Elio Ciol, il fascino del­le re­li­gio­ni antiche

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Valentina Sil­ve­stri­ni

«So­no na­to in ca­me­ra oscu­ra, fi­glio di un fo­to­gra­fo, ho ini­zia­to uti­liz­zan­do le la­stre, poi la pel­li­co­la fi­no all'av­ven­to del di­gi­ta­le. Non po­te­vo che sce­glie­re il bian­co e ne­ro per le mie ope­re, per­ché è lì che so­no na­to». A raccontarsi è Elio Ciol, ar­ti­sta che al­la so­glia de­gli 87 an­ni è una fon­te ine­sau­ri­bi­le d'ar­te, di rac­con­ti e di umil­tà. Na­to a Ca­sar­sa del­la De­li­zia, scel­se lo stes­so me­stie­re del pa­dre, co­sì ha fat­to an­che suo fi­glio «che è giun­to al­la ter­za ge­ne­ra­zio­ne» spie­ga Ciol di cui do­ma­ni al­le 17 ver­rà inau­gu­ra­ta la nuo­va mo­stra. Si trat­ta di "Elio Ciol. Il can­to del­la pie­tra. Ar­me­nia 2005" ospi­ta­ta nell'ab­ba­zia di Se­sto al Re­ghe­na e or­ga­niz­za­ta dal Cen­tro Ini­zia­ti­ve Cul­tu­ra­li di Por­de­no­ne: una qua­ran­ti­na di fo­to­gra­fie scat­ta­te nel 2005 du­ran­te un viaggio in Ar­me­nia. «La un fascino par­ti­co­la­re, non so­lo per­ché espri­mo­no la sto­ria ma an­che per­ché so­no ope­re che pos­so­no far cre­sce­re, tra­smet­to­no un sen­so del bel­lo che è uti­le al­la vi­ta. Quel­la di Fiu­me Ve­ne­to rac­co­glie una par­te del la­vo­ro fat­to su As­si­si che è con­flui­to in una mo­stra che ven­ne al­le­sti­ta al­la Gal­le­ria Sa­git­ta­ria di Por­de­no­ne e do­po fu por­ta­ta an­che in Rus­sia, do­ve ven­ne pro­po­sta in di­ver­se cit­tà tra cui San Pie­tro­bur­go e Mo­sca».

Ol­tre all'ar­me­nia, in pro­gram­ma c'è un pro­get­to le­ga­to al­la Li­bia... «Ne na­sce­rà una mo­stra, cre­do a gen­na­io, che si chia­me­rà "Nel sof­fio del­la sto­ria"; è una do­cu­men­ta­zio­ne del­le cit­tà ar­cheo­lo­gi­che del­la Li­bia, do­ve si tro­va­no mo­nu­men­ti pie­ni di fascino. Avrei vo­lu­to tor­nar­ci, ma ora non è più pos­si­bi­le. Non so­no mai sta­te espo­ste in­ve­ce so­no le fo­to scat­ta­te set­te an­ni fa in Si­ria, a Pal­mi­ra. Pri­ma o poi mi pia­ce­reb­be ne na­sces­se una mo­stra».

C'è qual­che pro­get­to a cui sta la­vo­ran­do? «Sto pre­pa­ran­do una raccolta da cui vor­rei na­sces­se un ca­ta­lo­go; si trat­ta di una se­le­zio­ne di ope­re con­ser­va­te nei mu­sei in­ter­na­zio­na­li (tra cui il Me­tro­po­li­tan di New York, il Vic­to­ria & Albert di Londra, ndr). È in­te­res­san­te per­ché so­no fo­to scel­te da oc­chi al­trui, non da me. Vor­rei di­ven­tas­se­ro una pub­bli­ca­zio­ne af­fin­ché ri­ma­nes­se­ro nel tem­po, pri­ma che io par­ta per il gran­de viaggio, vi­sta la mia età. Io mi sen­to gio­va­ne ma le fo­to­gra­fie che mi scat­ta­no pur­trop­po mi ro­vi­na­no, per­ché met­to­no in luce l'im­ma­gi­ne ve­ra del­la mia età».

Che re­la­zio­ne ha con i nuo­vi mez­zi del­la fo­to­gra­fia? «So­no pas­sa­to al di­gi­ta­le. Un tem­po scat­ta­re le fo­to ave­va un co­sto per­ciò si pen­sa­va pri­ma di scat­ta­re. Ora pri­ma si scat­ta e poi si pen­sa. In que­sto sen­so po­trem­mo di­re che il me­stie­re del fo­to­gra­fo sta sparendo, per­ché i mez­zi non ren­do­no più ne­ces­sa­ria l'abi­li­tà tecnica. Ma d'al­tron­de ri­ma­ne l'espres­si­vi­tà del fo­to­gra­fo e la sua sen­si­bi­li­tà nel co­mu­ni­ca­re».

GE­NE­RA­ZIO­NI DI FO­TO­GRA­FI Elio Ciol, 87 an­ni, ha ere­di­ta­to il me­stie­re dal pa­dre che poi ha tra­smes­so an­che al fi­glio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.