Cim­pel­lo-se­quals, i pe­ri­co­li del­la su­per­stra­da in­com­piu­ta

Po­le­mi­che do­po l’ul­ti­mo in­ci­den­te mor­ta­le

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina -

L’ul­ti­mo in­ci­den­te mor­ta­le ha riac­ce­so le po­le­mi­che sul­la Cim­pel­lo-se­quals. Una stra­da a due cor­sie, na­ta pe­rò co­me espres­sio­ne del­la gran­de via­bi­li­tà, che mo­stra mol­ti trat­ti ri­schio­si, in cui gli in­ci­den­ti si sus­se­guo­no. Chie­sti più con­trol­li sul­la ve­lo­ci­tà e si­cu­rez­za. Inol­tre si muo­ve an­che la po­li­ti­ca, che fi­no a ie­ri ha li­ti­ga­to sul­la pro­se­cu­zio­ne dell’as­se stra­da­le fi­no a Ge­mo­na.

Il re­lit­to ir­ri­co­no­sci­bi­le di un'au­to, smem­bra­ta dall'en­ne­si­mo scon­tro fron­ta­le kil­ler, lan­cia un mes­sag­gio. In qual­che mo­do è ne­ces­sa­rio in­ter­ve­ni­re sul­la Cim­pel­lo-se­quals, sia per li­mi­ta­re la ne­gli­gen­za di au­to­mo­bi­li­sti spes­so re­spon­sa­bi­li di mor­ti evi­ta­bi­li, sia per met­te­re ma­no a un'eter­na in­com­piu­ta fi­glia di pro­get­ti ce­sti­na­ti e guer­re po­li­ti­che in­ter­ne al­la re­gio­ne. A og­gi, e que­sto è un da­to, la bre­tel­la che por­ta dal Por­de­no­ne­se al­la Pe­de­mon­ta­na è un'ope­ra so­stan­zial­men­te mon­ca, non­ché pe­ri­co­lo­sa. Na­ta a due cor­sie, la stra­da è un tra­nel­lo: por­ta a spin­ge­re sull'ac­ce­le­ra­to­re e pre­sen­ta al­lo stes­so tem­po cur­ve che ri­chie­de­reb­be­ro una ve­lo­ci­tà più bas­sa (il li­mi­te è fis­sa­to a 90 km-h, ba­ste­reb­be­ro de­gli au­to­ve­lox fis­si fun­zio­nan­ti, co­me so­ste­nu­to da più par­ti). Giun­ta a Se­quals, poi, sva­ni­sce. E il traf­fi­co pe­san­te che dal Cen­tro Eu­ro­pa è di­ret­to in Ita­lia pas­san­do da Tar­vi­sio la snob­ba, pre­fe­ren­do l'usci­ta a Udi­ne e l'in­gres­so in Pon­teb­ba­na. Ed è su que­sto pun­to che tor­na­no a pren­de­re vi­go­re le vo­ci del par­ti­to (non po­li­ti­co) che vor­reb­be ria­ni­ma­re il pro­get­to chia­ma­to «Se­quals-ge­mo­na». Di pa­ri pas­so cor­re­reb­be poi la ne­ces­si­tà di am­plia­re o mo­di­fi­ca­re il trat­to esi­sten­te, tra­sfor­man­do­lo in quel­la su­per­stra­da (con quat­tro cor­sie e bar­rie­ra di­vi­so­ria) che il ter­ri­to­rio ri­chie­de­reb­be. La Re­gio­ne già qual­che an­no fa ha espo­sto il di­sco ros­so: l'ope­ra non è nei pro­gram­mi dell'at­tua­le am­mi­ni­stra­zio­ne. Il no è ar­ri­va­to di­ret­ta­men­te dall'as­se Ser­rac­chia­ni-bol­zo­nel­lo. Ma qual­co­sa, nel­la De­stra Ta­glia­men­to, sta nuo­va­men­te cam­bian­do e l'oc­ca­sio­ne per ri­pre­sen­ta­re l'idea po­treb­be ar­ri­va­re già pri­ma del cam­bio del­la guar­dia in Re­gio­ne. A con­ce­de­re nuo­vo vi­go­re ai so­ste­ni­to­ri del­la Ge­mo­na-se­quals è il traf­fi­co sem­pre più so­ste­nu­to (e le con­se­guen­ti lun­ghe co­de) sul­la Pon­teb­ba­na. La ne­ces­si­tà di una so­lu­zio­ne è sot­to gli oc­chi di tut­ti. La bat­ta­glia, pe­rò, de­ve di­ven­ta­re tut­ta por­de­no­ne­se, con in pri­ma li­nea le am­mi­ni­stra­zio­ni co­mu­na­li del­la De­stra Ta­glia­men­to, Por­de­no­ne in pri­mis. La spal­la ar­ri­va an­co­ra una vol­ta dal se­na­to­re Lo­do­vi­co So­ne­go: «La pe­de­mon­ta­na ve­ne­ta sta pro­ce­den­do e ren­de­rà ne­ces­sa­rio il com­ple­ta­men­to del­la no­stra ope­ra - spie­ga -. L'as­se par­te da Vi­cen­za e ar­ri­va a Co­ne­glia­no, per poi pro­se­gui­re se­guen­do il trac­cia­to dell'a28. L'in­te­res­se ver­so il com­ple­ta­men­to non è pro­vin­cia­le, e nem­me­no re­gio­na­le: è na­zio­na­le». E l'idea è quel­la di crea­re un grup­po di pres­sio­ne che pos­sa agi­re non tan­to a Trie­ste, quan­to di­ret­ta­men­te a Ro­ma, fa­cen­do le­va pro­prio su quell'in­te­res­se na­zio­na­le a cui si ri­fe­ri­sce So­ne­go. In pri­ma li­nea, da tem­po, an­che il sin­da­co di Spi­lim­ber­go, Ren­zo Fran­ce­sco­ni. La stra­da po­treb­be es­se­re quel­la del­la con­ces­sio­ne. Un pro­get­to c'era già: era quel­lo dell'azien­da Man­to­va­ni (2011), che pre­ve­de­va un one­re di rea­liz­za­zio­ne pa­ri a un mi­liar­do e 44 mi­lio­ni di eu­ro. Due me­si e mez­zo per il pro­get­to, 28 me­si per la rea­liz­za­zio­ne dell'ope­ra. Pro­ba­bil­men­te sa­rà ne­ces­sa­rio at­ten­de­re an­ni, ma il mo­to­re del­la pro­po­sta si sta riac­cen­den­do e il te­ma - c'è da scom­met­ter­ci - di­ven­te­rà cen­tra­le nel­la cam­pa­gna elet­to­ra­le che con­dur­rà al­le Re­gio­na­li 2018.

PE­RI­CO­LO­SA La Cim­pel­lo-se­quals è una stra­da che, pur es­sen­do na­ta co­me "sta­ta­le" vie­ne in­ter­pre­ta­ta da chi la per­cor­re co­me un’au­to­stra­da. A de­stra, Lo­do­vi­co So­ne­go

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.