Cop­pie di fat­to, aper­to lo spor­tel­lo in Co­mu­ne

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cordenons - Marco Agru­sti

Gio­va­ni cop­pie, ma an­che qual­che cor­de­no­ne­se at­tem­pa­to che at­ten­de­va ma­ga­ri da an­ni che il prov­ve­di­men­to di­ven­tas­se finalmente una leg­ge del­lo Sta­to. Al mo­men­to nes­su­na ri­chie­sta da par­te di cit­ta­di­ni omo­ses­sua­li, ma una gran cu­rio­si­tà di fron­te al­la pos­si­bi­li­tà che il Co­mu­ne ha re­so pub­bli­ca po­co più di 24 ore fa. Da gio­ve­dì, in­fat­ti, è at­ti­vo lo spor­tel­lo che re­go­le­re­rà le con­vi­ven­ze di fat­to a Cor­de­nons. È la con­se­guen­za pra­ti­ca del­la leg­ge Ci­rin­nà sul­le unio­ni ci­vi­li, e i cor­de­no­ne­si si stan­no già di­mo­stran­do in­te­res­sa­ti. Già pri­ma che in mu­ni­ci­pio com­pa­ris­se­ro i mo­du­li da com­pi­la­re, in­fat­ti, mol­te cop­pie si era­no pre­sen­ta­te all'uf­fi­cio Ana­gra­fe, con l'obiet­ti­vo di re­go­la­riz­za­re la loro convivenza. Un trend de­sti­na­to a cre­sce­re con l'ar­ri­vo del­la do­cu­men­ta­zio­ne car­ta­cea. La di­chia­ra­zio­ne può es­se­re pre­sen­ta­ta in una del­le se­guen­ti mo­da­li­tà (tra loro al­ter­na­ti­ve): con­se­gna di­ret­ta an­che da par­te di un so­lo com­po­nen­te la convivenza, pur­ché mu­ni­to del do­cu­men­to iden­ti­fi­ca­ti­vo e del­la co­pia di quel­lo del­la per­so­na as­sen­te op­pu­re spe­di­zio­ne con let­te­ra rac­co­man­da­ta all'in­di­riz­zo dell'ana­gra­fe co­mu­na­le (piaz­za del­la Vit­to­ria). La ter­za mo­da­li­tà pre­ve­de l'in­vio te­le­ma­ti­co con co­pia dei do­cu­men­ti (gli in­di­riz­zi email so­no di­spo­ni­bi­li nell'ap­po­si­ta se­zio­ne del si­to in­ter­net co­mu­na­le). Esi­sto­no re­go­le an­che per quan­to ri­guar­da la ces­sa­zio­ne del­la convivenza e so­no sem­pre spe­ci­fi­ca­te nel­la se­zio­ne del si­to co­mu­na­le. Al mo­men­to non si re­gi­stra­no ri­chie­ste da par­te di cop­pie del­lo stes­so ses­so, dopo la ri­nun­cia al­la tra­scri­zio­ne espres­sa dai due cor­de­no­ne­si Lui­gi De Pic­co­li e Ales­san­dro Ta­va­no, spo­sa­ti a New York nel 2012 e au­to­ri di una pri­ma ri­chie­sta (ri­get­ta­ta) ai tem­pi dell'am­mi­ni­stra­zio­ne gui­da­ta da Ma­rio On­ga­ro. Per ora a chie­de­re in­for­ma­zio­ni sul­la convivenza di fat­to so­no so­prat­tut­to gio­va­ni dai 20 ai 35 an­ni che già con­vi­vo­no da tem­po sen­za un re­go­la­re con­trat­to che di­sci­pli­ni - ad esem­pio - il di­rit­to all'as­si­sten­za. Si è pre­sen­ta­to an­che qual­che cor­de­no­ne­se con al­cu­ni an­ni in più al­le spal­le. In­som­ma, l'ini­zia­ti­va è già un suc­ces­so, no­no­stan­te i mo­du­li sia­no pre­sen­ti in Co­mu­ne so­lo da me­tà set­ti­ma­na. E si at­ten­de un au­men­to del­le ri­chie­ste nei pros­si­mi gior­ni. COR­DE­NONS - (m.a.) Il Co­mu­ne di Por­de­no­ne è pron­to a con­ce­de­re una "stam­pel­la" a Cor­de­nons, ab­ban­do­nan­do quel­la linea du­ra che ave­va spa­ven­ta­to l’am­mi­ni­stra­zio­ne On­ga­ro. Ha det­to que­sto, in so­stan­za, l'in­con­tro che si è te­nu­to ie­ri nel ca­po­luo­go pro­vin­cia­le sul tema del­la di­sca­ri­ca del Vin­chia­ruz­zo e so­prat­tut­to sul de­bi­to in es­se­re tra i due Co­mu­ni. Pre­sen­ti al mee­ting gli as­ses­so­ri all'am­bien­te Lu­cia Bu­na (Cor­de­nons) e Ste­fa­nia Bol­tin (Por­de­no­ne). Va ri­cor­da­to che il de­bi­to ori­gi­na­rio am­mon­ta a cir­ca 4 mi­lio­ni di eu­ro: una ci­fra che Cor­de­nons do­vreb­be tor­na­re a Por­de­no­ne in sov­val­li. «Il Co­mu­ne di Por­de­no­ne ha spie­ga­to Lu­cia Bu­na - è sem­bra­to mol­to di­spo­ni­bi­le e si im­pe­gne­rà a col­la­bo­ra­re per ri­cal­co­la­re il de­bi­to». E in que­sto caso per ri­cal­co­la­re si in­ten­de at­tua­liz­za­re. «Sì - ha pre­ci­sa­to l'as­ses­so­re cor­de­no­ne­se - perché i con­fe­ri­men­ti non han­no lo stes­so va­lo­re che ave­va­no al mo­men­to del­la na­sci­ta del de­bi­to». Quin­di l'am­mi­ni­stra­zio­ne por­de­no­ne­se è di­spo­sta ad aspet­ta­re il Co­mu­ne di Cor­de­nons e non ha man­te­nu­to l'at­teg­gia­men­to fer­mo che avreb­be ri­schia­to di met­te­re in gi­noc­chio il vi­ci­no dell'hin­ter­land. Il de­bi­to do­vrà es­se­re cal­co­la­to con esat­tez­za e del­la fac­cen­da se ne oc­cu­pe­rà un team di tec­ni­ci. «In­tan­to il qua­dro è cam­bia­to - ha spe­ci­fi­ca­to l'as­ses­so­re Bu­na -: la di­sca­ri­ca non è più un mi­rag­gio, ma ver­rà com­ple­ta­ta en­tro il 2017». Quel­la vol­ta ini­zie­rà a pro­dur­re gua­da­gno, e di con­se­guen­za a ri­pa­ga­re il de­bi­to.

AVVISTAMENTO Un Ufo fo­to­gra­fa­to sui cie­li di una

cit­ta­di­na sta­tu­ni­ten­se

IN CO­MU­NE Nes­su­na ri­chie­sta

fi­no­ra da cop­pie del­lo stes­so

ses­so

FA­MI­GLIA Le cop­pie di fat­to han­no la pos­si­bi­li­tà di re­gi­stra­te le loro unio­ni

DI­SCA­RI­CA Mon­ta­gne di ri­fiu­ti "chiu­si"

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.