Nei pia­ni di coa­ch De Raf­fae­le una squa­dra da cor­sa

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Ste­fa­no Ba­ba­to

Sa­rà una Reyer da cor­sa, al­me­no nei pia­ni di coa­ch De Raf­fae­le che nel­la co­stru­zio­ne del ro­ster ha vo­lu­to da­re una se­gna­le chia­ro sul­la fi­lo­so­fia che la squa­dra oro­gra­na­ta ap­pli­che­rà (o pro­ve­rà ad ap­pli­ca­re) sul par­quet nel cam­pio­na­to che sta per ini­zia­re. Ester­ni ve­lo­ci, in gra­do di met­te­re sul piat­to in di­fe­sa an­che tan­ta fi­si­ci­tà, e una bat­te­ria di pseu­do lun­ghi da sfrut­ta­re a se­con­da del­le esi­gen­ze del mat­ch, pri­vi­le­gian­do in li­nea di mas­si­ma an­co­ra una vol­ta i gio­chi in pick’n roll o gio­can­do­si le car­te sull’ar­co pe­ri­me­tra­le su­gli sca­ri­chi che i "piccoli" do­vreb­be­ro in teo­ria ese­gui­re sul­le pe­ne­tra­zio­ni. In­som­ma l’obiet­ti­vo è quel­lo di di­ver­ti­re fa­cen­do di­men­ti­ca­re le mac­chi­no­se azio­ni del­la scor­sa sta­gio­ne cau­sa­te in lar­ga par­te dal­la dif­fi­col­tà dei piccoli, so­prat­tut­to di Goss, di met­te­re in rit­mo se stes­si e i com­pa­gni con il ri­sul­ta­to spes­so di in­car­tar­si con­tro le di­fe­se schie­ra­te.

Que­sto in teo­ria, poi co­me sem­pre sa­rà il cam­po a san­ci­re la bon­tà o me­no del­le scel­te ef­fet­tua­te. Sul­la car­ta sem­bra dun­que una Reyer più at­trez­za­ta ed equi­li­bra­ta di quel­la del­la scor­sa sta­gio­ne (co­mun­que buo­na) e tol­ta Milano, che è og­get­ti­va­men­te fuo­ri por­ta­ta, non esi­sto­no squa­dre di­chia­ra­ta­men­te su­pe­rio­ri a quel­la oro­gra­na­ta che con un piz­zi­co di buo­na sor­te po­treb­be pu­re gio­car­si un po­sto per la fi­na­le co­me al con­tra­rio fi­ni­re fuo­ri dal­le pri­me quat­tro, con­si­de­ran­do il teo­ri­co equi­li­brio (Milano a par­te) che re­gna nel cam­pio­na­to ita­lia­no. Pun­ti de­bo­li del­la Reyer? La scel­ta di un’al­tra ca­val­let­ta leg­ge­ra nel ruo­lo di 5 (Han­gis) pre­sup­po­ne co­me al so­li­to il ri­schio di su­bi­re trop­po sot­to il pro­prio fer­ro spe­cie in po­st bas­so do­ve la fi­si­ci­tà di lun­ghi più strut­tu­ra­ti si fa sen­ti­re. E qui, per far qua­dra­re i con­ti, sa­rà fon­da­men­ta­le la qua­li­tà de­gli aiu­ti di Ejim e Ort­ner.

Da ve­ri­fi­ca­re an­che la lea­der­ship di Hay­nes, una "com­bo" (più guar­dia che play) che ten­de a "met­ter­si in pro­prio" e che ogni tan­to per­de lo scet­tro del co­man­do a li­vel­lo di tem­pi e di co­stru­zio­ne del gio­co. Do­me­ni­ca pri­mo im­pe­gno di cam­pio­na­to a De­sio con­tro Can­tù. Su­bi­to una si­gni­fi­ca­ti­va ve­ri­fi­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.