Te­di­no sa co­me far ma­le a In­za­ghi

Co­per­tu­ra an­ti-spie. Il tec­ni­co: «Ma ser­vi­rà la ga­ra per­fet­ta»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Da­rio Pe­ro­sa

«Gran­de ri­spet­to, nes­su­na pau­ra»: è il mot­to che ha ac­com­pa­gna­to tut­ta la set­ti­ma­na dei ra­mar­ri in at­te­sa del­la sfi­da di do­ma­ni al­le 20.30 al Bot­tec­chia con la ca­po­li­sta Ve­ne­zia di Pip­po In­za­ghi. È ov­via­men­te an­che il pen­sie­ro di Bru­no Te­di­no, che per la pri­ma vol­ta in sta­gio­ne ha tut­ti gli ef­fet­ti­vi a di­spo­si­zio­ne. Com­pre­so In­ge­gne­ri, l'uo­mo più rim­pian­to dai sup­por­ter ne­ro­ver­di (e pro­ba­bil­men­te dal­lo stes­so tec­ni­co, an­che se ov­via­men­te non lo di­ce) du­ran­te le ul­ti­me due ga­re con Par­ma e Ma­ce­ra­te­se, in cui To­mei ha do­vu­to rac­co­glie­re ben 6 pal­lo­ni dal fon­do del sac­co.

POR­TE CHIU­SE - «In­ge­gne­ri e Su­ciu - pre­ci­sa Te­di­no so­no nel grup­po, an­che se non al me­glio del­la con­di­zio­ne. In ogni ca­so - Bru­no non vuo­le col­pe­vo­liz­za­re nes­su­no - non cre­do che i 6 gol su­bi­ti sia­no tut­ti da at­tri­bui­re all'as­sen­za di In­ge­gne­ri. Pa­ro­di ha fat­to il suo do­ve­re. Nel mio con­cet­to di cal­cio si at­tac­ca e ci si di­fen­de

in 11, quin­di me­ri­ti e col­pe van­no con­di­vi­si». Il Ve­ne­zia ha la mi­glior di­fe­sa del gi­ro­ne. Stu­dia­to qual­co­sa per per­fo­rar­la? «Qual­co­sa sì - am­met­te Te­di­no -, ma è una squa­dra tal­men­te for­te e com­ple­ta che so­lo fa­cen­do la par­ti­ta per­fet­ta po­trem­mo spe­ra­re di bat­ter­la. Gli espe­dien­ti - sor­ri­de il tec­ni­co - ser­vo­no a po­co». In ogni ca­so, ciò che i ra­mar­ri han­no stu­dia­to re­sta tra lo­ro. La se­du­ta di ie­ri (co­me quel­la di og­gi) si è svol­ta a por­te chiu­se per te­ne­re lon­ta­ne le spie. «Più che al­tro - pre­ci­sa Te­di­no - per la­vo­ra­re con mag­gior tran­quil­li­tà». Nien­te in­di­zi sul­la for­ma­zio­ne que­sta vol­ta. È pro­prio scontro al ver­ti­ce.

PE­RI­CO­LO PE­DER­ZO­LI - Il Por­de­no­ne si ri­ro­ve­rà da­van­ti Alex Pe­der­zo­li, cen­tro­cam­pi­sta de­ter­mi­nan­te nel­la scor­sa sra­gio­ne. Sa­rà op­por­tu­no evi­ta­re le pu­ni­zio­ni nel­la fa­scia dai 18 ai 23 me­tri. «Se fai fal­lo cor­ri il ri­schio di su­bi­re i piaz­za­ti di Alex, se non lo fai - al­za le spal­le Te­di­no - gen­te co­me Fer­ra­ri, Mo­reo e Fa­bris, tan­to per fa­re qual­che no­me, pe­ne­tra in area. Vin­ce­rà chi fa­rà me­no er­ro­ri».

RE MAU­RO CU­RIO­SO - At­ten­de il der­by aran­cio­ne­ro­ver­de sen­za ten­sio­ne Mau­ro Lo­vi­sa, che lu­ne­dì ri­ce­ve­rà il pre­mio qua­le mi­glior pre­si­den­te del­la sta­gio­ne 2015-16. «Do­po il mat­ch con il Par­ma - ri­cor­da ho det­to che se pun­ta­no lo­ro al­la pro­mo­zio­ne pos­sia­mo far­lo an­che noi. Ades­so so­no cu­rio­so di ve­de­re il mio Por­de­no­ne a con­fron­to con l'al­tra su­per­squa­dra, il Ve­ne­zia. Io pe­rò - con­clu­de sor­pren­den­do re Mau­ro - ve­do fa­vo­ri­to nu­me­ro uno il Bas­sa­no. Su­bi­to die­tro Ve­ne­zia, Par­ma, Reg­gia­na e Por­de­no­ne, tut­te al­lo stes­so li­vel­lo».

Il pe­ri­co­lo Pe­der­zo­li

RA­MAR­RI I gio­ca­to­ri del Por­de­no­ne rin­gra­zia­no il pub­bli­co al Bot­tec­chia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.