«Gra­zie per aver sal­va­to pa­pà»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Friuli - Sil­vio Bi­ni

Da Auc­kland a Po­ce­nia per tro­va­re la fa­mi­glia che nel ’43 ospi­tò il sol­da­to in fu­ga

PO­CE­NIA - Fu il 30 apri­le del 1945, con l'in­gres­so, at­tra­ver­so il pon­te Bay­ley sul fiu­me Stel­la, fra Pa­laz­zo­lo e Ri­va­rot­ta, del­la Di­vi­sio­ne neo­ze­lan­de­se, co­man­da­ta dal mag­gio­re Geof­fey Cox, che fi­nì, nel­la Bas­sa friu­la­na, la Se­con­da Guer­ra mon­dia­le.

I sol­da­ti del New Zea­land die­de­ro un for­te ap­pog­gio agli Stati al­lea­ti con­tro l'as­se ita­lo­te­de­sco. Tre di loro han­no vis­su­to un'odis­sea nel­le ter­re del Friu­li, dopo che era­no stati fat­ti pri­gio­nie­ri dei te­de­schi nel Nord dell'afri­ca. Tra­dot­ti in Friu­li, per es­se­re im­pie­ga­ti nei cam­pi di la­vo­ro, Ian Mil­lar, Stan Jo­nes e Jack Ley­don, in­ter­na­ti al cam­po 107 di Ci­vi­da­le (nel cam­po fa­sci­sta di Gru­pi­gna­no) nel set­tem­bre del 1943, ap­prof­fit­tan­do del­la cri­si ita­lia­na, fug­gi­ro­no e, scen­den­do ver­so la co­sta, rag­giun­se­ro Po­ce­nia.

Nel pae­se del­la Bas­sa, tro­va­ro­no ospi­ta­li­tà in casa Za­ni­ni, nel­la cam­pa­gna do­ve tro­va­ro­no un ri­pa­ro in un pro­fon­do fos­sa­to e ven­go­no ac­cu­di­ti da una fa­mi­glia, per le cu­re amo­ro­se di mam­ma An­to­nia («Un cuo­re d'oro, ci ha trat­ta­ti co­me fi­gli» scri­ve­rà nel suo li­bro Ian) e dei suoi fi­gli: Bru­no, An­ge­la, Ma­ria, Car­men e As­sun­ta, la più pic­co­la, allora tre­di­cen­ne. So­lo a lei, ades­so, è da­to di ri­cor­da­re. «Ci si muo­ve­va so­lo di not­te, a vol­te ve­ni­va­no loro a casa, al­tre an­da­va­mo noi al fos­so, per por­tar­gli da man­gia­re». Ian se l'è ri­cor­da­to per tut­ta la vi­ta, di quel «co­te­chi­no e po­len­ta e di quel vi­no e di quel­le bel­le ra­gaz­ze». Si sal­ve­ran­no, i gio­va­ni sol­da­ti, dopo una pe­re­gri­na­zio­ne per le stra­de del Friu­li, fi­no al mag­gio del 1944.

La fi­glia di Ian Mil­lar, Sue Moo­dy, che abi­ta ad Auc­kland, ha de­ci­so que­st'an­no di ri­tro­va­re quel­la fa­mi­glia di Po­ce­nia che ave­va sal­va­to il pa­pà. Co­pian­do gli in­di­riz­zi sull’elen­co te­le­fo­ni­co, ha scrit­to a no­ve famiglie di Po­ce­nia fin­ché ha tro­va­to quel­la giu­sta. E ie­ri si so­no in­con­tra­ti nel vec­chio ca­sa­le che ave­va ac­col­to quei gio­va­ni sol­da­ti. È sta­ta festa gran­de con i rac­con­ti, i ri­cor­di e l'emo­zio­ne di una vec­chia bel­la sto­ria che ha uni­to famiglie, og­gi agli an­ti­po­di del­la ter­ra.

NEL­LA BAS­SA Ie­ri festa gran­de a Po­ce­nia per

l’in­con­tro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.