Co­me­rio, do­cu­men­ta­ri dall’ita­lia pre­bel­li­ca

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Ni­co Nan­ni

Han­no pre­so il via uf­fi­cial­men­te ie­ri se­ra nel Tea­tro Co­mu­na­le di Por­de­no­ne le Gior­na­te del Ci­ne­ma Mu­to. Sul pal­co il nuo­vo di­ret­to­re del fe­sti­val Jay Weis­sberg con il pre­si­den­te Li­vio Ja­cob, l'as­ses­so­re re­gio­na­le al­la Cul­tu­ra, Gian­ni Tor­ren­ti, e il suo omo­lo­go co­mu­na­le, Pie­tro Tro­pea­no. Nei va­ri in­ter­ven­ti Tro­pea­no, Tor­ren­ti e il pre­si­den­te del­la Ca­me­ra di Com­mer­cio, Gio­van­ni Pa­van - è emer­so il con­cet­to del­la in­ter­na­zio­na­li­tà del­le Gior­na­te e dell'im­pe­gno del­le va­rie isti­tu­zio­ni nel so­ste­gno del fe­sti­val, uni­co nel suo ge­ne­re. Da par­te lo­ro Li­vio Ja­cob e Jay Weis­sberg, sa­lu­ta­to Da­vid Ro­bin­son, di­ret­to­re per 19 an­ni, han­no mes­so in evi­den­za la cor­po­si­tà del pro­gram­ma, ric­co di te­mi e di spun­ti. In par­ti­co­la­re han­no ri­cor­da­to che la pro­ie­zio­ne di "A pro­po­si­to de Ni­ce" nel­la se­ra­ta inau­gu­ra­le ha il si­gni­fi­ca­to di un omag­gio al­la cit­tà vit­ti­ma del ter­ro­ri­smo.

Se è ve­ro che agli ini­zi il ci­ne­ma fu so­prat­tut­to do­cu­men­ta­rio, un gran­de ar­te­fi­ce di que­sto ge­ne­re di ci­ne­ma fu Lu­ca Co­me­rio, del qua­le que­st'an­no le Gior­na­te pre­sen­ta­no la se­con­da par­te del­le sue pro­du­zio­ni, re­la­ti­ve al pe­rio­do pre­ce­den­te la Gran­de Guer­ra, in pro­ie­zio­ne que­sta mat­ti­na (ore 11.45).

La se­zio­ne - cu­ra­ta da Ser­gio M. Ger­ma­ni - s'in­ti­to­la "Dal­la pie­tà all'amo­re" e si apre con le im­ma­gi­ni del ter­re­mo­to di Mes­si­na (1909) e ter­mi­na con "Il ba­cio" (1910): in mez­zo inau­gu­ra­zio­ni di fab­bri­che, vi­si­te di rea­li, eclis­se di so­le, even­ti spor­ti­vi, ecc. Na­to nel 1878 e mor­to nel 1940, Co­me­rio si de­di­cò al­la fo­to­gra­fia co­me ap­pren­di­sta, di­ven­tan­do fa­mo­so ap­pe­na ven­ten­ne per aver fo­to­gra­fa­to la re­pres­sio­ne di Ba­va Bec­ca­ris dei mo­ti po­po­la­ri del 1898, un ve­ro e pro­prio scoop dell'epo­ca. Da­gli ini­zi del ’900 si de­di­cò al ci­ne­ma, non so­lo co­me ope­ra­to­re ma an­che co­me pro­dut­to­re, fon­dan­do la Co­me­rio Film. Rea­liz­za mol­ti re­por­ta­ge, è il pri­mo al mon­do a se­gui­re dal vi­vo e a lun­go una guer­ra, quel­la ita­lo-tur­ca del 1911 in Li­bia, e straor­di­na­rie - co­me vi­sto lo scor­so an­no - so­no le ri­pre­se del­la Pri­ma guer­ra mon­dia­le, so­prat­tut­to sul fron­te del­le mon­ta­gne. Non ab­ban­do­na nel frat­tem­po la fo­to­gra­fia, di­ven­tan­do il fo­to­gra­fo uf­fi­cia­le del re d'ita­lia. Do­po il '18 la sua at­ti­vi­tà va in cri­si e Co­me­rio è co­stret­to a chiu­de­re la sua at­ti­vi­tà. Emar­gi­na­to, muo­re po­ve­ro e di­men­ti­ca­to nel 1940, po­co do­po l'en­tra­ta in guer­ra dell'ita­lia.

Co­me sot­to­li­nea il cu­ra­to­re, il ci­ne­ma di Co­me­rio ri­ve­la uno sguar­do to­tal­men­te li­be­ro e si può ben di­re che sia sta­to il pri­mo ci­nea­sta pu­ro e as­so­lu­to del ci­ne­ma ita­lia­no. E an­che quan­do in­se­ri­sce nei suoi do­cu­men­ta­ri sce­ne di fin­zio­ne, sem­bra che su que­sta vo­glia pro­lun­ga­re l'ef­fet­to del rea­le.

IN LI­BIA

Coc­ciu­tel­li in Guer­ra (IT 1912) di Lu­ca Co­me­rio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.