Ali sull’eu­ro­pa che fa­ti­ca a ri­na­sce­re

Il pro­ta­go­ni­sta Ga­briel in cer­ca del be­ne tra uo­mi­ni ma­la­ti

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Lo­ren­zo Mar­chio­ri

POR­DE­NO­NE - Ga­briel è un ma­tu­ro ar­chi­tet­to di fa­ma in­ter­na­zio­na­le, in cri­si do­po che il suo pro­get­to di crea­re una cit­tà ex no­vo nel de­ser­to è naufragato mi­se­ra­men­te. Ma Ga­briel è (for­se) an­che uno de­gli ul­ti­mi an­ge­li ri­ma­sti sul­la Ter­ra, che as­si­ste al­la dis­so­lu­zio­ne del ge­ne­re uma­no, pros­si­mo al­la fi­ne. Per que­sti due mo­ti­vi, Ga­briel si spo­sta per l’eu­ro­pa, di cit­tà in cit­tà, fa­cen­do in­con­tri che nel pre­sen­te lo le­ga­no ai ri­cor­di pas­sa­ti, sen­ti­men­ta­li e sto­ri­ci. È il pun­to di par­ten­za di "Chie­di al­la luce", nuo­vo ro­man­zo di Tul­lio Avo­le­do edi­to da Mar­si­lio, in cui il pro­ta­go­ni­sta com­pie un dop­pio viaggio: quel­lo geo­gra­fi­co - spo­stan­do­si tra le cit­tà dell’eu­ro­pa - e quel­lo in­te­rio­re, tra ri­fles­sio­ni per­so­na­li e con­si­de­ra­zio­ni sul si­gni­fi­ca­to dell’esi­sten­za e sul­la na­tu­ra dell’uo­mo, por­ta­to a com­pie­re vio­len­za sul pros­si­mo. Che sia la vio­len­za di guer­ra o pri­va­ta, è un istin­to al­la so­praf­fa­zio­ne che è mos­so da di­ver­si mo­ti­vi. Al­cu­ne del­le persone che Ga­briel (me­ta­fo­ra di un’eu­ro­pa af­fa­ti­ca­ta, al­le pre­se con un pre­sen­te in­cer­to) in­con­tra sem­bra­no giu­sti­fi­ca­re la lo­ro per­di­ta di uma­ni­tà, al­tri la ri­ven­di­ca­no con rab­bia or­go­glio­sa. A tut­ti, l’ar­chi­tet­to/an­ge­lo de­di­ca del tem­po per pro­va­re a ri­cor­da­re, ca­pi­re e per­do­na­re. Se nel­la pri­ma par­te del ro­man­zo l’at­mo­sfe­ra è per­mea­ta da uno sti­le oni­ri­co (ci so­no gat­ti che par­la­no nei ci­mi­te­ri, viag­gi nel pas­sa­to at­tra­ver­so pas­sag­gi di vec­chie ca­se di pe­ri­fe­ria), una vol­ta toc­ca­to l’api­ce del rea­li­smo ma­gi­co nel­la se­con­da par­te Avo­le­do con­du­ce il let­to­re, pa­gi­na do­po pa­gi­na, ver­so il fi­na­le che sve­la co­sa è sta­to, per il pro­ta­go­ni­sta, rea­le e co­sa in­ve­ce Ga­briel ha vis­su­to im­ma­gi­nan­do pos­si­bi­li ve­ri­tà al­ter­na­ti­ve. Giun­ti al ter­mi­ne del­la let­tu­ra del­le 483 pa­gi­ne del li­bro, non re­sta che tor­na­re a sfo­gliar­le per ap­pro­fon­di­re le ri­fles­sio­ni ed espe­rien­ze, an­che so­lo mu­si­ca­li, che l’au­to­re ha dis­se­mi­na­to con ele­gan­za nel cam­mi­no del­la sto­ria.

AU­TO­RE Tul­lio Avo­le­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.