu­te so­lo dai ge­ni­to­ri del­la Vit­to­ri­no da Fel­tre

in gio­co sia­no tu­te­la­te». «È no­stra in­ten­zio­ne tro­va­re una so­lu­zio­ne prov­vi­so­ria quan­to pri­ma, cre­do che sia que­stio­ne di po­che set­ti­ma­ne, in at­te­sa che il pro­ble­ma ven­ga re­go­la­to de­fi­ni­ti­va­men­te da chi ne ha le com­pe­ten­ze. Con i ge­ni­to­ri e la Scuo­la, stia­mo af­fron­tan­do le pos­si­bi­li so­lu­zio­ni da adot­ta­re, che do­vran­no es­se­re pre­se di co­mu­ne ac­cor­do». In­som­ma nul­la di con­cre­to so­lo la pau­ra di scon­ten­ta­re qual­cu­no, cal­pe­sta­re qual­che di­rit­to in at­te­sa che il Miur si pro­nun­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.