«Non è una ras­se­gna di nic­chia»

Il nuo­vo di­ret­to­re: il New York Ti­mes sba­glia. I film non so­no ar­cai­ci, ma mo­der­ni e com­mo­ven­ti

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone -

POR­DE­NO­NE - (ni.na.) Jay Weis­sberg, cri­ti­co di "Va­rie­ty", è al­la pri­ma edi­zio­ne del­le Gior­na­te co­me di­ret­to­re.

Co­me ci si sen­te a ri­co­pri­re l'in­ca­ri­co a che è sta­to a lun­go di Da­vid Ro­bin­son?

«Chi co­no­sce que­sto fe­sti­val non cre­do che lo tro­ve­rà tan­to cam­bia­to per quel­lo che ri­guar­da l'or­ga­niz­za­zio­ne del pro­gram­ma: Da­vid Ro­bin­son è sta­to uno splen­di­do steward. Ci so­no si­cu­ra­men­te più cor­to­me­trag­gi e ci­ne­gior­na­li del so­li­to, spar­si in tut­te le se­zio­ni. So­no lì per di­ver­ti­re, in­tri­ga­re, e mi­glio­ra­re la no­stra com­pren­sio­ne del­le va­rie for­me di di­ver­ti­men­to dell'epo­ca».

Le Gior­na­te so­no dav­ve­ro di nic­chia co­me so­stie­ne il New York Ti­mes?

«Ma­no­hla Dar­gis ha usa­to quel ter­mi­ne per fa­re un com­pli­men­to al no­stro fe­sti­val. Ma io non so­no d'ac­cor­do sul­la nic­chia, perché vor­rei ab­bat­te­re il con­fi­ne tra noi e quei fe­sti­val di ten­den­za do­mi­nan­te. Il mio obiet­ti­vo è di per­met­te­re a esper­ti e pub­bli­co di ren­der­si con­to che i film che pre­sen­tia­mo al­le Gior­na­te non so­no dif­fi­ci­li o ar­cai­ci. So­no mo­der­ni, com­mo­ven­ti, di­ver­ten­ti, e ci par­la­no, nel loro si­len­zio, in mo­do al­tret­tan­to di­ret­to che non tan­ti film di og­gi e scom­met­to che man­ter­ran­no la loro ri­so­nan­za mol­to più a lun­go».

Qua­li so­no i pun­ti di for­za del pro­gram­ma 2016?

«Mi sem­bra­no mol­to in­te­res­san­ti i ci­ne­gior­na­li po­lac­chi, che rac­con­ta­no aspet­ti del pas­sag­gio da na­zio­ne da po­co in­di­pen­den­te, poi ra­pi­da­men­te spaz­za­ta via dall'in­va­sio­ne na­zi­sta. Co­me Da­vid Ro­bin­son ha sem­pre fat­to, mi so­no sfor­za­to di pre­sen­ta­re un pro­gram­ma che bi­lan­cias­se film più fa­mi­glia­ri e al­tri me­no no­ti: ma an­che i pri­mi pos­so­no as­su­me­re una va­len­za nuo­va, se vi­sti al ci­ne­ma nel­le mi­glio­ri con­di­zio­ni e con ade­gua­ti ac­com­pa­gna­men­ti mu­si­ca­li. Co­me ac­ca­de a Por­de­no­ne».

Al­la pre­si­den­za del­le Gior­na­te c'è sem­pre Li­vio Ja­cob, che ap­pa­re più sereno del so­li­to: «Il nuo­vo di­ret­to­re ha fat­to un ot­ti­mo la­vo­ro - af­fer­ma - e ab­bia­mo la­vo­ra­to be­ne e mol­to col­le­gial­men­te. Di­rei che so­no mol­to ot­ti­mi­sta sul fu­tu­ro».

DI­RET­TO­RE Jay Weis­sberg

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.